BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Probabili formazioni/ Olanda-Costa Rica: le ultime novità (Coppa del Mondo 2014, quarti di finale)

Pubblicazione:venerdì 4 luglio 2014 - Ultimo aggiornamento:sabato 5 luglio 2014, 12.20

Wesley Sneijder (Infophoto) Wesley Sneijder (Infophoto)

PROBABILI FORMAZIONI OLANDA-COSTA RICA (COPPA DEL MONDO BRASILE 2014, QUARTI DI FINALE): TUTTE LE NOTIZIE – Olanda-Costa Rica è la partita che chiuderà il programma dei quarti di finale dei Mondiali Brasile 2014: si gioca a Salvador (Arena Fonte Nova) alle ore 22.00 italiane di domani, sabato 5 luglio. Partita che vede sulla carta nettamente favorita la formazione di Louis Van Gaal contro la rivelazione del torneo, che è già andata molto più avanti di quanto chiunque potesse immaginare. Proseguirà ancora la favola della Costa Rica, oppure l'Olanda imporrà la legge del più forte? Andiamo allora a vedere subito quali dovrebbero essere le probabili formazioni di Olanda-Costa Rica e tutte le notizie alla vigilia dell'incontro che promuoverà l'ultima semifinalista di questi Mondiali.

QUI OLANDA – Non ci si attendono particolare novità nella formazione Orange. C'è un piccolo dubbio legato a Janmaat, che però dovrebbe essere regolarmente in campo, mentre a centrocampo è già finito il Mondiale dell'infortunato De Jong, per cui il terzetto sarà formato da Wijnaldum, De Guzman e Sneijder, che agisce più dietro rispetto alle altre due star Robben e Van Persie, il quale non vede insidiata la sua posizione nonostante l'ottimo impatto di Huntelaar nel match degli ottavi. Continua a far discutere lo schema adottato dal c.t. Van Gaal, un 5-3-2 che è “eretico” rispetto ai canoni del calcio olandese, da sempre tradizionalmente devoto alla difesa a quattro. Eppure con questo nuovo schema l'Olanda ha travolto la Spagna nella vendetta della finale 2010 e poi ha ottenuto altre tre vittorie tra il girone e gli ottavi, con tanto di ben 12 gol segnati che fanno dell'Olanda la squadra con il miglior attacco della Coppa del Mondo. Finché si vince va tutto bene, anche se gli “integralisti” (a partire da un certo Johan Cruijff) erano già pronti alla condanna a cinque minuti dalla fine della partita contro il Messico. Adesso il calendario offre la Cenerentola Costa Rica. Arrivare in semifinale è un obbligo...

QUI COSTA RICA – Qui di obblighi non ce ne sono proprio. La squadra del c.t. colombiano Jorge Luis Pinto ha già fatto molto di più di quello che ci si attendeva. Il segreto è innanzitutto la solidità di una squadra compatta e che finora ha subito solo due gol in quattro partite, di cui uno su rigore e uno al 91' contro la Grecia, che ha costretto i Ticos ad arrivare ai rigori agli ottavi, ma poi tutto è andato per il meglio e così ecco clamorosamente il Costa Rica nel G8 del calcio mondiale. Contro un avversario (tanto per cambiare...) sulla carta molto più quotato, Pinto punterà ancora sul 5-4-1 nel quale la fase offensiva è affidata soprattutto al bomber Campbell e al numero 10 Ruiz, il giustiziere dell'Italia. A tanti giocatori costaricani il Mondiale ha cambiato la carriera, su tutti il portiere Navas, che era già abbastanza conosciuto in Europa ma che adesso è pronto per il definitivo salto di qualità. Il mondo tiferà per loro: come si può resistere a storie come quelle di Umana, autore del rigore decisivo contro i greci e cresciuto in una famiglia di contadini? Se poi questo basterà addirittura a volare in semifinale, lo dirà il campo...



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.