BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Siviglia-Benfica/ La maledizione di Bela Guttmann colpisce ancora: da José Aguas allo United del destino, storia di un dramma sportivo

Pubblicazione:giovedì 15 maggio 2014 - Ultimo aggiornamento:giovedì 15 maggio 2014, 11.49

La coreografia dei tifosi del Benfica allo Juventus Stadium La coreografia dei tifosi del Benfica allo Juventus Stadium

Vienna, dal 1981, è sepolto Bela Guttmann. Eusebio, che lo aveva avuto come allenatore in quelle due finali vinte, andò a pregare sulla sua tomba, chiedendogli di intercedere per le Super Aquile e di spezzare la maledizione. Frank Rijkaard aveva altri piani: al 68' scattò tra le maglie della difesa, nella quale giocava un certo Aldair che sarebbe diventato una bandiera della Roma, e con l'esterno freddò Silvino. Le ultime due sconfitte sono recenti. Lo scorso anno il Benfica perse in Europa League contro il Chelsea, subendo gol da Branislav Ivanovic ad un passo dai tempi supplementari; a corredo della beffa, le Super Aquile si videro scippare da sotto gli occhi il campionato con pareggio interno contro l'Estoril e sconfitta sul campo del Porto (due reti subite nei minuti di recupero) e la coppa nazionale dal Vitoria Guimaraes. Quest'anno sembrava fosse arrivata la volta buona: in semifinale il Benfica aveva eliminato la Juventus, considerata favorita da tutti anche per la finale fissata a Torino, ed era onestamente superiore al Siviglia. Ma la maledizione era in agguato: già nella partita di ritorno contro i bianconeri Enzo Perez rimediava un doppio giallo, Salvio diffidato si faceva ammonire e Lazar Markovic si vedeva sventolare il cartellino rosso dalla panchina. Ieri sera una miriade di azioni e conclusioni dal limite dell'area o dentro i 16 metri, tutte respinte da difensori che miracolosamente si trovavano sulla traiettoria e riuscivano a sventare la minaccia. Fino ai calci di rigore, e alle parete di Beto su Cardozo e Rodrigo. Ancora una volta ha vinto Bela Guttman: fanno 52 anni e adesso gli Encarnados, a quell'anatema, ci credono eccome. 

(Claudio Franceschini)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.