BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Pagelle/ Giappone vs Colombia (1-4): i voti della partita (Coppa del Mondo 2014, girone C)

Pubblicazione:martedì 24 giugno 2014 - Ultimo aggiornamento:mercoledì 25 giugno 2014, 1.29

Giappone

Kawashima 5.5: Subisce quattro reti, in pratica effettua pochi interventi, senza essere decisivo in occasione dei gol;

Uchida 6: Molto propositivo in fase di attacco, effettuando alcuni cross poco sfruttati dai suoi compagni. Poco lucido in fase difensiva;

Konno 5,5 - Non riesce ad arginare lvli attaccanti colombiani, permettendo ai vari Rodriguez e Martinez di segnare agevolmente;

Yoshida 5,5 - Stesso discorso di Konno, si lascia sorprendere più volte dagli attacchi degli avversari;

Nagatomo 5,5: Si vede poco nel primo tempo, creando poco dal suo settore. Cresce nella ripresa da serve a ben poco;

Aoyama 5: Viene preferito da Zaccheroni a Yanaguchi, ma non giustifica la scelta: prestazione negativa.

(62' Yanaguchi 5 - Alla vigilia sembrava lui il titolare, ma inspiegabilmente lascia il posto a Aoyama. Non incide il suo ingresso.

Hasebe 5,5 - Al suo fianco giostra Honda, manca di collaborazione, risultando poco lucido negli appoggi;

Okubo 5,5 - Si fa apprezzare per qualche iniziativa, ma quasi sempre sbaglia nell'ultimo passaggio;

Honda 6,5: il migliore in campo della sua squadra. Prende per mano i suoi compagni per tentare di conquistare una vittoria, che potrebbe aprire le porte degli ottavi. suggerisce la palla del pareggio, e crea su punizione alcuni grattacapi al portiere Ospina;

Kagawa 5.5: tanto lavoro, ma poco concreto sotto rete. Si rende pericoloso in un paio di circostanze, ma manca di freddezza;

(85' Kiyotake sv)

Okazaki 6: A tempo scaduto con un suo gol, riapre la partita, ma non si ripete nella ripresa fallendo due buone occasioni;

(85' Kakitani sv)

All. Zaccheroni 6: esce mestamente dal mondiale, sperando sicuramente in qualcosa di più. Visto il primo tempo pensava a qualcosa di diverso nella ripresa, ma la differenza tra le due squadre era troppo netta.


< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >