BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Probabili Formazioni / Camerun vs Croazia: i numeri 10 (Coppa del Mondo Brasile 2014, girone A 2^ giornata)

(Infophoto)(Infophoto)

Mario Mandzukic torna dalla squalifica e questa è la prima grande notizia per Nico Kovac. La Croazia ha avuto vari problemi nel corso di questi primi giorni: prima la minaccia di ritirare la squadra ha seguito del discutibile arbitraggio di Nishimura nella partita contro il Brasile, poi le foto di nudo di alcuni giocatori pubblicate su Twitter con conseguente silenzio stampa da parte di squadra e staff. Ora questa partita che vale la permanenza in corsa per gli ottavi di finale. Mandzukic a parte, si cambia modulo: sarà 4-5-1 con l'idea di infoltire una mediana che ha comunque tanta qualità e sa giocare il pallone. Titolare il classe '92 Marcelo Brozovic, che era subentrato lo scorso giovedi; restano ovviamente intoccabili Rakitic e Modric che sono gli aghi della bilancia della mediana croata, mentre sulle corsie agiranno come sempre Perisic e Olic, che avranno come loro dirimpettai rispettivamente Srna e Vrsaljko. Davanti quindi ci si appoggia all'attaccante del Bayern Monaco nella speranza che i suoi gol spingano avanti la nazionale.

Torna in panchina Jelavic, risultato troppo solo in attacco e non in grado di rendersi pericoloso; dalla panchina potrebbe comunque essere un'arma interessante per Kovac. Si siede anche Mateo Kovacic: il ragazzino dell'Inter non ha demeritato ma il suo Commissario Tecnico vuole qualcosa di diverso a centrocampo, Brozovic rispetto a lui ha più fase difensiva e può unire i reparti. Altre armi a disposizione sono Eduardo da Silva e Sammir, i due brasiliani naturalizzati che possono portare dinamismo e qualità alla squadra.

Non ci sono indisponibili ma la Croazia rischia molto: potrebbe arrivare alla partita decisiva contro il Messico con entrambi i due centrali difensivi squalificati, perchè Lovren e Corluka sono stati ammoniti contro il Brasile. Oppure - forse ancora peggio - potrebbero giocare senza di loro gli ottavi di finale.