BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

PROBABILI FORMAZIONI / Argentina-Svizzera: i protagonisti (Coppa del Mondo 2014, ottavi di finale)

L'Argentina festeggia un gol: punteggio pieno nel girone (Infophoto) L'Argentina festeggia un gol: punteggio pieno nel girone (Infophoto)

Così ha parlato Ottmar Hitzfeld nella conferenza stampa ufficiale alla vigilia della partita: “Sono ottimista perché siamo migliorati molto. La vittoria con l'Honduras ci ha liberato mentalmente, e sappiamo come fermare Messi. Chiunque deve marcarlo sa che avrà dei problemi, ma io ho fiducia nella mia difesa e più in generale in tutta la mia squadra. Siamo molto concentrati e dimostreremo che possiamo arrivare ai quarti. L'Argentina ha una tale batteria di fuoriclasse che per loro non è un problema nemmeno sostituire un grande giocatore come Aguero: Lavezzi può essere pericolosissimo. Io guardo ai miei giocatori. Ripeto, siamo in forma. Credo che vinceremo se giocheremo ancora meglio che nell'ultima partita, e possiamo farlo. Se mi ritiro dopo questa gara? Io penso ad andare avanti nel Mondiale”. La Svizzera scenderà in campo con un 4-3-3 speculare a quello argentino: in difesa spicca la presenza del juventino Lichtsteiner, anche se un compito particolarmente impegnativo spetterà ai centrali Djourou-Von Bergen davanti al portiere Benaglio. Dal centrocampo in su, la Svizzera è totalmente multietnica: in mezzo molto Napoli con Behrami e Inler insieme al numero 10 Xhaka, perno fondamentale della formazione di Hitzfeld. In attacco invece ecco Shaqiri (tripletta per lui contro l'Honduras), probabilmente insieme a Seferovic e Mehmedi, decisivi nella prima sfida contro l'Ecuador.

Ciò significa che non dovrebbe giocare titolare Drmic, pur autore di ben due assist per Shaqiri nell'ultima partita del girone. Sarà comunque lui la prima alternativa per l'attacco, mentre a centrocampo spiccano il terzo “napoletano” Dzemaili e Stocker e in difesa il primo nome è certamente quello del giovane Schar.

Nessun giocatore infortunato e nessuno squalificato: situazione ideale per i rossocrociati sotto questo punto di vista per una sfida molto difficile.