BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

NUOVO ALLENATORE NAZIONALE / Conte ct dell'Italia, Dino Zoff: 'Con lui torniamo competitivi' (14 agosto 2014)

Nuovo allenatore Nazionale, le ultime notizie su Antonio Conte. Per lo stipendio contributo dalla Puma, sabato incontro probabile con Tavecchio e Giuseppe Rossi... (14 agosto 2014)

Infophoto Infophoto

Ufficializzata la nomina di Antonio Conte alla guida della Nazionale Italiana si moltiplicano gli interventi sul web dei esperti e campioni sul scelta di Tavecchio. Ai microfoni di TMZ è intervenuto Dino Zoff, si dice entusiasta e vede un futuro roseo per la nazionale: "Io l'ho avuto come giocatore e anche allora le sue capacità si intuivano. Ha vinto tre campionati alla grande in Italia e credo che la scelta sia azzeccata. Il ruolo del ct non è molto diverso da quello del tecnico di una squadra di club. Non so cosa possa portare di nuovo, la rosa dei giocatori è abbastanza ristretta ma credo sia in grado di presentare a breve un'Italia competitiva".

Ha firmato il contatto con la Federazione Italiana Giuoco Calcio: sarà dunque lui il nuovo commissario tecnico della Nazionale azzurra. Per lui contratto di due anni fino al 2016 e stipendio ad una cifra che dovrebbe essere di poco superiore ai 2 milioni di euro, secondo quanto ha riferito Sky. In questo caso, sarebbe anche ridimensionato il contributo richiesto allo sponsor tecnico Puma per coprire l'ingaggio. Ma quello che più conta è che l'Italia ha un nuovo allenatore.

La notizia ormai è certa: Antonio Conte è il nuovo c.t. della Nazionale italiana. Manca solo l'ufficialità, ma ormai sono caduti anche gli ultimi ostacoli, soprattutto dopo che la Puma ha dichiarato: "Sosterremo la Figc. Il nostro obiettivo è avere successo insieme". Quindi non ci saranno problemi nemmeno per quanto riguarda lo stipendio: accordo raggiunto, Conte guiderà l'Italia per i prossimi due anni fino agli Europei del 2016. A dare per prima l'annuncio è stata la giornalista della Rai Donatella Scarnati, tramite il profilo Twitter. Adesso non resta che attendere l'annuncio ufficiale da parte della Figc, ma l'era di Carlo Tavecchio parte bene da questo punto di vista: la Nazionale ha ottenuto l'allenatore che era la prima scelta dopo l'addio del dimissionario Cesare Prandelli.

Per Antonio Conte nuovo allenatore della Nazionale si continua a parlare soprattutto della questione legata allo stipendio, al quale darebbe un contributo decisivo la Puma (sponsor tecnico dell'Italia) per far sì che la Figc non vada oltre i propri parametri ma accontentando pure le richieste economiche dell'ex allenatore della Juventus. In attesa dunque di sciogliere questo ultimo nodo che ancora impedisce di dare per certo l'accordo, anche perché Conte è ancora in vacanza in Croazia e dunque è probabile che l'incontro decisivo con il nuovo presidente federale Carlo Tavecchio possa avvenire nella giornata di sabato, quando Conte sarà rientrato in Italia, andiamo a leggere le parole di Giuseppe Rossi. L'attaccante della Fiorentina presumibilmente sarà uno dei giocatori più importanti del nuovo ciclo azzurro, dopo la grossa delusione della mancata convocazione per i Mondiali 2014, e sembra entusiasta dell'idea Conte: ”Mi pare una grande candidatura. Sappiamo quello che ha fatto con la Juventus, gli scudetti sono lì a parlare per lui. Conte tira fuori il meglio da ogni giocatore, è un vincente e questa è una cosa molto importante”, ha dichiarato in una intervista per La Gazzetta dello Sport. Rossi ha anche voluto rassicurare tutti sulle sue condizioni (“non sono di cristallo”), che naturalmente saranno al centro dell'attenzione anche nei prossimi mesi. Inoltre, una curiosità: in 114 anni di storia, l'Italia non ha mai avuto un commissario tecnico meridionale. Conte c.t. andrebbe a colmare questa lacuna, visto che finora – a parte componenti delle commissioni allargate che erano in voga agli albori – il romano Fulvio Bernardini è l'allenatore azzurro più meridionale della storia.

© Riproduzione Riservata.