BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Risultati Mondiali 2014/ Coppa del mondo diretta livescore, partite e marcatori: Honduras-Svizzera 0-3, Ecuador-Francia 0-0 (Oggi mercoledì 25 giugno)

Risultati Mondiali, Coppa del Mondo 2014 livescore: le partite di oggi mercoledì 25 giugno. In campo Nigeria-Argentina e Bosnia-Iran (girone F), Honduras-Svizzera e Ecuador-Francia, girone E

InfophotoInfophoto

Al 71' minuto di gioco Honduras-Svizzera 0-3. Serata indimenticabile per Xherdan Shaqiri che realizza la sua tripletta personale. Altra azione di contropiede della nazionale elvetica: Ricardo Rodriguez verticalizza a sinistra per lo scatto di Drmic, che riesce ad evitare Bernardez entrando in area ed appoggia centralmente per l'accorrente Shaqiri, che di prima intenzione calcia a rete col sinistro spiazzando il portiere Valladares.

Al 31' minuto di gioco Honduras-Svizzera 0-2 all'Arena Amazonia di Manaus. Doppietta per Xherdan Shaqiri nella classica azione di contropiede: filtrante per Drmic che controlla nella trequarti sinistra dell'Honduras, poi imbecca lo scatto di Shaqiri che in campo aperto entra in area di rigore e trafigge per la seconda volta il portiere Valladares, con un preciso diagonale di sinistro.

Al 6' minuto di gioco Honduras-Svizzera 0-1, gol di Xherdan Shaqiri. Grandissima conclusione del trequartista svizzero che si accentra dalla destra e dal limite dell'area lascia partire un tiro perfetto a giro col sinistro, che toglie la ragnatela vicina all'incrocio dei pali.

Al 83' minuto di gioco Bosnia 3 Iran 1. Arriva il gol della bandiera da parte dell'Iran che va in rete con Reza Ghoochannejad ben imbeccato da un cross dalla sinistra di Nekounam, bravo a eludere il fuorigioco su un pallone rimesso in area; ma dopo un solo minuto arriva il primo gol in nazionale per Avdija Vrsajevic che finalizza un ottimo contropiede bosniaco scaricando un gran destro da dentro l'area.

Al 59' minuto di gioco Bosnia 2 Iran 0. E' la fine delle speranze degli asiatici: gran destro piazzato di Miralem Pjanic che entra in area da sinistra servito da un compagno (forse in leggerissimo fuorigioco), controlla di esterno per portarsi la palla sul piattone e incrocia alla sinistra di Haghighi.

Al 50' minuto di gioco Nigeria 2 Argentina 3. Una partita incredibile: stavolta a realizzare è il terzino sinistro Marcos Rojo, che sfrutta alla grande un calcio di punizione battuto da sinistra. Palla all'interno dell'area di rigore, Garay non ci arriva di testa ma Rojo, appostato dietro di lui, tocca in maniera fortuita con il ginocchio e infila alle spalle dell'incolpevole Enyeama.

Al 46' minuto di gioco Nigeria 2 Argentina 2. Manco a farlo apposta il gol è di Leo Messi: quarto in questa edizione di Coppa del Mondo, la Pulce è capocannoniere insieme al compagno di squadra nel Barcellona Neymar. Questa volta il 10 della Seleccion colpisce su calcio di punizione: sinistro morbido sotto l'incrocio coperto dalla barriera, con Enyeama forse in ritardo sul movimento. Resta un grandissimo gol, che spinge l'Argentina a punteggio pieno in questo gruppo F della prima fase di Coppa del Mondo 2014.

Al 23' minuto di gioco Bosnia 1 Iran 0. E' il primo gol in questa edizione dei Mondiali, e in senso assoluto, per Edin Dzeko; che a dire il vero aveva già realizzato contro la Nigeria, ma il gol pur regolare gli era stato annullato. Questa volta non ci sono dubbi: scambio tra il bomber del Manchester City e Pjanic, Dzeko rientra sul sinistro e dal limite dell'area scarica un sinistro che si infila all'angolino sinistro. Bosnia dunque in vantaggio, si allontana la qualificazione agli ottavi di finale per l'Iran.

Al 3' minuto di gioco Nigeria 1 Argentina 1. La rete Albiceleste porta la firma di Leo Messi che sfrutta una respinta corta di Enyeama su conclusione mancina di Di Maria; terzo gol in questi Mondiali per la Pulce, al quale però risponde immediatamente Ahmed Musa. Grande azione personale del numero 7 della Nigeria che in area di rigore rientra su Zabaleta e lo fulmina con un destro a giro sul secondo palo. E' il primo gol di Musa in Coppa del Mondo, in questo momento entrambe le nazionali sarebbero qualificate agli ottavi di finale.

Si gioca oggi un'altra giornata della Coppa del Mondo Brasile 2014, e ancora una volta ci saranno ben quattro partite a tenerci compagnia. Protagonisti i gironi E e F, ed essendo alla terza e ultima giornata della fase a gironi è prevista la contemporaneità fra le sfide dello stesso raggruppamento. Dunque si comincia alle ore 18.00 italiane con il girone F: Nigeria-Argentina a Porto Alegre (Estadio Beira-Rio) e Bosnia-Iran a Salvador (Arena Fonte Nova), mentre alle ore 22.00 sarà protagonista il girone E con Honduras-Svizzera a Manaus (Arena Amazonia) ed Ecuador-Francia a Rio de Janeiro (Estadio Maracanà). Questo quindi sarà il programma della giornata odierna, ancora una volta ricca di grande calcio, e tanti sono i verdetti ancora da decidere. Andando in ordine cronologico, si comincia dunque dal girone dell'Argentina, che è già matematicamente qualificata agli ottavi ma a cui serve ancora un punto per essere certa anche del primo posto del girone. Punto che basterebbe anche alla Nigeria per conquistare una qualificazione che agli africani manca dall'ormai lontano 1998. L'Iran deve dunque sperare che l'Argentina vinca, magari con l'ennesima perla di Leo Messi, e poi logicamente dovrà battere la Bosnia (già eliminata) per azzerare i tre punti di distacco dai nigeriani ed affidarsi poi alla differenza reti che potrebbe addirittura portare alla necessità di un sorteggio dato che lo scontro diretto era finito 0-0. Certo che l'Iran dovrà riuscire a segnare, cosa che ancora non gli è riuscita nemmeno una volta, mentre la Nigeria non ha ancora subito nemmeno una rete, ma adesso è attesa dal test Messi. Nel girone serale, di fatto promossa e prima la Francia (6 punti e differenza reti +6), di fatto fuori l'Honduras (0 punti, differenza reti -4), la battaglia è tutta tra Ecuador e Svizzera che sono appaiate a quota 3 punti. Al momento sono avvantaggiati i sudamericani che hanno miglior differenza reti (0 Ecuador, -2 Svizzera), ma gli elvetici hanno dalla loro un confronto sulla carta più semplice, di cui potrebbero approfittare per sopravanzare la Tricolor.