BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

MONDIALI BRASILE 2014 / News Marco Reus: in un attimo è finito il sogno. Convocato Mustafi (7 giugno)

Mondiali Brasile 2014, news al 7 giugno: le parole di Marco Reus dopo l'infortunio che esclude dal torneo il giovane talento della Germania. Parla anche il suo sostituto Shkodran Mustafi

Marco Reus (Infophoto)Marco Reus (Infophoto)

Marco Reus parla al sito del Borussia Dortmund, sua squadra di club, ed esprime così tutta la sua amarezza per l'infortunio alla caviglia sinistra che impedirà al grande talento della Germania di prendere parte ai prossimi Mondiali Brasile 2014: "Non riesco davvero a esprimere a parole quali siano i miei sentimenti in questo momento. In una frazione di secondo il mio sogno è svanito, ma ora devo guardare avanti, prendere seriamente la riabilitazione e tornare un campo al più presto. Tornerò più forte di prima, spero che la squadra riesca a ottenere il massimo anche senza di me". In un attimo finisce il grande sogno di uno dei giovani talenti più attesi sulla ribalta irridata, in un attimo però si spalancano le porte per un giocatore che forse non ci sperava più. Stiamo parlando di Shkodran Mustafi, difensore della Sampdoria (tedesco di origini albanesi), che un po' a sorpresa è stato chiamato dal c.t. Joachim Loew per sostituire Reus: "Ci tengo a dire che mi spiace molto per Marco Reus, ha fatto anche lui una grande stagione, è un giocatore fortissimo e spero si riprenda al più presto. Stamattina stavo portando la macchina dal meccanico per alcuni lavoretti di manutenzione, sento squillare il telefono ed è Löw, così scopro che sono il primo degli esclusi e che mi vuole portare ai Mondiali. È vero, e ha sempre parlato chiaro. Mi ha confessato che è stata dura lasciarmi fuori dall'elenco definitivo e mi ha detto che è ha preferito portare me, un difensore, rispetto ad altri in altri ruoli perché sono pronto e perché si fiderebbe nel caso ci fosse necessità".

Una brutta notizia vela di tristezza il conto alla rovescia verso i Mondiali Brasile 2014. Infatti il Paese sudamericano è in lutto perché è morto, schiantandosi con un elicottero, l'ex centrocampista Fernando Lucio da Costa, meglio conosciuto come Fernandao, 36 anni. Una scomparsa tragica in un gravissimo incidente aereo che in tutto è costato la vita a cinque persone. L'ex giocatore è morto la scorsa notte quando l'elicottero su cui si trovava è precipitato ad Aruana, città a 315 chilometri da Goiania, in Brasile. Fernandao era cresciuto nel Goias, ma l'ex centrocampista è stato soprattutto una bandiera dell'Internacional di Porto Alegre, con cui ha vinto due campionati, la Libertadores e il Mondiale per club nel 2006, segnando 77 gol in 190 partite dal 2004 al 2008. All'Internacional Fernandao era tornato dopo aver appeso le scarpe al chiodo nel 2011, ricoprendo la carica di direttore tecnico e di allenatore. Ricordiamo che il brasiliano nel corso della sua carriera ha giocato anche in Europa, per la precisione in Francia, con le maglie di Marsiglia (dal 2001 al 2004) e infine per qualche mese in prestito al Tolosa, dove fu impegnato come attaccante.

E Antonio Cassano sono i due giocatori più attesi dell'Italia a questi Mondiali Brasile 2014. Sono loro i due elementi della rosa del c.t. Cesare Prandelli maggiormente dotati di talento, quelli che ci possono spingere in alto come è successo agli Europei 2012 ma anche quelli che preoccupano molti dal punto di vista caratteriale. La loro imprevedibilità – in campo e fuori – sarà un valore aggiunto per l'Italia oppure si rivelerà un boomerang controproducente? In attesa di scoprirlo, dobbiamo dire che entrambi hanno grandi motivazioni perché sia per SuperMario sia per FantAntonio si tratta del primo Mondiale della carriera. Questo li ha portati a discutere già nel primo allenamento effettuato nel ritiro di Mangaratiba: ma nulla di cui preoccuparsi, si tratta di normali discussioni sul campo fra compagni di squadra. E che fra i due ci sia simpatia e un legame speciale, lo dimostra anche il video che vi proponiamo qui sotto....

Brutto colpo per la Germania, che perde per infortunio Marco Reus. Pessima notizia a pochi giorni dal via dei Mondiali Brasile 2014, che la giovane stellina del Borussia Dortmund, 21 anni, dovrà purtroppo seguire da casa. L'amichevole di ieri sera contro l'Armenia, vinta per 6-1 dai tedeschi, aveva regalato al c.t. Joachim Loew un largo successo e il record di Miroslav Klose, che ha superato Gerd Muller come capocannoniere di tutti i tempi della Nazionale, ma alla fine purtroppo questa mazzata rende negativo il bilancio della serata. Reus infatti ha riportato un infortunio alla caviglia sinistra, e gli esami hanno detto che si tratta di una rottura parziale dei legamenti di questa caviglia: ne avrà almeno per un mese e mezzo. Stasera sul volo per il Brasile ci sarà il ventiduenne difensore Shkodran Mustafi, di origini albanesi e attualmente alla Sampdoria. Un cambio dunque di strategia per Loew, che perde un giocatore dalle caratteristiche offensive e lo sostituisce con un difensore. Ecco dunque il commento del c.t. sull'infortunio del suo campione e sulla scelta del sostituto: “È un brutto colpo, per noi e per lui. Marco era in grande forma, aveva destato un'ottima impressione in allenamento e nelle amichevoli con Camerun e Armenia, avrebbe avuto un ruolo centrale nei nostri piani per il Mondiale. In avanti, per giocare dietro le punte, abbiamo tante alternative e di qualità, come Podolski, Schurrle, Gotze, Muller, Ozil, Draxler e Kroos, per cui abbiamo deciso per un'altra opzione in difesa. Shkodran ci ha colpito durante gli allenamenti, è in forma, abbiamo fiducia in lui e sappiamo di poter contare su di lui al 100%”.

La Nazionale azzurra ormai ha iniziato a tutti gli effetti la sua avventura verso i Mondiali Brasile 2014. L'Italia è in ritiro a Mangaratiba, circa 100 km a sud di Rio de Janeiro, in un resort di lusso (per tutti camera singola) che però è un vero e proprio bunker, pattugliato via terra da quasi un centinaio di uomini e via mare da un sommergibile. Insomma, sulla sicurezza non si scherza, anche perché naturalmente il Governo brasiliano e la Fifa faranno di tutto perché non si ripetano le proteste che abbiamo visto l'anno scorso alla Confederations Cup, considerando pure che il palcoscenico iridato è molto più importante. Gli azzurri del c.t. Cesare Prandelli, comunque, non correranno certamente il rischio di annoiarsi: il resort ha naturalmente una splendida spiaggia, nelle camere ci sono televisori 46 pollici e soprattutto in una tensostruttura è stata allestita una sala giochi dotata di flipper, tavoli da ping pong e ogni sorta di videogioco. Volete vederla? Ecco qui sotto la foto pubblicata dal difensore juventino Leonardo Bonucci su Instagram. Tra gli hashtag anche biliardino e freccette, che qui non vediamo ma sicuramente saranno presenti nella sala... 

La sala giochi nel ritiro dell'Italia

E poco dopo Marco Verratti, è il turno di Mattia De Sciglio per postare su Instagram una foto che prepara ai Mondiali in Brasile 2014. Sorriso che tradisce un po' di jet-lag, ma precisissima polo di ordinanza. E soprattutto pollice alzato. Una nuova avventura azzurra, con sullo sfondo la mitica spiaggia dorata e il mare verde del Brasile, cornice di questo mondiale vacanziero, ma intensissimo. Pronti per questa nuova avventura emoji #mondiali #Brasile2014 #portobello #forzaazzurri #forzaitalia 

L'Italia è giunta a destinazione ed è pronta per i Mondiali 2014. Questa mattina è atterrata all'aeroporto internazionale di Rio de Janeiro, poi si è diretta verso il Portobello Safari Resort di Mangaratiba a circa un'ora e mezza da Rio. Qui, Marco Verratti ha subito approfittato per scattare una foto del panorama e postarla sul profilo Instagram; non c'è che dire, la vista è bella e l'alloggio sembra non essere niente male (se si esclude lo spiacevole episodio del cibo avariato confiscato, occorso qualche giorno fa). L'Italia però deve mantenere la concentrazione sull'obiettivo: tra otto giorni si comincia a fare sul serio. 

Tegola per la Francia: il fuoriclasse Franck Ribery dovrà saltare i mondiali di Brasile 2014. Per lui decisiva la lombalgia che già gli aveva fatto saltare le ultime due amichevoli della nazionale Bleu, contro Norvegia (vittoria 4-0) e Paraguay (1-1). Il suo sostituto sarà Remy Cabella, trequartista classe 1990 del Montpellier (37 presenze e 14 gol nell'ultima Ligue 1). Ma non finisce qui perché il bollettino medico ha riservato un ulteriore forfait per Didier Deshamps: quello del centrocampista centrale Clement Grenier, classe 1991 del Lione, che deve rinunciare per un problema agli adduttori. Al suo posto chiamato Morgan Schneiderlin, mediano classe 1989 del Southampton (33 presenze 2 reti nella Premier League appena conclusa). Queste le dichiarazioni del ct transalpino, riportate da La Gazzetta dello Sport: "Speravo di poterlo recuperare,  sembrava potesse migliorare, ma l’aumento dei carichi invece ha peggiorato la situazione. Senza Ribery sulla carta siamo chiaramente meno performanti, ma cercheremo di compensare in ogni caso con i nuovi innesti". La Francia disputerà un'altra amichevole domenica (8 giugno) a Lille contro la Giamaica, prima di partire per il Baraile. E' inserita nel gruppo E assieme a Svizzera, Ecuador e Honduras: il debutto sarà domenica 15 giugno alle ore 21 italiane, contro l'Hoduras a Porto Alegre.

C'è grande attesa intorno al Brasile. Padrone di casa, sorretto dall'entusiasmo di tutto un popolo, sulla carta è la squadra più forte tra le 32 partecipanti ai Mondiali ma sa benissimo che la pressione può giocare brutti scherzi. Dopo aver battuto Panama per 4-0, questa sera i verdeoro giocano al Morumbi di Sao Paulo contro la Serbia, un avversario decisamente di altro tenore. Felipe Scolari, Commissario Tecnico già campione del mondo nel 2002, ha fatto capire di avere le idee già piuttosto chiare. La formazione c'è già, con un solo dubbio che è rappresentato da Oscar; il fantasista del Chelsea ha lasciato il ritiro per andare ad assistere alla nascita della figlia e bisogna valutare se al ritorno sarà di nuovo concentrato al 100%. "Gli parlerò prima della partita contro la Serbia, nel caso è pronto Willian ma io credo che lui mi dirà di essere un uomo felice e di essere pronto per giocare". Con Willian, ha assicurato Scolari, lo schema della squadra non cambierà di molto. Anche sull'andamento della competizione ci sono pochi dubbi, con tanti saluti alla scaramanzia. "Per una serie di fattori quando ho visto il tabellone mi sono immaginato una finale contro l'Argentina. Vorrei che fosse una grande partita e per questo spero che loro non escano presto; ma la cosa più importante è che in finale ci siamo noi". Ed ecco la sua filosofia: "Una buona difesa ti permette di avere più possibilità di vincere le partite e i tornei. E' così fin dai tempi in cui giocavo"

L'Italia è arrivata in Brasile. Il viaggio aereo è terminato, e la Nazionale azzurra partita ieri sera è atterrata pochi minuti fa all'aeroporto internazionale di Rio de Janeiro. Tra poco effettuerà il viaggio per Mangaratiba, città sulla costa dove si trova il ritiro che sarà la base della squadra almeno per quanto riguarda la prima parte dei Mondiali 2014. Domenica sera a Volta Redonda è prevista l'ultima amichevole di avvicinamento alla Coppa del Mondo, contro la squadra locale della Fluminense; intanto vi lasciamo questa foto che arriva dal profilo Instagram di Andrea Pirlo. Qui eravamo all'inizio del viaggio; sarà cambiata l'espressione di Daniele De Rossi?

Il calcio italiano si può consolare: il momento attuale non sarà dei migliori, ma Inter e Juventus sono le squadre migliori nelle statistiche di tutti i tempi dei Mondiali relative al contributo delle squadre di club. A pochi giorni dal via di Brasile 2014, ecco i conti pubblicati sull'edizione odierna della Gazzetta dello Sport che esaltano nerazzurri e bianconeri, da sempre rivali acerrimi. In questo caso però il derby d'Italia diventa addirittura derby del Mondo. Innanzitutto, per il numero di giocatori che dal 1930 ad oggi hanno partecipato ai Mondiali, contando pure quelli inseriti nelle liste definitive per l'edizione ormai prossima: l'Inter è al comando con (esclusa la riserva Ranocchia) davanti a Juventus e Barcellona che inseguono a quota . In buona posizione anche il Milan, sesto a quota 93 dietro a Real Madrid e Bayern Monaco. Se si contano però le presenze dei giocatori in partite dei tornei iridati (qui logicamente le statistiche si fermano al 2010) ecco che è la Juventus ad essere prima con . Vantaggio minimo, perché la seconda è a quota , ed è proprio l'Inter. Insomma, un dominio delle due squadre italiane, con il Bayern Monaco terzo a quota 339 e il Milan di nuovo sesto con 286. Stessa classifica, con Juventus prima e Inter seconda, è nel numero di giocatori campioni del Mondo: 23 per i bianconeri e 21 per i nerazzurri, e qui la prima inseguitrice è il Santos (17), grazie naturalmente ai titoli del Brasile. Spicca il quinto posto della Roma (16), mentre il Milan si deve accontentare del decimo posto con 9 campioni iridati nella sua storia. L'Inter ristabilisce invece la leadership, e pure in modo molto netto, nella classifica dei gol segnati dai propri giocatori: i nerazzurri hanno infatti esultato volte nella storia dei Mondiali, staccando in modo netto la coppia formata da Real Madrid e Bayern Monaco (58 gol), mentre la Juventus deve accontentarsi del quarto posto (50 gol), e questo è l'unico caso in cui sul podio c'è una sola squadra italiana.

© Riproduzione Riservata.