BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

PROBABILI FORMAZIONI / Germania-Algeria: la sfida dei portieri (Coppa del Mondo Brasile 2014, ottavi di finale)

(Infophoto) (Infophoto)

 Davide contro Golia, ma nel calcio mai dire mai. Si gioca domani alle 22.00 italiane, all’Estadio Beira-Rio di Porto Alegre, l’ottavo di finale tra la cenerentola Algeria e la Germania, una delle favorite di questa Coppa del Mondo. I nordafricani sono stati capace di passare, come secondi, nel girone H (alle spalla del Belgio) facendo fuori Corea del Sud (piegata 4-2) e Russia (pareggiandoci nell’ultimo e decisivo turno). Gli algerini vogliono ora (ri)stupire il mondo, ma la Germania di Loew è un gigante da piegare. I ragazzi di Halilhodzic stanno vivendo una favola e i tedeschi, comunque, temono la loro carica e spensieratezza: chi a da perdere non sono certo loro. Dalla loro, i teutonici hanno dominato il girone G, vincendolo con 7 punti (vittoria contro Portogallo e Stati Uniti e pareggio con il Ghana): o si vince o si va a casa. In attesa del fischio d’inizio andiamo dunque a vedere le  ultime notizie dai ritiri e i moduli di partenza delle di Germania-Algeria.

 I tedeschi non vincono il Mondiale da Italia ’90 e sognano di tornare ad alzare la coppa in terra Brasiliana, in uno degli stadi simbolo del calcio, il Maracana di Rio de Janeiro. La nazionale allenata da Joachim Loew è forse quella che ha maggiormente impressionato tra le big, visto che il girone non semplice nella quale era stata inserita. Il 4-0 dell’esordio contro il Portogallo ha colpito tutto, oltre ad aver regalato consapevolezza a un gruppo pieno di talenti. Il 4-2-3-1 partorito dal ct per far rendere al meglio i suoi uomini sta funzionando eccome: solidità dietro e pericolosità davanti, il tutto con un centrocampo che fa da collante. Per quanto riguarda l’undici titolare che scenderà in campo domani, davanti a Neuer giocheranno, J. Boateng, Mertesacker, Hummels e Hoewedes. I due centrocampisti a protezione delle retroguardia saranno Schweinsteiger e Lahm. Dietro all’unica punta Podolski ecco Kroos, Ozil e Mueller (scatenato a livello realizzativo).

 In pochi avrebbero scommesso che l’Algeria avrebbe passato il turno: Corea del Sud e Russia eliminate e nordafricani agli ottavi di finale alle spalle del Belgio (che ha chiuso il girone a quota 9 battendo all’esordio proprio gli algerini, ma con grande difficoltà). Il commissario tecnico Halilhodzic è riuscito a costruire una nazionale con grande organizzazione e fame: nella sfida contro i sudcoreani e i russi si è vista tutta la voglia dei suoi ragazzi di scrivere la storia. L’occasione è davvero grande: la Germania è una super big, ma la partita è secca e può davvero succedere di tutto. 4-2-3-1 anche per l’Algeria M’Bolhi in porta con Mandi, Bougherra, Halliche e Ghoulam a completare il reparto difensivo. Medjani e Bentaled i due centrali di centrocampo con Feghouli, Brahimi, Djabou a sostegno di Slimani.

© Riproduzione Riservata.