BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Iscrizione campionati/ Siena esclusa dalla Serie B, per il Padova addio Lega Pro

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

ISCRIZIONE CAMPIONATI, ESCLUSIONE SIENA E PADOVA - Siena e Padova devono abbandonare il calcio professionistico: è il doloroso verdetto della giornata di ieri. I bianconeri toscani erano stati esclusi dal prossimo campionato di Serie B, la squadra veneta invece da quello di Lega Pro, e ieri era il termine ultimo per presentare il ricorso, che però per Siena e Padova non è arrivato. Dunque queste due gloriose realtà del calcio italiano dovranno ripartire dai dilettanti, mentre per le altre nove società che al 30 giugno erano state bocciate non è ancora tempo di festeggiare. La Covisoc studierà in questi giorni le documentazioni dei ricorsi, poi i verdetti definitivi arriveranno dal Consiglio federale di venerdì. Per il Siena è stato impossibile presentare ricorso perché a ieri non erano ancora stati sanati stipendi e contributi arretrati del 2014, pari a circa 7 milioni di euro. Il presidente Massimo Mezzaroma ha dovuto così alzare bandiera bianca: vano il tentativo di vendere il club a un fondo svizzero, 70 milioni di debiti sono una zavorra troppo grande, che ha mandato a fondo una squadra con 110 anni di storia e nove campionati di Serie A dal 2003 ad oggi, nello stesso anno in cui nella città toscana è fallita pure l'ancora più gloriosa società di basket. In B erano state inizialmente escluse anche Brescia e Varese, che però si sono salvate – il Varese con grande affanno. In primavera si era deciso di non procedere a ripescaggi, dunque il prossimo campionato cadetto sarà a 21 squadre, in ogni giornata ci sarà una formazione che riposerà. A Padova invece è stato vano il tentativo dell'ex presidente Marcello Cestaro di salvare la società, mentre l'attuale patron Diego Penocchio punta almeno a proseguire l'attività del settore giovanile, ma dobbiamo salutare un club che nella sua storia ha vissuto ben sedici stagioni nel massimo campionato. Da segnalare invece il salvataggio in extremis del Grosseto, con il presidente Piero Camilli che proprio ieri ha presentato la necessaria fideiussione.



© Riproduzione Riservata.