BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Classifica Gruppo D/ Risultati finali e marcatori di Italia-Costa Rica e Uruguay-Inghilterra (Coppa del Mondo 2014, seconda giornata)

Coppa del Mondo 2014: risultati, classifica, marcatori del gruppo D. L'Uruguay vince, torna in corsa e praticamente condanna l'Inghilterra. L'Italia chiamata alla vittoria oggi a Recife

Luis Suarez segna il primo gol contro l'Inghilterra (Infophoto) Luis Suarez segna il primo gol contro l'Inghilterra (Infophoto)

Si conclude oggi la seconda giornata del gruppo D della Coppa del Mondo 2014; e siamo interessati in prima persona perchè questo è il raggruppamento degli Azzurri, a caccia degli ottavi di finale. Il risultato di ieri a dire il vero non ci ha troppo favoriti: Uruguay-Inghilterra 2-1, grazie alla doppietta di Luis Suarez che ha reso vana la momentanea rete del pareggio firmata da Wayne Rooney. Dunque, gli inglesi sono praticamente fuori: avrebbero bisogno di un miracolo per qualificarsi. Oggi alle 18 Italia-Costa Rica: conta solo vincere, e anche così potrebbe non bastare. Spieghiamo: a fare fede in caso di arrivo a pari punti è la differenza reti globale, e non gli scontri diretti. Questo significa che al momento l'Italia (+1) si trova dietro la Costa Rica (+2) ma davanti all'Uruguay (-1); in caso di vittoria contro i centramericani non saremmo ancora certi degli ottavi, poichè tutto si rimanderebbe all'ultima giornata, quando un tonfo pesante contro la Celeste e un'eventuale vittoria della Costa Rica contro l'Inghilterra potrebbe clamorosamente eliminarci. Per questo oggi conta vincere e provare a farlo bene, così da non avere dubbi riguardo a eventuali incastri che conosciamo bene (l'esempio lampante è l'Europeo del 2004). Certo è difficile pensare a un'Inghilterra fuori con zero punti ed è tutto da dimostrare che l'Uruguay ci batta martedi; l'ultima volta che ci siamo incrociati (Confederations Cup 2013) è finita 2-2. Tuttavia il dubbio rimane: Cesare Prandelli però fa bene a tenere la concentrazione rivolta esclusivamente all'Arena Pernambuco, dove giochiamo oggi il nostro secondo match; parlando globalmente del girone era difficile pensare che la cenerentola diventasse la nazionale di Roy Hodgson, ma è anche vero che alla vigilia regnava grande equilibrio. La partita di ieri è stata risolta da un paio di episodi, ivi compresa la traversa di Rooney quando eravamo ancora sullo 0-0; e anche tra Italia e Inghilterra un pareggio non avrebbe poi scandalizzato nessuno. Così la mina vagante è la Costa Rica, che avendo vinto la sua partita di esordio resta in corsa e può dare fastidio. Battiamola e saremo a più di metà dell'opera; le seconde partite del girone solitamente non ci portano benissimo (vedi 2002 e 2006, ma anche nel 1990 pur vincendo faticammo parecchio) ma abbiamo la qualità e gli uomini per superare l'ostacolo. Poi sarà, molto probabilmente, Colombia o Costa d'Avorio; vista adesso sarebbe meglio evitare i Cafeteros, ma vai a sapere cosa potrebbe succedere nel prossimo fine settimana.