BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Probabili formazioni / Ghana vs Stati Uniti: le ultime novità (Coppa del Mondo Brasile 2014, prima giornata gruppo G)

Foto: InfoPhoto Foto: InfoPhoto

Archiviate le lunghe polemiche per l'esclusione a sorpresa di Landon Donovan, gli Stati Uniti si presentano ai Mondiali con tante ambizioni. Hanno in panchina Jurgen Klinsmann che la Coppa l'ha alzata da giocatore e qualche partita internazionale l'ha giocata, e poi hanno un gruppo di giocatori di talento che messi insieme potrebbero fare il botto. A ben guardare i leader della squadra sono quattro: il portiere Tim Howard che è protagonista nell'Everton, Michael Bradley rientrato in patria dopo gli anni con Chievo e Roma, Jermaine Jones oggi al Besiktas ma nato e cresciuto in Germania dove ha giocato per 15 anni da protagonista (in Bundesliga) e infine Clint Dempsey, lui pure rientrato negli Stati Uniti dopo aver giocato una finale di Europa League con il Fulham. Lo schema è un 4-4-2: al fianco di Dempsey agirà Jozy Altidore, un altro di quelli che sono in Europa e che a 24 anni è atteso all'esplosione definitiva dopo avere segnato tanto con l'AZ Alkmaar (nel Sunderland non è andata troppo bene). A ben guardare manca la vera stella, il trascinatore: può farlo appunto Dempsey, chiamato a prender per umano i vari giovani della squadra. 

La panchina è giovane: chi avrà gli occhi di tutti puntati addosso è senz'altro Aron Johansson, classe '90, un islandese naturalizzato che nella sua prima esperienza con l'AZ Alkmaar (è arrivato per sostituire Altidore) ha messo dentro 20 gol in 37 partite di campionato. E' americano perchè nato sul suolo a stlele e strisce (in Alabama) ed è il giocatore che Klinsmann ha scelto al posto di Donovan. Parte come riserva, ma ha le capacità per guadagnarsi i gradi del titolare strada facendo. 

Anche per Jurgen Klinsmann non ci sono indisponibili e questo è positivo: la prima partita può fare tutta la differenza del mondo soprattutto perchè di fronte c'è l'altra outsider del girone, dunque vincere significherebbe mettersi in una posizione molto positiva per l'eventuale passaggio del turno.