BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Pagelle/ Uruguay-Inghilterra (2-1): i voti della partita (Coppa del Mondo 2014, girone D)

Le pagelle di Uruguay-Inghilterra 2-1, partita valida per la seconda giornata del girone D della Coppa del Mondo 2014: i voti della partita giocata all'Arena Corinthians di San Paolo

Il primo gol di Luis Suarez, 27 anni (dal profilo Twitter ufficiale @FIFAWorldCup)Il primo gol di Luis Suarez, 27 anni (dal profilo Twitter ufficiale @FIFAWorldCup)

L'Uruguay, dopo aver perso malamente 3-1 col Costa Rica, riesce a tornare fortemente in gioco nel gruppo D grazie al 2-1 contro l'Inghilterra. Vittoria fondamentale che manda in grosse difficoltà la squadra dei tre leoni, a cui potrebbe non bastare vincere la terza gara.

Nel primo tempo parte forte l'Inghilterra che controlla il campo, aspettando le ripartenze dell'Uruguay. Rooney al nono minuto sfiora l'incrocio dei pali su punizione e dopo 21 minuti coglie l'altro su colpo di testa sugli sviluppi di un calcio d'angolo. Cresce la celeste che passa in vantaggio grazie a un gol di testa di Luis Suarez su assist di Cavani. Nella ripresa reagisce l'Inghilterra che pareggia a quindici dalla fine su gol di Rooney, servito da Johnson. Nel momento migliore della squadra di Hodgson passa di nuovo l'Uruguay, ancora con Luis Suarez che coglie un lancio di Muslera spizzato da Gerrard. Partita veloce e in certi frangenti molto divertente, sorprende per agonismo e grande forza fisica. Protagonista assoluto Suarez che riesce a giocare con grande dinamismo nonostante l'intervento al ginocchio di poco tempo fa. Delude l'Inghilterra che ora è vicina all'eliminazione.

Non che la squadra abbia girato alla perfezione, anzi dietro qualcosa ha ballato anche troppo, ma la coppia Suarez-Cavani fa paura davvero per qualità e quantità. A centrocampo piace la cattiveria agonistica di Arevalo Rios e la corsa di Gonzalez. Sovvertito nuovamente ogni tipo di pronostico, dopo il brutto 3-1 contro Costa Rica, ora l'Uruguay può davvero passare agli ottavi di finale.

Errori in fotocopia di quelli commessi contro l'Italia. L'Inghilterra va di nuovo sotto, pareggia e di nuovo si fa superare col 2-1, stavolta dopo aver fatto l'1-1 a 15 minuti dalla fine. Ottimi giocatori offensivi, che però non hanno un gioco tessuto da Hodgson che li fa giocare sulle ali delle loro qualità. Wilshire e Barkley rimangono fuori inspiegabilmente.

Lascia correre la gara con grande mestiere, non fermando il gioco quando non serve. Nella ripresa cresce di personalità non sbagliando nulla. Nel primo tempo ci poteva stare il rosso su Godin, già ammonito e autore di un blocco proibito su Sturridge;

Tutte e due le squadre devono reagire al ko nella prima giornata del Mondiale se vogliono passare il turno che porta agli ottavi. Parte forte l'Inghilterra, che sembra voler fare la partita, tenendo la squadra alta e i reparti in ordine. L'Uruguay risponde difendendo e provando a ripartire. Dopo appena nove minuti Rooney va vicinissimo alla rete su punizione, sfiora l'incrocio dei pali alla destra di un Muslera immobile. L'attaccante del Manchester United si ripete 21 minuti dopo quando di testa, sugli sviluppi di un angolo, centra l'altro incrocio. A passare in vantaggio però è l'Uruguay che sfrutta benissimo l'asse Cavani-Suarez. Il giocatore del Psg la mette in mezzo e la punta del Liverpool infila Hart di testa quando siamo al minuto 38.  Il primo tempo termina così. 

Il primo tempo scorre veloce tra due squadre molto diverse. L'Inghilterra ha ottimi giocatori, ma manca nell'intelaiatura di gioco. Oggi si sono visti gli stessi limiti ravvisati contro l'Italia nella squadra di Roy Hodgson. Dall'altra parte l'Uruguay dimostra di essere una squadra diversa con Suarez in campo, l'attaccante del Liverpool regala quantità e qualità e insieme a Cavani fa paura a chiunque. Attenzione però che la partita è ancora aperta.  - L'attaccante del Liverpool torna dopo un infortunio, recuperando prima del previsto. Dimostra di essere fondamentale in questa squadra e non solo per il gol, proprio perchè la nazionale allenata da Tabarez gioca meglio quando c'è lui. Il gol? Una perla rara, il quarantesimo in maglia celeste, come lui nessuno mai.  - Godin ha giocato bene, tenendo la difesa alta e rispondendo a Sterling e Sturridge. Gli diamo l'insufficienza e il titolo di peggiore perchè commette un'ingenuità che poteva costare davvero cara alla sua squadra. Già ammonito va ad allargare il gomito su Sturridge, rischiando la seconda ammenda e il cartellino rosso. Da un capitano con la sua esperienza ci aspettiamo di più. -  Nonostante gli anni passano le idee e soprattutto i piedi sono quelli. Gli stessi con cui coglie con un taglio strappa applausi Johnson sulla sinistra. Detta i tempi e gioca semplice, grandissimo centrocampista. Evanescente fino a diventare intollerabile. Deve applicarsi di più e mettere la sua qualità al servizio della squadra e non alla ricerca dell'inutile numero personale. Poco incisivo, andrebbe sostituito magari con Wilshire. : arbitra con grande personalità, fermando il gioco e usando il dialogo con i calciatori. Bravo nello spiegare rapidamente le sue interpretazioni e nel farsi capire da chi è in campo. Tiene alta la guardia e non sbaglia mai. Decisione discutibile quando grazia Godin da un secondo giallo che poteva anche starci.

(Matteo Fantozzi)