BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ELEZIONI FIGC 2014 / In diretta live. Eletto Tavecchio: il commento di Malagò (oggi, 11 agosto 2014)

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Carlo Tavecchio, 71 anni (INFOPHOTO)  Carlo Tavecchio, 71 anni (INFOPHOTO)

ELEZIONI FIGC 2014 (11 AGOSTO): TAVECCHIO ELETTO NUOVO PRESIDENTE (DIRETTA LIVE) - Non potevano mancare le parole di Giovanni Malagò, presidente del Coni, a proposito dell'elezione di Carlo Tavecchio come nuovo presidente della Figc, verdetto sancito dalle votazioni che si sono svolte nell'Assemblea di oggi. Complimenti, ora unità e riforme importanti di cui il calcio ha bisogno. Come avevo detto ci saranno sorprese e anche novità nella governance, ma spetta a lui annunciarle”, ha dichiarato il massimo dirigente dello sport italiano, che ha dato il benvenuto a Tavecchio nel Consiglio nazionale del Comitato olimpico.

ELEZIONI FIGC 2014 (11 AGOSTO): TAVECCHIO ELETTO NUOVO PRESIDENTE (DIRETTA LIVE) - Arrivano i primi autorevoli commenti all'elezione di Carlo Tavecchio come nuovo presidente della Figc, avvenuta alla terza votazione con il 63,63% dei consensi. L'Inter esprime la propria soddisfazione per l'elezione del presidente della Lega Nazionale Dilettanti come nuovo numero uno della Federcalcio. La società nerazzurra, tramite una nota ufficiale, rivolge al nuovo presidente “i migliori auspici e l'in bocca al lupo per il duro lavoro che lo attende”. Queste invece le parole di Mauro Baldissoni, direttore generale della Roma: “Si apre una nuova fase, quella di un presidente e di una nuova federazione. E' il momento del lavoro. Vedremo. Né Tavecchio né Albertini avevano il seguito necessario per le riforme. Si è dovuti arrivare alla terza votazione e non è mai un bel segnale. Ora la palla passa a chi deve proporre le riforme”, è la posizione del dirigente giallorosso. Il presidente del Torino, Urbano Cairo, si limita invece a un sintetico: “Commenti ai vincitori”. Come annunciato alla vigilia, i granata hanno infatti votato scheda bianca. Non mancano anche le parole dell'altro candidato Demetrio Albertini: “Avevo detto che volevo essere un'alternativa diversa, il corporativismo come sempre dichiarato dall'inizio con il patto delle Leghe si è rivisto. Sinceramente il blocco è sempre difficile da scardinare. Un in bocca al lupo a Carlo Tavecchio, però credo che non sarà semplice. Sarà un cammino molto difficile sostituire Giancarlo Abete. Cosa farò oggi? Vado a casa da mia moglie e i miei figli”.

ELEZIONI FIGC 2014 (11 AGOSTO): TAVECCHIO ELETTO NUOVO PRESIDENTE (DIRETTA LIVE) - Carlo Tavecchio è il nuovo presidente della Figc. Nella terza votazione non c'è stata nessuna sorpresa: il presidente della Lega Nazionale Dilettanti ha ottenuto il 63,63% dei voti, superando ampiamente la soglia del 50%+1 che era richiesta a partire appunto da questa terza votazione. Demetrio Albertini si è fermato invece al 33,95%. Subito dopo la conferma ufficiale dell'avvenuta elezione, è scattato un lungo applauso per il presidente eletto, che ha ringraziato tutti. Ecco dunque le sue prime dichiarazioni in qualità di presidente federale: "Sarò il presidente di tutti, soprattutto di chi non mi ha votato. Sono ruvido, senza glamour, cercherò di migliorare. Solo insieme possiamo fare le riforme. Cultura del lavoro, abbandoniamo le divisioni. Entro il 18 agosto vi presenterò la lista di cose da fare". Tavecchio ha rinunciato alla conferenza stampa: "Ci vediamo il 18, non ho parlato con nessun commissario tecnico". Dunque anche per la Nazionale ci sarà da attendere.

ELEZIONI FIGC 2014 (11 AGOSTO) CHI E' IL NUOVO PRESIDENTE? LO SCOPRIREMO OGGI IN DIRETTA LIVE - Carlo Tavecchio si avvia ad essere il nuovo presidente della Figc, dopo che alla seconda votazione delle elezioni di oggi ha ottenuto ben il 63,18% dei voti. Se consideriamo che a partire dalla terza votazione (che è in corso) sarà sufficiente il 50%, possiamo affermare che il traguardo è davvero vicino per il dirigente lombardo. Tuttavia, non tutto è positivo per il presidente della Lega Dilettanti: infatti, nella seconda votazione solo 11 club di Serie A hanno scelto lui (erano 13 al primo turno). Dunque l'élite del calcio italiano non gradisce molto il nome del probabile prossimo presidente federale: la partenza non è delle migliori...

ELEZIONI FIGC 2014 (11 AGOSTO) CHI E' IL NUOVO PRESIDENTE? LO SCOPRIREMO OGGI IN DIRETTA LIVE -  Si è conclusa anche la seconda votazione per l'elezione del nuovo presidente della Figc. Ancora una volta va registrato un nulla di fatto, perché nessuno dei due candidati ha raggiunto il quorum dei due terzi dei voti, anche se la maggioranza di Carlo Tavecchio appare sempre più solida, dal momento che il presidente della Lega Nazionale Dilettanti ha ottenuto il 63,18% dei voti, il 3% in più rispetto al primo turno, mentre Demetrio Albertini si è fermato al 34,07%, in leggero calo rispetto al primo scrutino. Dal terzo turno sarà sufficiente la maggioranza semplice, per cui sembra ormai vicinissima l'elezione di Tavecchio come nuovo presidente federale del calcio italiano.

ELEZIONI FIGC 2014 (11 AGOSTO) CHI E' IL NUOVO PRESIDENTE? LO SCOPRIREMO OGGI IN DIRETTA LIVE - Dopo la prima votazione per le elezioni del nuovo presidente della Figc, che ha visto Carlo Tavecchio in netto vantaggio su Demetrio Albertini, ma senza il numero sufficiente di voti per essere eletto, da segnalare grande tensione fra Andrea Agnelli ed Enrico Preziosi. Il presidente del Genoa, il quale aveva polemicamente dichiarato che il bianconero si era presentato in ginocchio per un posto in consiglio federale, è stato affrontato dallo stesso Agnelli. "Perché parli di me?" "Sei tu che non mi devi nominare". Un confronto piuttosto agitato ha poi contrapposto Agnelli e Claudio Lotito, principale sostenitore di Tavecchio, che è appoggiato anche da Preziosi ma non da Agnelli. Intanto, nella prima votazione in Serie A 13 voti sono andati a Tavecchio, 5 ad Albertini e ci sono state anche due schede bianche.

ELEZIONI FIGC 2014 (11 AGOSTO) CHI E' IL NUOVO PRESIDENTE? LO SCOPRIREMO OGGI IN DIRETTA LIVE - Si è conclusa la prima votazione per l'elezione del nuovo presidente della Figc. Nulla di fatto, perché come previsto nessuno ha raggiunto l'altissimo quorum del 75%, ma come si pensava è in netto vantaggio Carlo Tavecchio, che ha ottenuto il 60,2% dei voti, mentre Demetrio Albertini si è fermato al 35,46%. Per arrivare al 100%, mancano le schede bianche che sono state il 4,33%. Si dovrà quindi procedere con la seconda votazione, che richiederà i due terzi dei voti per uno stesso candidato per eleggere il presidente. Soglia comunque alta, che Tavecchio in questa prima votazione non ha raggiunto: bisognerà arrivare alla terza che richiede la maggioranza semplice?

ELEZIONI FIGC 2014 (11 AGOSTO) CHI E' IL NUOVO PRESIDENTE? LO SCOPRIREMO OGGI IN DIRETTA LIVE - All'Assemblea convocata per l'elezione del nuovo presidente della Figc tra i due candidati Carlo Tavecchio e Demetrio Albertini sono cominciate le operazioni di voto. Difficile però che il verdetto possa arrivare già al termine di questo primo scrutinio, che infatti richiede una maggioranza del 75% per proclamare subito il vincitore. Se nessuno ci riuscirà, alla seconda votazione basteranno i due terzi, mentre nel terzo e nel quarto scrutinio basterà la maggioranza semplice (50%+1). Tuttavia, questa prima votazione potrebbe comunque essere decisiva: se Tavecchio avrà già una maggioranza molto ampia, i giochi saranno fatti, altrimenti tutto potrebbe riaprirsi. Quattro assenti, voteranno 274 dei 278 delegati previsti.

ELEZIONI FIGC 2014 (11 AGOSTO) CHI E' IL NUOVO PRESIDENTE? LO SCOPRIREMO OGGI IN DIRETTA LIVE - All'Assemblea convocata per l'elezione del nuovo presidente della Figc tra i due candidati Carlo Tavecchio e Demetrio Albertini si sono da poco conclusi gli interventi proprio dei due candidati. Più apllausi per Albertini da parte della platea, e l'ex centrocampista del Milan ha incassato anche il sostegno degli arbitri, che per bocca del loro presidente Marcello Nicchi hanno dichiarato che voteranno per lui. Ecco dunque i passaggi principali dell'intervento di Albertini: "Voglio essere un'alternativa. Vedo gli stadi come accoglienza, non solo come business. I tifosi devono essere al centro. Fondi FIFA e UEFA vanno intercettati. Coverciano sia l'officina del calcio italiano. Cultura sportiva, governance e progetto sportivo: ecco le macroaree del mio programma. Per qualcuno è un problema che sia stato un calciatore: io sono giocatore di calcio, mi metto a disposizione della squadra". Meno applausi per Tavecchio, che però salvo clamorose sorprese è il grande favorito: "La mia è una candidatura di servizio. L'unità delle Leghe deve andare al di là della scelta di un nome da votare. Voglio una commissione di confronto con i media. L'obiettivo sono stabilità e crescita del calcio italiano nel rispetto delle regole, impossibile riformare il calcio senza calciatori, tecnici e arbitri (tutti a favore di Albertini, ndR)". E adesso finalmente si vota...

ELEZIONI FIGC 2014 (11 AGOSTO) CHI E' IL NUOVO PRESIDENTE? LO SCOPRIREMO OGGI IN DIRETTA LIVE - All'Assemblea convocata per l'elezione del nuovo presidente della Figc tra i due candidati Carlo Tavecchio e Demetrio Albertini, si susseguono gli interventi dei rappresentanti delle varie componenti del calcio italiano. Da segnalare in particolare le dichiarazioni di chi ha apertamente appoggiato uno o l'altro. Naturalmente favorevole a Tavecchio il suo grande elettore Mario Macalli, presidente della Lega Pro, che si è permesso anche un pizzico di ironia per replicare a chi li accusa di essere i rappresentanti del 'vecchio' calcio italiano: "Sono qui e senza badante". Ben diverse le posizioni di calciatori e allenatori, le due componenti che sostengono apertamente Albertini. Questo il commento di Damiano Tommasi: "Albertini per rimettere al centro il campo di calcio", mentre Renzo Ulivieri non fa nomi, ma si spiega benissimo lo stesso: "Spero che il nuovo presidente non si faccia prendere dall'ira. Il nostro candidato è educato, parla a bassa voce...".

ELEZIONI FIGC 2014 (11 AGOSTO) CHI E' IL NUOVO PRESIDENTE? LO SCOPRIREMO OGGI IN DIRETTA LIVE - E' da poco finito l'intervento del presidente uscente Giancarlo Abete che ha aperto ufficialmente l'Assemblea che eleggerà il nuovo presidente della Figc scegliendo fra i due candidati Carlo Tavecchio e Demetrio Albertini. Un intervento lunghissimo e spesso commosso quello di Abete, che si era dimesso in seguito all'eliminazione al primo turno della Nazionale ai Mondiali, ricco di citazioni che spaziavano da Steve Jobs ("Qualche volta la vita ti colpisce con un mattone in testa. Non bisogna abbattersi") a San Paolo ("Ho combattuto una buona battaglia e ho mantenuto la fede") ma con poca autocritica, come non hanno mancato di segnalare molti commenti sui social network. Dopo gli applausi per Abete, prendono la parola i rappresentanti delle varie componenti del calcio italiano, a partire da Maurizio Beretta per la Lega Serie A: "Ora l'impegno di tutti è avviare una grande stagione riformatrice, ma tante cose sono state già fatte". Si avvicina intanto sempre di più il momento delle votazioni, che caratterizzeranno un pomeriggio che si annuncia lungo e caldo, non solo dal punto di vista climatico.

ELEZIONI FIGC 2014 (11 AGOSTO) CHI E' IL NUOVO PRESIDENTE? LO SCOPRIREMO OGGI IN DIRETTA LIVE - E' ufficialmente iniziata l'Assemblea che eleggerà il nuovo presidente della Figc, aperta dal dimissionario Giancarlo Abete, che ha auspicato che non si arrivi ad un commissariamento (“No a uomini della Provvidenza”) e ha fatto un breve riepilogo degli anni della sua presidenza, indicando la sconfitta contro l'Uruguay come il momento più triste e ricordando alcuni dei morti che in questi anni hanno purtroppo funestato il mondo del calcio, da Gabriele Sandri a Ciro Esposito, senza citare però l'ispettore Filippo Raciti. Da segnalare pure le opinioni di alcuni presenti illustri, come ad esempio il segretario generale della Uefa Gianni Infantino, che desidera unità e una governance seria affinché l'Italia “torni a essere di esempio”, e poi Franco Carraro, decisamente favorevole alla candidatura di Carlo Tavecchio: “E' migliore di Demetrio Albertini, questo è il motivo per cui sarà eletto”. Molto meno convinto l'amministratore delegato della Roma Italo Zanzi, da sempre società contraria a Tavecchio, quasi sconsolato nell'affermare: “Questo è il calcio italiano. Per oggi”.

ELEZIONI FIGC 2014 (11 AGOSTO) CHI E' IL NUOVO PRESIDENTE? LO SCOPRIREMO OGGI IN DIRETTA LIVE - In diretta da Fiumicino, sede delle elezioni del nuovo presidente della Figc, si segnalano ospiti illustri come ad esempio Gianni Rivera e il segretario generale della Uefa Gianni Infantino. Ancora più importanti sono però le indiscrezioni che arrivano circa le intenzioni di voto dei 278 delegati che dovranno scegliere tra Carlo Tavecchio e Demetrio Albertini, e sembra che il fronte contrario all'elezione del candidato favorito stia perdendo pezzi. In particolare, l'inviato della Gazzetta dello Sport Marco Iaria si è sbilanciato scrivendo su Twitter: “Tavecchio è blindato”. Per averne la certezza bisognerà attendere il pomeriggio: la prima votazione avrà inizio alle ore 14.00 e richiederà addirittura un quorum del 75% (poi si scenderà ai due terzi e infine al 50%), ma la sensazione è che i giochi siano ormai fatti.

ELEZIONI FIGC 2014 (11 AGOSTO) CHI E' IL NUOVO PRESIDENTE? LO SCOPRIREMO OGGI IN DIRETTA LIVE - I delegati che dovranno votare per eleggere il nuovo presidente della Figc stanno arrivando all'Hotel Hilton di Fiumicino, sede di queste attesissime elezioni. Sono già da segnalare le dichiarazioni di due tra i principali dirigenti del nostro calcio, schierati su fronti diversi. Ecco Claudio Lotito, presidente della Lazio e grande sostenitore di Carlo Tavecchio: "È la prima volta che le quattro leghe sono presenti in un programma condiviso e preparato da tutte le componenti. Perdere un'occasione di questo genere sarebbe un delitto". Idee molto diverse da parte di Beppe Marotta, amministratore delegato della Juventus: "Il consiglio della Figc sarà frammentato e non sarà facile attuare riforme nell'immediato. Al di là che siamo 7, 8 o 10 club contrari all'elezione di uno dei candidati, ci sono due anime in Lega e lascia perplessi l'attivismo di Lotito che fa da tutor al candidato Tavecchio, una cosa impopolare e unica nella storia della Federazione italiana. Sembra che ci siano interessi personali a discapito dei collettivi".

ELEZIONI FIGC 2014 (11 AGOSTO) CHI E' IL NUOVO PRESIDENTE? LO SCOPRIREMO OGGI IN DIRETTA LIVE - Finalmente è arrivato il giorno delle elezioni del nuovo presidente della Federcalcio. In lizza, come ben sappiamo, ci sono due candidati: Carlo Tavecchio, 71 anni, presidente della Lega Nazionale Dilettanti, e Demetrio Albertini, 42 anni, ex centrocampista del Milan e attuale vicepresidente. Se ne parla ormai da un mese e mezzo, cioè dalle dimissioni del presidente uscente Giancarlo Abete immediatamente successive all'eliminazione dell'Italia dai Mondiali 2014. Nel frattempo è successo di tutto, ma adesso è arrivato il momento di far “parlare” i voti che ci daranno il verdetto definitivo. Come sarà dunque eletto il nuovo presidente da parte dell'Assemblea della Federcalcio? Ci sono 278 delegati che intervengono in rappresentanza delle società della Lega Serie A (20 delegati), della Lega Serie B (21), della Lega Pro (60), della Lega Dilettanti (90), dell'Associazione Italiana Calciatori (52), dell'Associazione Italiana Allenatori Calcio (26) e dell'Associazione Italiana Arbitri (9). Ciascun delegato può votare per un solo candidato. I voti però non contano tutti allo stesso modo. L’articolo 20 comma 2 dello Statuto federale attribuisce a ogni componente del mondo del calcio un peso all’interno dell’assemblea e per questo i voti vengono ponderati in modo tale che le leghe professionistiche rappresentino il 34% dei voti (17% Lega Pro, 12% Serie A, 5% Serie B). Un altro 34% è attribuito ai Dilettanti, mentre i delegati dei calciatori esprimono il 20% dei voti, gli allenatori il 10% e gli arbitri il 2%. La prima convocazione dell'assemblea elettiva è prevista per le ore 11.30 con la presenza di delegati che rappresentino almeno la metà più uno dei voti e – qualora non si raggiungesse tale soglia – in seconda convocazione alle ore 12.00 con la presenza di delegati che rappresentino almeno un terzo dei voti. Il presidente federale è eletto al primo scrutinio quando un candidato riporti la maggioranza di tre quarti dei voti validi; al secondo scrutinio, invece, quando un candidato riporti la maggioranza di due terzi dei voti validamente espressi. L'elezione avviene invece al terzo scrutinio quando un candidato riporti la maggioranza semplice dei voti. L’assemblea sarà aperta dal presidente uscente Abete e si procederà alla presentazioni delle candidature di Tavecchio e Albertini. Ogni componente potrà intervenire per un massimo di cinque minuti. Abete dichiarerà poi aperta la votazione, per la quale sono stati predisposti 12 seggi elettorali, suddivisi per componenti. I 278 delegati ricevono al momento dell’accreditamento un badge per esprimere il proprio voto, di colore diverso in base alla propria componente. Il delegato si reca in uno dei seggi della propria componente e consegna all’assistente il badge che viene letto da un codice a barre per rilevare il «peso» del voto, poi firma il registro dei votanti. L’assistente attiva la cabina utilizzando una fiche anonima prelevata da un’ampolla che associa alla cabina il peso del voto della componente. La votazione avviene toccando lo schermo attraverso il quale è possibile esprimere una sola preferenza o scheda bianca. Quindi il sistema chiede la conferma del voto e si procede alla stampa di un foglio che il delegato piega seguendo le righe tratteggiate. All’uscita dalla cabina il delegato deposita il foglio dentro un’urna. La procedura nel complesso dura circa due ore e mezza. Nel caso in cui nessuno dei due candidati raggiunga il quorum previsto per l’elezione, si passa alle successive votazioni con la stessa procedura, e c'è il rischio di uno stallo che potrebbe addirittura portare al commissariamento della Federazione da parte del Coni. Infine un piccolo dettaglio che molti sembrano avere dimenticato: al nuovo presidente spetterà anche la nomina del nuovo c.t. della Nazionale. Si è già perso molto tempo in tal senso, speriamo che si arrivi presto ad una soluzione...



© Riproduzione Riservata.