BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

PROBABILI FORMAZIONI / Argentina vs Bosnia: le ultime novità (Mondiali Brasile 2014, girone F)

Leo Messi con Sergio Aguero (Infophoto) Leo Messi con Sergio Aguero (Infophoto)

Safet Susic ha a disposizione una squadra che ha tutto il talento concentrato a centrocampo e in attacco. E dunque, la Bosnia fonda molto il suo gioco sul possesso palla per evitare di esporsi troppo nella sua fase difensiva, quando risulta più vulnerabile. Davanti al portiere Begovic, impegnato nello Stoke City in Premier League, c'è una linea a 4 nella quale il leader è Emir Spahic, titolare nel Bayer Leverkusen e di gran lunga l'uomo più esperto (73 presenze in Nazionale); ma bisogna fare attenziojne anche al terzino sinistro Salihovic (Hoffenheim) che sulla carta è un centrocampista. In mediana Miralem Pjanic si occupa dell'impostazione, Besic (un difensore centrale riciclato a centrocampo) sarà il frangiflutti di Susic). Una mano la daranno gli esterni del tridente sulla trequarti: Hajrovic gioca nel Galatasaray, è giovane e può avere un grande futuro davanti a sè. Lulic lo conosciamo bene: può ricoprire tutta la corsia e vede bene la porta. In mezzo gioca Zvjezdan Misimovic, che ha vinto la Bundesliga nel 2009 con il Wolfsburg da grande protagonista. Gol e assist, non un fulmine di guerra ma può mettere la palla dove vuole; da vedere la sua condizione: arriva dal campionato cinese. Davanti a tutti gioca Edin Dzeko, che non ha certo bisogno di alcuna presentazione. 

Il problema della Bosnia è quello di non avere una panchina all'altezza. Susic ha chiamato un solo attaccante di scorta. Che è ottimo: si tratta di Vedad Ibisevic, esploso nell'Hoffenheim e affermatosi nello Stoccarda. Però, visto lo schema rischia di giocare poco, e di non farlo quando Dzeko sarà in campo (si può comunque passare al 4-4-2 che il CT ha spesso utilizzato nelle qualificazioni). Gli altri danno molta meno affidabiità: c'è Edin Visca che gioca in Turchia al pari di Ibricic, c'è Vranjes, c'è Haris Medunjanin che nei piani della vigilia sarebbe dovuto essere un titolare in mediana (ma gli dovrebbe essere preferito Besic), c'è Kolasinac che si è messo in mostra con la maglia dello Schalke 04. Insomma, le alternative sono scarse e questo alla lunga potrebbe fare la differenza in negativo. 

Susic ha tutti i giocatori a disposizione, dunque ha potuto preparare la partita nel migliore dei modi contando su tutto il gruppo.