BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Pagelle/ Real Madrid-Atletico Madrid (4-1): i voti della partita (finale Champions League 2013-2014)

Real Madrid

Casillas, 5: non è in serata; sbaglia sul gol dell'Atletico e anche in un'altra uscita rischia parecchio. Ringrazia i compagni.

Carvajal, 6: gioca una buona prestazione, alcuni buoni spunti in fase difensiva, ma poca spinta in fase offensiva.

Varane, 6,5: resiste bene nella fase difensiva; non commette ingenuità e controlla bene le diverse situazioni nella propria area.

S. Ramos, 8: concentrato in fase difensiva, realizza poi il gol più importante pareggiando nel recupero del secondo tempo. Grande prestazione con uno dei gol decisivi come nella semifinale contro il Bayern.

Coentrao, 6: poca spinta offensiva, anche perché rimane dentro finché il Madrid gioca male (Marcelo, dal 59', 8: entra in partita fin da subito; e cerca di spingere sulla sinistra con costanza; salta sempre l'uomo e poi realizza il gol del 3 a 1).

Khedira, 5: gioca una brutta prestazione, non fa filtro e subisce costantemente il centrocampo avversario (Isco, dal 59', 7,5: entra bene in partita, serve tantissimi palloni ai compagni e da qualità alla manovra del Real Madrid).

Modric, 8: geometra del centrocampo, serve tantissimi palloni e non ha paura a prendere la propria squadra per mano.

Di Maria, 9: il migliore in campo della finale; non sbaglia mai nulla, accelera costantemente e salta sempre l'uomo. Il secondo gol lo crea da solo.

Bale, 6,5: segna il gol decisivo, ma prima si era mangiato almeno due gol; poi la sua stagione è ottima, ma stasera non brilla come al solito.

Benzema, 5: non tiene mai un pallone e ne perde tantissimi; non va mai al tiro e viene sostituito (Morata, dal 79', senza voto).

C.Ronaldo, 7: segna il gol nella sua Lisbona e si porta a casa la seconda Coppa della stagione; non brilla stasera, però riesce comunque a lasciare il segno.

All. Ancelotti, 10: porta a casa la terza Champions League da allenatore e la centra al primo tentativo con il Madrid; grandissimo allenatore che non ha più bisogno di aggettivi per essere descritto.

(Matteo Lambicchi)