BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

FINALE COPPA ITALIA/ Video news, lo schiaffo di Montella a Insigne dopo Fiorentina-Napoli

Video news, il mister della Fiorentina Montella dà uno schiaffo amichevole al giocatore del Napoli Lorenzo Insigne che ha segnato due gol contro i viola nella finale di Coppa Italia

Foto InfoPhotoFoto InfoPhoto

Il Napoli ha vinto la Coppa Italia 2013-2014, battendo in finale la Fiorentina per 3-1; grande protagonista della partita è stato Lorenzo Insigne, il talento di Frattamaggiore che finalmente è risultato decisivo anche in zona gol segnando una doppietta nei primi 17 minuti, utilissima per indirizzare la partita verso la squadra di Rafa Benitez. Chi non l'ha presa troppo bene ovviamente è stato Vincenzo Montella; il tecnico della Fiorentina, lui pure napoletano (ma non ha mai giocato con la maglia azzurra) è stato protagonista di un simpatico siparietto a fine partita, quando ha rifilato un amichevole scappellotto al numero 24 partenopeo, apostrofandolo con un "proprio contro di noi dovevi segnare?". Non che Montella abbia tutti i torti: le reti stagionali di Insigne sono 8, e due di queste proprio sabato sera. L'episodio ha fatto naturalmente suscitato l'ilarità dei presenti e dello stesso calciatore del Napoli; e ha ricordato molto da vicino quanto era accaduto in quel famoso 25 febbraio del 2012. Allora si giocava Milan-Juventus, big match per la testa del campionato; i rossoneri erano passati in vantaggio con Nocerino ma erano stati ripresi da Alessandro Matri, con in mezzo il gol-non gol di Sulley Muntari. Era finita 1-1 e quel risultato avrebbe poi inciso sulla vittoria dello scudetto da parte della squadra di Antonio Conte. Massimiliano Allegri, all'epoca allenatore del Milan, passando nella zona mista mentre l'attaccante bianconero sosteneva il rituale delle interviste post partita, gli aveva tirato una simpatica sberla accompagnata da un "ma vaff..." con il sorriso sulle labbra; i due avevano condiviso l'esperienza del Cagliari. Montella dunque è stato capace di farsi una risata dopo la sconfitta, ma dentro di sè è naturalmente amareggiato: era alla sua prima finale come allenatore, e l'ha persa. Si può consolare: avanti di questo passo, avrà altre occasioni per sollevare un trofeo.