BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

FASSINO/ Video: Stadio Filadelfia, il dito medio del sindaco ai tifosi del Torino, le sue parole

Durante le commemorazioni per la strage di Superga il sindaco di Torino Piero Fassino avrebbe mostrato il dito medio ai tifosi granata che lo insultavano, ecco il video

Foto InfoPhotoFoto InfoPhoto

Con un nuovo comunicato, il sindaco di Torino, dopo che ieri aveva smentito di aver fatto il gestaccio ammette questa volta l'insulto nei confronti dei tifosi granata. Una istintiva e umana reazione ha definito il gesto, scaturito dopo insulti e lanci di pietre verso di lui e la sua famiglia. Ha definito colpevoli dell'aggressione solo un ristretto numero di tifosi: "So bene peraltro che quelle violente intemperanze non corrispondono ai sentimenti dei tantissimi tifosi che manifestano la loro fede granata con passione e generosità e verso i quali ho sempre avuto e ho il massimo rispetto. E qualunque mia reazione all'accerchiamento non era certamente rivolta a nessuno di questi veri tifosi. Per rispetto a loro e alla loro storia, al valore della giornata del 4 maggio ero lì e vi sono rimasto nonostante la violenta intimidazione".

A guardare il video sembrerebbe proprio di sì, lui però smentisce. Il sindaco di Torino Piero Fassina, di nota fede juventina, avrebbe mostrato il dito medio ai tifosi del Torino che lo insultavano durante le celebrazioni dell'incidente di Superga in cui morì tutta la squadra del Torino degli anni quaranta. L'episodio è accaduto allo stadio Filadlelfia sede storica di quel Torino oggi semi abbandonato: i sostenitori del Torino lo insultavano ripetutamente e lui preso dall'impazienza avrebbe fatto tale gesto. Il video è stato messo in Rete su youtube su youTube dal consigliere comunale 5 Stelle, Vittorio Bertola. Fassino tra l'altro parlando durante la cerimonia aveva promesso con un linguaggio colorito la ristrtturazione dello stadio: "Sarò pure un gobbo di m... come state urlando, ma sarò io a ricostruire il Filadelfia e questo è quello che conta".

© Riproduzione Riservata.