BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LISTA CONVOCATI NAZIONALE/ Italia, Cavasin: il piano di Prandelli. Rischi Verratti e Rossi, Cassano X factor (esclusiva)

Pubblicazione:

(INFOPHOTO)  (INFOPHOTO)

LISTA CONVOCATI NAZIONALE: CAVASIN PARLA DELLE SCELTE DI PRANDELLI (esclusiva) - In Italia (ma non solo) siamo tutti commissari tecnici, ognuno ha la sua lista di giocatori che porterebbe al Mondiale, più o meno differente da quella del ct vero. Se n'è accorto anche Cesare Prandelli, le cui recenti scelte sono state seguite da una pioggia di critiche, non necessariamente distruttive, e commenti. Hanno fatto rumore in particolare le esclusioni di Domenico Criscito, Luca Toni e Alberto Gilardino, che avevano buoni motivi per sperare nella chiamata perlomeno nei primi 30. Lunedì 2 giugno il nostro ct diramerà la lista dei convocati definitiva, e finalmente conosceremo i nomi dei 23 giocatori che difenderanno l'azzurro in terra brasiliana. Per discutere delle preconvocazioni di Prandelli e delle possibilità future ilsussidiario.net ha intervistato in esclusiva l'allenatore Alberto Cavasin
Grandi critiche per i 30 pre-convocati di Prandelli. Se lo aspettava? E' il gioco delle parti, succede sempre così ma credo che Prandelli sapesse a cosa andava incontro quando ha accettato l'incarico fin dal primo giorno.
Le scelte del ct sono sottoposte a talmente tanti occhi critici che sono inevitabili le discussioni al riguardo. Da Criscito al mancato attaccante boa. E' sorpreso da qualche esclusione importante? Assolutamente no, nel caso di Criscito credo che il ct abbia voluto portare al Mondiale i giocatori che in questi ultimi mesi hanno fatto parte della Nazionale. Criscito era stato convocato per le ultime amichevoli ma non ha seguito con continuità il ciclo di Prandelli. Mentre sulla mancata convocazione di un grande attaccante credo ci sia un piano prestabilito di Prandelli.
In che senso? Non vuole dare punti di riferimento alle squadre avversarie, e giocare palla a terra cercando di puntare molto sulla qualità del fraseggio. E' sempre stata una prerogativa della sua Italia.
Potrà dargli una mano Cassano che è in grande forma? Assolutamente sì, Cassano voleva esserci e si è presentato alla grande, dopo un campionato da protagonista principale. E sono convinto che potrà davvero fare bene in Brasile.
A questo punto potrebbe essere tagliato Rossi, che è clinicamente guarito ma non in perfetta forma fisica? Io credo che in Brasile non ci vorranno giocatori forti o più portati fisicamente, perché le energie saranno spese in fretta. Per questo Rossi potrebbe tornare utile, se Prandelli dovesse tagliarlo lo farebbe solo perché non è convinto della sua guarigione fisica.
Secondo le ultime indiscrezioni potrebbe essere tagliato Verratti. Cosa ne pensa? Verratti è tecnicamente uno dei giocatori più forti della Nazionale italiana, che però a centrocampo è messa davvero molto bene. Non sarei sorpreso di un eventuale taglio di Verratti, si tratterebbe solo di un sovraffollamento nel suo ruolo. D'altra parte il futuro sarà tutto suo. In ogni caso è normale che in queste occasioni resti fuori gioco qualche grande giocatore.

(Claudio Ruggieri)



© Riproduzione Riservata.