BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Pagelle/ Italia vs Inghilterra (2-1): i voti della partita (Coppa del Mondo 2014)

(INFOPHOTO) (INFOPHOTO)

Non è facile prendere il posto di Buffon ma il portierone del Psg risponde su ogni tiro. Tuttavia manca un po' di sicurezza su alcune uscite.Gran primo tempo, tanto entusiasmo che gli danno tanta birra e cerca pure la conclusione, senza fortuna. Nella ripresa spinge di meno.Troppi errori stasera, in marcatura e in disimpegno. Anche sul goal inglese poteva chiudere meglio.Doppio turno di lavoro viste le incertezze dei compagni ma le responsabilità non gli pesano e salva il risultato sventando occasioni importanti.Adattato a terzino sinistro, ruolo che non ricopre da diversi anni, fa fatica e lo dimostra sin dall'inizio. Come prevedibile non ha nemmeno le caratteristiche per salire in fascia.Il solito lavoro oscuro a centro campo, attuato in maniera gladiatoria, da vero combattente. Cerca anche di imbeccare i compagni.Un palo colpito e tantissimi cross, vincente quello per il goal del vantaggio di Balotelli. Aggiunge tanta qualità e sostanza, è lui il vero uomo in più!Forse stasera è sembrato un po' chiuso dalla presenza di Pirlo ma ha saputo trovare palla e ha servito l'assist per Marchisio.Ennesima partita dipendente da lui, è il faro della squadra e, toccando un enorme numero di palloni, permette l'inizio e la riuscita di tutte le azioni. La traversa, colta su punizione nel recupero, meritava miglior sorte per la bellezza del tiro.Che rete la sua! Un gran tiro da fuori a coronare una buona prestazione. A volte è un po' troppo falloso ma sbroglia situazioni complicate.Pressioni? Aspettative? Risposta: goal del 2 a 1 di Mario rimarcando il proprio strapotere su Cahill con u. Lo vogliamo così.Entra da comprimario per far respirare Verratti e controllare il vantaggio. Conquista una punizione importanteDà tutto per conquistare palloni ma viene praticamente sempre fermato in fuorigioco.Ottimo impatto sulla partita, valida alternativa a match in corso.
All. PRANDELLI 6,5 
Alla fine con questo risultato non si può che dargli ragione e aver fiducia nelle sue scelte. Il 2 a 1 viene infatti con gli 11 schierati dall'inizio e i giocatori inseriti a partita in corso si sono adattati bene.