BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

MONDIALI 2014/ News, Bosnia: la lista dei convocati. Pjanic e Dzeko guidano la matricola terribile

Mondiali 2014 news, la Bosnia ha diramato la lista dei convocati per la Coppa del Mondo in Brasile: per ora sono 24. Pjanic, Dzeko, Ibisevic e Misimovic i leader della matricola balcanica

La Bosnia festeggia un golLa Bosnia festeggia un gol

La Bosnia ha comunicato la lista dei giocatori che prenderanno parte alla prima, storica fase finale del Mondiale per questo piccolo Paese. In Brasile i bosniaci saranno nel gruppo F: affronteranno Argentina, Iran e Nigeria con buone possibilità di qualificarsi agli ottavi di finale. Il Commissario Tecnico Safet Susic al momento ne ha chiamati 24: vuole aspettare fino all'ultimo istante utile per capire se dovrà rinunciare definitivamente a Mensur Mujdza, centrocampista del Friburgo che a marzo si è rotto il legamento esterno della caviglia. Il gruppo ha ambizioni legittime: basti nominare i due attaccanti che prenderanno parte alla spedizione, quell'Edin Dzeko che giusto ieri ha segnato una doppietta all'Aston Villa che avvicina la Premier League per il Manchester City e quel Vedad Ibisevic che oggi gioca nello Stocccarda e che aveva impressionato tutti con la maglia dell'Hoffenheim. Completa il reparto Edin Visca, che gioca in Turchia con l'Istanbul BB; ma il vero fiore all'occhiello della Bosnia è il centrocampo, che ha tanta qualità e diverse soluzioni. Miralem Pjanic lo conosciamo tutti, e le attenzioni di PSG e Barcellona su di lui, oltre alle tre stagioni di grande livello giocate con la Roma, dicono più di ogni altra parola sul valore del giocatore. Dall'Italia c'è anche Senad Lulic: proprio un messaggio di complimenti inviatogli da Pjanic, per il gol con cui l'esterno della Lazio aveva risolto la finale di Coppa Italia (il derby) aveva aperto a una contestazione dei tifosi nei confronti del centrocampista giallorosso. C'è anche Zvjezdan Misimovic, che insieme a Dzeko vinse il Meisterschale con la maglia del Friburgo; oggi gioca in Cina dopo essere passato dal Galatasaray, ha abbandonato il grande calcio europeo ma resta un ottimo talento sul quale Susic può costruire la sua mediana, oppure può piazzarlo dietro le punte. Attenzione anche a Sejad Salihovic, lui pure protagonista in Germania con l'Hoffenheim, che nella stagione della promozione (2008-2009) era stato in testa alla Bundesliga per quasi tutto il girone d'andata. A ben guardare il punto debole è la difesa: ci sono alcuni elementi di esperienza come Emir Spahic (Bayer Leverkusen) e Sead Kolasinac (Schalke 04) che nonostante la carta d'identità (classe '93) ha già giocato in Champions League; ma in generale la linea non convince. Il portiere sarà senza discussioni Asmir Begovic, che dal 2010 difende i pali dello Stoke City.