BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

LUIS SUAREZ OPERATO/ News, Mondiali 2014: menisco ko, l'Uruguay trema

Luis Suarez operato news, Mondiali 2014: il Pistolero si è fermato in allenamento e la risonanza ha rilevato la rottura del menisco. Operazione necessaria, ce la farà per l'esordio?

Foto Infophoto Foto Infophoto

LUIS SUAREZ OPERATO, MONDIALI 2014 NEWS - Incredibile notizia dall'Uruguay, e che presto è rimbalzata in tutto il mondo: Luis Suarez potrebbe saltare i Mondiali. Capocannoniere della Premier League con 31 gol in 33 partite, uno degli attaccanti più forti al mondo, il Pistolero è anche e soprattutto uno degli avversari dell'Italia nella prima fase, forse il più temibile perchè la Celeste, che oltre a lui può contare anche su Edinson Cavani, è data per favorita nel gruppo D (che comprende anche Inghilterra e Costa Rica). Ecco: Suarez rischia di saltare. Il motivo? Un'operazione al menisco alla quale si deve sottoporre. E' successo ieri: si stava allenando con la sua nazionale quando ha sentito un dolore al ginocchio e si è fermato. E' stata effettuata una risonanza immediata, che ha tracciato il terribile responso: si tratta di menisco e quindi il numero 9 dell'Uruguay è costretto ad andare sotto i ferri. I media uruguayani hanno lanciato la notizia in serata; quando il fratello Paolo ha confermato su Twitter, tutto un popolo si è idealmente messo le mani nei capelli. Qualcosa di simile era successo a Franco Baresi nel corso del Mondiale 1994: infortunato durante la partita contro la Norvegia (la seconda del girone), il capitano della Nazionale si operò al menisco e riuscì in tempo record (24 giorni) a recuperare ed essere in campo per la finale contro il Brasile dove, ironia della sorte, sbagliò il primo dei tre rigori che costarono la coppa all'Italia. Per Suarez i giorni sono 23: l'esordio dell'Uruguay è previsto per il 14 giugno contro la Costa Rica. Ci sarà? Potrebbe magari saltare una o due partite per poi rientrare nella fase a eliminazione diretta? Secondo le prime notizie dovrebbe essere così; ma, si chiedono nella sua patria, senza il Pistolero riuscirà la Celeste a superare un girone già di per sè impegnativo? Sia come sia, sul Mondiale 2014 sembra esserci una maledizione: sono già tanti i calciatori che vi devono rinunciare per infortunio, a cominciare da Radamel Falcao (rottura del crociato a fine gennaio, sempre meno le probabiità di un recupero per la Coppa del Mondo) per arrivare poi a Kevin Strootman (lesione al crociato con interessamento del menisco a inizio marzo) e Christian Benteke (rottura del tendine d'Achille a inizio aprile). L'assenza di Suarez sarebbe certamente un bene per l'Italia se guardiamo la partita che giocheremo contro l'Uruguay e che potrebbe decidere le sorti del girone (sarà il 24 giugno a Natal), ma in generale per gli appassionati di calcio sarebbe una notizia davvero molto negativa. 

(Claudio Franceschini)

© Riproduzione Riservata.