BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Pagelle/ Germania-Portogallo (4-0): i voti della partita (Coppa del Mondo 2014, gruppo G)

(dal profilo Twitter ufficiale @FIFAWorldCup) (dal profilo Twitter ufficiale @FIFAWorldCup)

 

Rui Patricio, 5: impreciso in due occasioni, sia sul terzo che sul quarto gol; anche alcune buone parate, ma ciò non basta per la sufficienza.

Joao Pereira, 5: troppe imprecisioni in fase difensiva, soprattutto quando commette il fallo da rigore su Gotze; anche altre imprecisioni in fase offensiva dove non sembra mai lucido.

Bruno Alves, 5: sbaglia in occasione del terzo gol dove non allontana bene e regala il pallone a Muller; troppo impreciso e troppo lento per i velocisti della Germania.

Pepe, 4: uno dei giocatori più esperti in campo internazionale della sua squadra: commette un'ingenuità pazzesca e pur se il rosso è esagerato lascia la sua squadra in difficoltà per un errore banale.

Fabio Coentrao, 6,5: il migliore dei suoi; entra spesso in area e sviluppa alcune buone incursioni e poi è sfortunato ed esce in barella per infortunio (Hugo Almeida, dal 64', senza voto).

Joao Moutinho, 6: il migliore a centrocampo dei suoi; serve buoni palloni e ne recupera altrettanti ma viene lasciato solo contro il centrocampo avversario.

Raul Meireles, 5: poco incisivo nella fase di interdizione in quanto sembra sempre in ritardo; poco preciso in fase di possesso e pochi inserimenti.

Miguel Veloso, 5: non tiene mai un pallone e non rischia mai la giocata; si mette in difesa nel finale di primo tempo ma poi viene sostituito per dar posto ad un vero centrale difensivo (Ricardo Costa, dal 45', 6: entra senza cambiare la storia della partita, ma quantomeno fa il suo)

Nani, 6: qualche buono spunto, ci prova in due occasioni e non riesce però a rendersi pericoloso sottoporta; spesso è un po' troppo egoista ma comunque la sua prestazione è insufficiente.

Hugo Almeida, 5: mezz'ora di nulla; si infortuna ed esce (Eder, dal 27', 6: entra bene in campo con alcuni buoni spunti e si guadagna anche un rigore che non gli viene fischiato).

Cristiano Ronaldo, 5: ci prova solo su punizione, dove centra lo specchio in una sola occasione; troppo solo e isolato si assenta spesso dalla partita.

Allenatore, Paulo Bento, 4,5: squadra poco convinta contro una grande Germania; viene schiacciato dagli avversari e subisce una sonora sconfitta.

(Matteo Lambicchi)

© Riproduzione Riservata.