BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Serie A 2013-2014 Awards/ Il dodicesimo uomo dell'anno

Serie A 2013-2014, i premi del campionato: il titolo di dodicesimo uomo dell'anno, il giocatore che più ha dimostrato di sapersi far trovare pronto pur non essendo un titolare

(INFOPHOTO) (INFOPHOTO)

Nel basket NBA viene premiato il cosiddetto sesto uomo, quello che entra dalla panchina e solitamente riesce dare la scossa ai compagni e una svolta alla partita, con punti o energia sui due lati del parquet. Nel calcio tutto si allarga, dal campo di gioco alle rose degli atleti, ma c'è sempre spazio per qualche "panchinaro specializzato": gente che non fa problemi a partire tra le riserve e capace di scatenarsi nella fetta di partita concessa. Alcuni diventano veri e propri titolari aggiunti, altri sono i primi ad entrare in campo in caso di bisogno: non si tratta necessariamente di superstar o predestinati ma di giocatori dannatamente utili. Quelli che parlano poco (sì-grazie-prego-ok) e giocano tanto, perché il loro tempo è spesso determinato, o subordinato a quello dei titolari.

Secondo posto: Alessandro Florenzi (Roma) Un romanista per tutte le stagioni, un giocatore per tutti i ruoli. Ha imparato da ogni maestro, sommando le nozioni che oggi ne fanno un "tuttocampista" di soli 23 anni. A Crotone si è fatto ossa dure e spalle larghe, con Zeman è diventato maratoneta mentre Rudi Garcia ne ha affinato le qualità offensive, non a caso è il quarto marcatore stagionale con 6 gol. E non a caso è il giallorosso che ha giocato più di tutti pur non essendo titolare: 37 presenze di cui 16 da subentrante, assente solo in Roma-Atalanta del 12 aprile per raggiunto limite di ammonizioni (6). Non sarà crema e gusto, ma per Florenzi ogni momento è quello giusto. 

Terzo posto: Nicola Sansone (Sassuolo) Stessa annata di Florenzi (1991) e stesso passato a Crotone, nella stagione 2011-2012. In più è uno dei pochi casi di emigrato di ritorno, anche se dall'Italia tecnicamente non è mai scappato: nato a Monaco di Baviera e cresciuto nel Bayern, è rientrato tre anni fa debuttando in Serie A l'anno scorso. A gennaio il Sassuolo: trasferimento misterioso perché a Parma Sansone aveva il suo bel perché; sei mesi dopo è uno dei segreti della salvezza neroverde, condita dai suoi 5 gol ed altrettanti assist in 12 presenze. Non è stato amore a prima vista (3 panchina su 5 match nella gestione Malesani) ma poi è bastato poco: d'altra parte per qualità fisiche (piccolo e rapido) e tecniche (dribbling e velocità d'esecuzione) Sansone è il perfetto attaccante tascabile, da estrarre quando vuoi.

Altre nomination: Ioannis Fetfatzidis (Genoa) Un greco chiamato dribbling, cometa o buco nero dell'azione genoana a seconda dell'esito. Potrebbe fare il dodicesimo di professione: 31 presenze di cui 20 dalla panchina. Mai come nel suo caso si è avuta la sensazione di giocatore part-time, più efficace a gara in corso che dall'inizio. I numeri sono ancora "monchi" (2 gol e 4 assist) per qualche funambolismo di troppo, ma nella panchina del Genoa è quasi un lusso. Un pokémon di tipo elettrico a cominciare dal nome: se si mette male Gasp può lanciarlo in campo al grido di "Fetfatzidis, scelgo te!"

Lorenzo Insigne (Napoli) Sempre meno riserva e sempre più titolare aggiunto, come dimostrano le 36 presenze complessive in Serie A (25 dall'inizio), secondo solo a Callejon che ne ha raccolte 37. Aveva già convinto Mazzarri e rapidamente ha conquistato anche la fiducia di Benitez: alla consacrazione manca solo la firma di Prandelli. E qualche gol in più a dirla tutta, perché a prescindere dall'impatto nella singola partita che è quasi sempre rilevante, Insigne deve smaliziarsi in fase conclusiva. Nel frattempo Rafa può godersi il suo miglior assistman: 58 totali di cui 9 decisivi, più o meno gli stessi di Cerci e Cuadrado per capirci.