BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ANTONIO CASSANO/ Parma news, show in conferenza: resto al 100%. Le parole di Buffon? Falso problema. Europa League, una vergogna

Pubblicazione:venerdì 25 luglio 2014

Antonio Cassano, 32 anni: seconda stagione a Parma (Infophoto) Antonio Cassano, 32 anni: seconda stagione a Parma (Infophoto)

ANTONIO CASSANO PARMA FC NEWS: LA CONFERENZA STAMPA - Antonio Cassano show. Ormai conosciamo il barese: nella conferenza stampa di oggi il talento del Parma ha dato grande spettacolo per la gioia dei giornalisti presenti in sala, deliziati dai tanti titoli da prima pagina che sono usciti nel corso del suo intervento. Il primo e più indicativo: Resto al 100%, se non faccio qualche str… e mi mandano via, io non mi muovo da Parma”. Liquidato così anche il sempre vivo interesse della Sampdoria, che poco meno di un anno fa sembrava aver creato una crisi tra FantAntonio e i ducali: “Chi è Ferrero, quello della Nutella?” ha scherzosamente risposto Cassano, lasciando intendere che ormai si sente gialloblu. Magari non nel midollo, ma certamente ha sposato la causa. Anche perchè c’è da chiarire quella piccola questione relativa all’esclusione dall’Europa League: “Ci hanno fatto un torto vergognoso. Le mie motivazioni sono queste: quest’anno voglio che lo stadio sia sempre come lo era all’ultima giornata della scorsa stagione, è vergognoso quanto accaduto e io voglio fare bene qui. Poi potremo arrivare noni o decimi, ma sono convinto che abbiamo un bel gruppo”. Tra battute (“io nel peso forma ideale? Ci vogliono come minimo un paio d’anni”) e attestati di stima (“non capisco come Pietro Leonardi non sia in una grande squadra, ma sono felice che sia qui”) c’è stato anche il tempo di raccontare la versione dei fatti su quanto accaduto al Mondiale. Ricordate? Cassano era stato tirato in ballo, era stato detto che Gigi Buffon e i senatori se la fossero presa anche con lui. La risposta di FantAntonio è chiara e diretta: “Avete creato un falso problema. Conosco Gigi da vent’anni: se lui ti deve dire una cosa ti prende e ti dice ‘ce l’ho con te’. Non ha fatto nomi: siete voi che avete ricamato pensando che ce l’avesse con quello o con quell’altro. Non devo assolutamente giustificarmi o rispondere: forse l’ho capito tardi, ma quando sono arrivato in Nazionale sapevo che dovevo mettermi a disposizione. Non giocavo? Pazienza, ero contento di esserci”. E anche su Cesare Prandelli ha avuto parole dolci: “Io devo ringraziarlo perchè da tempo non andavo in nazionale e lui mi ha richiamato; ma è tutta Italia che deve ringraziarlo. Ha fatto risultati straordinari in questi quattro anni”. E ancora: “In Italia le cose vanno così, è uno schifo. Prendete Paletta: il più forte difensore che abbiamo, con Barzagli. Eppure lo hanno criticato durante il Mondiale, ma qui è così: se non hai giornalisti amici ti massacrano. Ha sbagliato qualcosa, e allora? Anche i calciatori della Germania in finale hanno commesso degli errori”. La nuova stagione sta per iniziare: Cassano è più pronto che mai.

(Claudio Franceschini)



© Riproduzione Riservata.