BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Risultati Serie A/ Classifica aggiornata: chi va in Europa e chi retrocede, i marcatori (oggi domenica 18 maggio 2014 38ma giornata in diretta)

Risultati Serie A, partite livescore e classifica aggiornata. Ultimo appuntamento con la Serie A 2013-2014. In campo, a partire dalla ore 15.00, 18 squadre dopo l’anticipo di ieri: eccole

Giampiero Ventura, allenatore Torino (Foto Infophoto)Giampiero Ventura, allenatore Torino (Foto Infophoto)

Il campionato di Serie A 2013-2014 è terminato e Ciro Immobile è il capocannoniere del torneo. Sono 22 le reti dell'attaccante del Torino, che ha saltato l'ultima giornata e non ha potuto dare il suo contributo per spingere i granata in Europa League, dovendo assistere dalla tribuna all'errore dal dischetto del suo "gemello" Alessio Cerci, che chiude l'anno con 13 reti (e 11 assist). Nei primi dodici cannonieri ci sono 6 italiani: si tratta, oltre a Immobile, di Luca Toni (20), Antonio Di Natale (17), Domenico Berardi (16), Giuseppe Rossi (16) e Alberto Gilardino (15). Notizie positive dunque, anche se è strano pensare che di questi sei soltanto Immobile e Rossi (forse, perchè parliamo di preconvocati) andranno in Brasile a giocarsi il Mondiale. Già, perchè Mattia Destro (13) è stato limitato dalle sole 20 presenze (un gol ogni 98 minuti), di Cerci abbiamo detto, Mario Balotelli ha realizzato 14 gol e Antonio Cassano, che non è una prima punta, si è fermato a 12. Ottime le prestazioni di tre attaccanti stranieri al loro primo anno in Italia: Carlos Tevez (19) è dietro solo a John Charles e Omar Sivori tra i cannonieri all'esordio con la Juventus, Gonzalo Higuain (17) ha mantenuto le aspettative non facendo troppo rimpiangere Edinson Cavani, mentre José Maria Callejon (15) ha stupito tutti confermando le parole di Rafa Benitez. Bene anche Berardi all'esordio in Serie A, Rodrigo Palacio (17) si è confermato cecchino sotto porta, Paulinho (15) ha dimostrato di valere la categoria e il prossimo anno potrebbe esserci ancora.

Le partite della 38^ giornata hanno rivelato i propri risultati finali e la Serie A 2013-2014 va in archivio avendo assegnato anche l'ultimo verdetto in bliico in classifica: il Parma è sesto e dunque va ai preliminari di Europa League. Ma è un ultimo turno al cardiopalma: i ducali sbloccano solo a metà ripresa contro un Livorno già retrocesso, il Torino va sotto due volte e per due volte rimonta la Fiorentina, poi ha un rigore nei minuti di recupero ma Alessio Cerci, proprio lui, si fa parare la conclusione da Rosati e fa svanire le speranze dei granata di tornare in Europa dopo 20 anni, chiudendo in lacrime davanti allo splendido pubblico che si è riversato a Firenze sperando nell'impresa storica. Niente da fare nemmeno per il Milan, che pure batte 2-1 il Sassuolo, mentre cade l'Inter sul campo del Chievo, ottava sconfitta stagionale. 

Pokerissimo al San Paolo: Napoli 5 Verona 1, doppietta per Dries Mertens che fa 11 in campionato. A Firenze si spengono forse i sogni di Europa League granata: Fiorentina 2 Torino, al 79' Rebic. E a Parma, quasi a rispondere, Amauri fa doppietta e 8 in campionato, spingendo i ducali al sesto posto. 

La Fiorentina sblocca il risultato contro il Torino: rigore di Giuseppe Rossi al 56' minuto e gol numero 16 in campionato per Pepito. Adesso i granata sono lontani dalla qualificazione in Europa League; sorride invece il Milan, che sfruttando il pareggio interno del Parma è sempre più sesto. 

Anche l'Inter sblocca la partita: la rete del vantaggio contro il Chievo porta la firma dell'nex Marco Andreolli. Che non esulta, ma in realtà ha segnato una rete stupenda, la prima con la maglia nerazzurra: destro sulla respinta corta della difesa veronese che non era riuscita a mettere fuori una punizione dalla destra di Taider. 

Cambiano due risultati, ma si segna sempre e solo al San Paolo e San Siro: al 27' 2-0 Milan grazie a una punizione di Nigel De Jong deviata da Zaza (Pomini spiazzato), al 25' doppietta (la seconda in Serie A) per Duvan Zapata che raccoglie un cross da sinistra di Callejon al termine di un'azione orchestrata dallo stesso spagnolo che riceve l'uno-due lungo da Jorginho e mette dentro con l'esterno, testa di Zapata e 3-0. 

Il Napoli raddoppia: grande azione Insigne-Mertens, il belga serve Duvan Zapata che spalle alla porta non ha un controllo feliclissimo ma riesce a tenere lì il pallone per poi girarsi sul sinistro e incrociare per battere Nicolas. Quarto gol in campionato per il colombiano. 

Al 5' minuto di gioco Napoli 1 Verona 0. José Maria Callejon fa 15 in campiojnato e 20 in stagione, raccogliendo un assist basso di Mertens e incuneandosi da destra nella difesa scaligera scaricando poi il destro in diagonale. Il classico gol dello spagnolo. 

Al 2' minuto di gioco si sblocca Milan Sassuolo: risultato 1-0 grazie a un super gol di Sulley Muntari che scarica in porta un sinistro da fuori area che bacia il palo prima di beffare Pomini. In questo momento i rossoneri sarebbero sesti in classifica ed entrerebbero in Europa League. 

Risultato finale tra Catania e Atalanta che si fissa sul 2-1 grazie al gol su calcio di rigore di Gonzalo Bergessio che si porta cosi a dieci reti stagionali in campionato. Fallo di mano di Bellini in area e penalty che il numero nove catanese non ha problemi a trasformare  

RIsultato che cambia in Genoa Roma grazie al gol di Fetfatzidis che sblocca la gara sfruttando nel miglior modo possibile un assist in profondità di Konatè. A tu per tu con Skorupski poi non sbaglia

Risultato che torna in parità tra Catania e Atalanta grazie al gol di Moussa Kone che ribadisce in rete un gran tiro di Denis che Frison era riuscito in qualche modo a deviare con l'aiuto della traversa

–Risultato che cambia in Catania-Atalanta grazie al gol di Francesco Lodi che corona una bella azione impreziosita da uno scambiuo con Bergessio. Il centrale etneo conclude con una rasoiata che muore all'angolino basso 

Alla festa per il record di punti partecipa anche Claudio Marchisio, con un gol che porta il risultato tra Juventus e Cagliari sul 3-0 per i biancoeri. Coordinazione splendida e gran botta che non lascia scampo a Silvestri che deve per la terza volta abbozzare e raccogliere la palla in fondo al sacco 

Risultato che cambia ancora tra Juventus e Cagliari grazie al gol da grande rapinatore d'area di Fernando Llorente che è il più lesto e il meglio posizionato e trova la zampata vincente sugli sviluppi di un calcio d'angolo

Risultato che cambia subito tra Juventus e Cagliari grazie al gol di Pirlo su calcio di punizione. Il regista bianconero sfoggia un colpo dei suoi con la palla che incoccia sulla parte bassa della traversa e si insacca alle spalle di Silvestri 

Ultimo entusiasmante appuntamento con la Serie A 2013-2014. Di scena la 38esima giornata, turno iniziato ieri sera con l’unico anticipo di sabato, la sfida dello stadio Friuli fra l’Udinese e la Sampdoria (treminata con il risultato finale di 3-3 con tripletta di Di Natale da una parte e reti di Soriano, Eder e Okaka dall'altra). Ecco l’elenco completo dei match in programma: Parma-Livorno, Lazio-Bologna, Fiorentina-Torino, Napoli-Verona, Juventus-Cagliari, Genoa-Roma, Catania-Atalanta, Milan-Sassuolo, Chievo-Inter. Andiamo ad analizzare insieme le partite che si giocheranno nelle prossime ore. Chiude in casa, allo Juventus Stadium, la squadra bianconera allenata da Antonio Conte e laureatasi campione d’Italia due weekend fa. Il Cagliari, già matematicamente salvo, cercherà di non sfigurare eccessivamente contro la Signora. La Roma, seconda in classifica, volerà allo stadio Marassi di Genova per sfidare i rossoblu di Gian Piero Gasperini, 14esimi in classifica a quota 41 punti. Bella gara all’Artemio Franchi di Firenze fra la Fiorentina, quarta assoluta con 64 punti, e il Torino, attualmente sesto a quota 56 punti e in cerca di un successo per l’Europa League. Il Napoli, terzo e sicuro del posto in Champions League con i suoi 75 punti conquistati, chiuderà la stagione fra le mura domestiche del San Paolo per la spettacolare sfida contro l’Hellas Verona, formazione che dopo la sconfitta dello scorso weekend contro l’Udinese ha detto definitivamente addio al sogno Europa League. Chi invece è certo di un posto in Coppa è l’Inter, che se la vedrà con il Chievo allo stadio Bentegodi, con i veneti già matematicamente salvi a quota 33 punti. Il Parma, settimo a 55 punti, cercherà punti “europei” allo stadio Tardini nella sfida in programma contro il Livorno alle ore 20.45. Il Milan, invece, se la giocherà a San Siro contro il Sassuolo: i rossoneri sono attualmente ottavi in classifica, e una vittoria, unita ad un contemporaneo pareggio del Toro e ad una sconfitta del Parma, permetterebbe loro una clamorosa qualificazione alla prossima Europa League. Niente Europa invece per la Lazio dopo la sconfitta contro l’Inter dello scorso weekend: oggi ospiterà in casa il Bologna, squadra già matematicamente retrocessa. Infine l’Atalanta, che proverà a chiudere in bellezza bissando il successo contro il Milan al Massimino, con il Catania già in Serie B.