BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

PROBABILI FORMAZIONI / Honduras vs Svizzera: le ultime novità (Coppa del Mondo 2014, gruppo E)

Foto Infophoto Foto Infophoto

 Si gioca domani sera all'Arena Amazonia di Manaus Honduras-Svizzera, partita valida per la terza e ultima giornata del gruppo E di Coppa del Mondo 2014. Entrambe cercano la qualificazione agli ottavi di finale; naturalmente però gli elvetici partendo da una situazione di 3 punti contro 0 sono nettamente favoriti mentre la H ha bisogno di una vittoria larga per superare eventualmente la differenza reti della stessa Svizzera e dell'Ecuador, che è impegnato contro la Francia e potrebbe facilmente perdere rimettendo tutto in discussione. Arbitra l'argentino Nestor Pitana. 

 Un solo gol segnato e cinque subiti: l'Honduras decisamente non è riuscito a incidere in questi Mondiali. Si poteva intuire: delle quattro formazioni del girone è quella che partiva con meno favori del pronostico, pur se ha potuto giocarsi le sue possibilità. Di fatto la partita contro l'Ecuador ha visto in campo una nazionale che ha tirato 16 volte in porta, centrando i pali in 9 occasioni; di fatto quindi avrebbe potuto vincere, perchè ha saputo tenere sul piano del possesso palla (49%) ma ha sprecato la grande occasione facendosi rimontare subito la rete del vantaggio firmato da Carlo Costly. Così ora la qualificazione si fa decisamente difficile: servirebbe un'ampia vittoria e una sconfitta dell'Ecuador. Luis Suarez vara la stessa formazione, il 4-4-2 nel quale ritrova il suo leader carismatico Wilson Palacios che, espulso contro la Francia, ha saltato la seconda partita del girone. Il resto non cambia: ci si affida come al solito alla coppia offensiva Bengston-Costly, che deve garantire i gol necessari a una difficile qualificazione.

 Nelle ultime due edizioni dei Mondiali la Svizzera aveva subito un solo gol, conoscendo un'eliminazione agli ottavi di finale e una al primo turno; stavolta di reti ne ha già subite sei in due partite, ma potrebbe proseguire il suo cammino. Il motivo è dato dal fatto che nel frattempo è migliorata la qualità dell'attaco: i gol realizzati sono quattro, e sono andati in gol quattro giocatori diversi. Il punto è che bisogna assolutamente evitare gli errori commessi contro la Francia, perchè non si possono subire cinque gol praticamente senza opporre resistenza e rischiare addirittura il sesto (Benaglio ha parato un rigore a Benzema). Per la partita di oggi Ottmar Hitzfeld, criticato in patria per alcune sue scelte, manda in campo i soliti: c'è ancora qualche dubbio per quanto riguarda la punta centrale, che potrebbe essere ancora Drmic mandando quindi in panchina Seferovic. Indisponibile Von Bergen, che dunque apre le porte della formazione titolare a Fabian Schar che dovrebbe essere preferito a un Senderos che contro i Blues ne ha combinate di tutti i colori.

© Riproduzione Riservata.