BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Probabili formazioni / Italia-Uruguay: gli esclusi (Coppa del Mondo 2014)

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

(INFOPHOTO)  (INFOPHOTO)

PROBABILI FORMAZIONI ITALIA-URUGUAY:  CAVANI-SUAREZ, ATTACCO STELLARE (COPPA DEL MONDO 2014, GIRONE D) - Gioca in Italia, ma oggi ovviamente tiferà Uruguay. Gaston Brugman, trequartista del Pescara, ha commentato la sfida di oggi tra la sua Nazionale e gli Azzurri di Cesare Prandelli. Ai microfoni di Tuttomercatoweb.com dichiara: "La coppia Cavani-Suarez è di altissimo livello e tutto il gioco della squadra è calibrato sul loro gioco. L'Italia dovrà fare molta attenzione alle ripartenze. In quella fase di gioco l'Uruguay può essere micidiale", avverte Brugman. Più in generale, secondo il calciatore la “Celeste” sta bene, “soprattutto sul piano motivazionale dopo la gara con l'Inghilterra. Era tanto tempo che l'Uruguay non vinceva contro una Nazionale europea al Mondiale. Credo che contro gli azzurri anche i tifosi potranno fare la differenza”. In favore dell'Italia, invece, c’è ovviamente la consapevolezza di poter concludere la gara anche con un pareggio: “Agli azzurri basta anche un pareggio per qualificarsi – spiega Brugman a Tuttomercatoweb.com - ma soprattutto sono convinto che a Natal si rivedrà la squadra dell'esordio e non quella che è stata sconfitta dalla Costa Rica".

PROBABILI FORMAZIONI ITALIA-URUGUAY:  I DUBBI SULLA DIFESA A TRE (COPPA DEL MONDO 2014, GIRONE D) - “L’Italia finora non ha fatto grandi cose, ma mi auguro che nelle prossime partite possa migliorare. Contro l’Uruguay sarà una partita molto difficile, soprattutto sul piano fisico”. Queste le parole dell’ex ct della Nazionale Cesare Maldini, intervenuto durante la trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma su Radio Crc e le cui dichiarazioni sono riportate da NapoliSoccer.net. Secondo Maldini i sudamericani “sono molto tosti e poi l’Uruguay è tecnicamente forte ed ha il marchio dei cattivelli. Non credo che la difesa a tre possa bloccare Suarez e Cavani. Però, Prandelli giudicherà meglio di me”. Balotelli come unica punta potrebbe anche andare bene, “ma c’è bisogno ai due esterni che lo affianchino. Immobile e Balotelli sono due attaccanti che non hanno nel loro istinto coprire e ritornare. Entrambi restano in attacco ed aspettano la palla buona". Infine un pronostico sulla formazione che riuscirà ad aggiudicarsi il Mondiale: “L’Olanda è sempre stata una buona squadra. L’Italia mi auguro possa arrivare in finale. Secondo me quella azzurra è una buona squadra, ma non una grande squadra. Sicuramente migliorerà perché pian piano i giocatori capiscono così come l’allenatore”.

PROBABILI FORMAZIONI ITALIA-URUGUAY:  BALOTELLI-IMMOBILE (COPPA DEL MONDO 2014, GIRONE D) - Continua a far parlare l’ipotesi della coppia d’attacco Immobile-Balotelli che Cesare Prandelli avrebbe deciso di schierare domani fin dal primo minuto nelle formazioni ufficiali in occasione della delicatissima sfida mondiale contro l’Uruguay. A poche ore dall’inizio della gara, Tuttomercatoweb.com ha contattato in esclusiva Enrico Chiesa, attuale tecnico della Primavera della Sampdoria ed ex attaccante di Parma, Lazio, Fiorentina e della Nazionale: "Credo che questa squadra possa giocare con ogni modulo davanti – ha detto - Con una punta sola come ha fatto nelle prime due partite, con le due punte, ma anche con tre. Per quanto riguarda la coppia Immobile-Balotelli credo che sia ben assortita, con il primo bravo a lavorare negli spazi e il secondo a muoversi verso il centrocampo a cercare palloni giocabili. Senza dubbio possono coesistere". Un commento poi anche sulla difesa a tre composta da Barzagli, Bonucci e Chiellini: "Il modulo deve essere scelto in base allo stato di forma dei vari giocatori – ha spiegato Chiesa - Se domani la Nazionale sceglierà la difesa a tre è perché i giocatori sono in grandi di supportarla e garantire maggiori sicurezze a tutta la squadra. Con la difesa a tre la copertura degli spazi è maggiormente garantita e gli stessi giocatori corrono meno durante i novanta minuti".

PROBABILI FORMAZIONI ITALIA-URUGUAY:  PRANDELLI VERSO IL 3-5-2 (COPPA DEL MONDO 2014, GIRONE D) - In vista della sfida di domani tra Italia e Uruguay, a tenere banco nelle ultime ore è la ove secondo la quale Prandelli starebbe pensando ad un cambio di modulo con alcune novità nella formazione per cercare di risollevare le sorti dell'Italia. Per approfondire questo tema la redazione di Calcionews24.com ha contattato in esclusiva Roberto Mussi, ex terzino della Nazionale tra i protagonisti dei Mondiali americani del 1994. Il 3-5-2 di cui ormai tanto si parla "potrebbe funzionare – spiega Mussi - ma secondo me nella partita contro il Costa Rica non è stata una questione di modulo ma piuttosto un discorso legato all’ intensità e all’ aggressività che i nostri avversari hanno messo in campo. Cambiare modulo ovviamente non è un segno positivo perché vuol dire che qualcosa non ha funzionato, ma se i tre difensori saranno quelli della Juventus credo che potrebbe essere la soluzione giusta, poiché è una difesa già ampiamente collaudata". Dal rientro di De Sciglio fino alla conferma di Darmian, l’attuale vicepresidente della Massese si dice convinto che questi giovani "abbiano le caratteristiche giuste per poter dare una mano alla squadra soprattutto in fase di spinta e dare palloni giocabili ai nostri attaccanti". In ogni caso, conclude Mussi, "se l’ Italia riuscirà ad imporre il proprio gioco come ha fatto contro l’ Inghilterra credo che non avrà problemi a far sua la partita, ma molto dipenderà dell’ intensità che riusciremo a mantenere".

PROBABILI FORMAZIONI ITALIA-URUGUAY:  PIRLO IL PERNO DEL CENTROCAMPO (COPPA DEL MONDO 2014, GIRONE D) - E’ tutto pronto per Italia-Uruguay, decisiva sfida mondiale in programma domani alle 18 sul campo dell’Arena das Dunas di Natal. Rodrigo Romano, giornalista uruguaiano di Tenfield e Gol Tv, ha parlato del match in esclusiva per Calciomercato.it. Si parte dagli Azzurri e, in particolare, da Andrea Pirlo che definisce "il giocatore più importante dell'Italia. Il gioco azzurro passa dai piedi dello juventino, è il cervello della squadra – spiega Romano - Se Pirlo ha spazio per pensare e lanciare è difficile che l'Italia perda. Se, al contrario, viene marcato e bloccato per la squadra di Prandelli tutto si complica”. Ma l'Italia, ha aggiunto, “non è solo Pirlo. Marchisio è un grande giocatore che s'inserisce e segna, Candreva ha disputato una grande stagione con la Lazio, Verratti è un calciatore importante con corsa, tecnica e dinamismo come dimostrato nel Psg". Infine un paragone tra Balotelli e Suarez, le punte delle due formazioni: "Balotelli è un gran '9' ma ha bisogno che si giochi per lui. Perde la pazienza molto rapidamente se non gli arrivano palloni giocabili o non segna. Ma è innegabile che ha una grande percentuale di realizzazione. Suarez è completo, segna, gioca spalle alla porta o come punta centrale. Penso che sia più forte di Balotelli".

PROBABILI FORMAZIONI ITALIA-URUGUAY: NOTIZIE ALLA VIGILIA (COPPA DEL MONDO 2014, GIRONE D) - Italia-Uruguay si gioca domani (martedì 24 giugno) alle ore 18 di casa nostra: il teatro è l'Estadio Das Dunas di Natal, siamo alla terza e ultima giornata del gruppo D di Coppa del Mondo 2014. Una partita decisiva per il passaggio del turno: la differenza reti può essere decisiva e dunque con un pareggio gli Azzurri sarebbero agli ottavi di finale, ma con il secondo posto dietro la Costa Rica. In caso di vittoria bisogna sperare che l'Inghilterra batta i centramericani per passare come primi. L'arbitro di Italia-Uruguay sarà il messicano Marco Rodriguez, assistito dai guardalinee Marvin Torrentera e Marcos Quintero (suoi connazionali) e dal quarto uomo americano Mark Geiger.

QUI ITALIA - Cesare Prandelli sta pensando ad un cambio di modulo, accantonando il 4-1-4-1 delle prime due uscite per passare anzitutto alla difesa a tre. Che sarà di stampo prettamente juventino: davanti al portiere Buffon i tre previsti sono Barzagli, Bonucci e Chiellini. Nel centrocampo a quattro dovrebbe esserci spazio anche per Mattia De Sciglio, che ha recuperato dall'ultimo infortunio: salvo imprevisti partirà sulla fascia sinistra con Darmian dirottato sulla corsia opposta. La coppia centrale sarà composta da Pirlo e Verratti: quasi sicuramente non ci sarà De Rossi che ha riportato un edema al soleo nell'ultima partita contro la Costa Rica. Per l'attacco dune ipotesi: la prima prevede l'impiego di Immobile assieme a Balotelli con uno tra Candreva e Marchisio a supporto; la seconda invece escluderebbe Immobile, dando spazio quindi a due trequartisti (Marchisio e Candreva) dietro all'unica punta Balotelli.

QUI URUGUAY - Oscar Tabarez dovrebbe proporre il modulo 4-3-1-2 con tanti "italiani" o ex a cominciare da Muslera in porta. In difesa l'unico dubbio riguarda Diego Lugano, che ha saltato la sfida contro l'Inghilterra per infortunio (ginocchio destro): si è allenato a parte e non dovrebbe farcela, al suo posto pronto ancora il classe 1995 Josè Gimenez, dell'Atletico Madrid. Terzini: Martin Caceres a destra e Alvaro Pereira a sinistra. A centrocampo probabile conferma per Alvaro Gonzalez, Arevalo Rios e Cristian Rodriguez, con Lodeiro avanzato dietro le due punte, naturalmente Cavani e Luis Suarez.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.