BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

MONDIALI 2014/ News, Portogallo: la lista dei convocati. Cristiano Ronaldo la star, qualità al potere

Mondiali 2014 news, i preconvocati del Portogallo per il Brasile: Cristiano Ronaldo guida una nazionale con tanta qualità ma che forse difetta di cinismo. Paulo Bento ne scarterà sette

Foto InfophotoFoto Infophoto

Anche il Portogallo ha diramato la lista dei 30 calciatori preconvocati in vista del Mondiale 2014. I lusitani sono inseriti nel temibile gruppo G insieme a Germania (contro cui hanno perso la finale per il terzo posto nel 2006), gli Stati Uniti (che li batterono nel girone del 2002) e il Ghana, forse la più temibile delle formazioni africane. Paulo Bento, ex centrocampista che della nazionale è stato perno importante, può contare su un gruppo di grande qualità: naturalmente la stella indiscussa è Cristiano Ronaldo, che deve ancora guidare il Portogallo verso grandi successi. Intanto ha trascinato di peso la sua nazionale al Mondiale con un playoff da sogno contro la Svezia; ora arriva da una stagione strepitosa con la maglia del Real Madrid, ha rivinto il Pallone d'Oro e ha tutto per essere la vera star di questo Mondiale. Insieme a lui giocatori che sono abituati a giocare le coppe internazionali e che, come sempre, formano un gruppo che tecnicamente ha poco da invidiare a Brasile e Spagna, ma che difetta di concretezza e cinismo (a parte i soliti noti). Lo schema sarà , un classico: Ronaldo partirà largo per avere una boa centrale, che potrebbe essere Hugo Almeida mentre Helder Postiga, sei mesi fermo alla Lazio, rischia il taglio dai 23. Nani, l'ex Inter Ricardo Quaresma e Varela rappresentano ottime soluzioni per gli esterni, senza dimenticarsi di Ivan Cavaleiro (classe '93). A centrocampo i soliti noti: Raul Meireles (arriva da un brutto infortunio), Joao Moutinho e l'ex Genoa Miguel Veloso, ovvero una mediana di piedi non buoni ma ottimi, che saranno aiutati dalla sostanza di Ruben Amorim e André Gomes campioni di Portogallo con il Benfica. Dietro ci sono i muscoli di Pepe, Rolando e Neto (lo ricorderete nel Siena), l'alternativa Bruno Alves e la spinta laterale di Joao Pereira e Fabio Coentrao (in gruppo c'è anche l'ex Roma e Lecce Antunes). In porta sarà battaglia: il titolare è tecnicamente Rui Patricio, ma Beto arriva da un'Europa League sensazionale e lasciarlo fuori sarà dura. E' una nazionale temibile, perchè ha risolto l'annoso problema della prima punta trovando Cristiano Ronaldo; sul piano del palleggio possono mettere sotto chiunque, poi come tutte le squadre di questo tipo vanno in sofferenza se attaccate, ma guai a lasciar loro spazi. La generazione d'oro dei Figo, dei Rui Costa e dei Pauleta si è arenata sulla Grecia; vedremo se questa saprà fare di meglio.