BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

PROBABILI FORMAZIONI / Inter-Sassuolo: le ultime novità (Serie A 2014-2015, domenica 14 settembre)

Le probabili formazioni di Inter Sassuolo: tutte le notizie sulla partita che si gioca domenica 14 settembre alle ore 15. Entrambe le squadre hanno pareggiato due settimane fa all'esordio

Foto InfophotoFoto Infophoto

Si gioca oggi Inter-Sassuolo, partita valida per la seconda giornata del campionato di Serie A 2014-2015. Pochi dubbi nelle formazioni delle due squadre, di fatto sono confermate le indiscrezioni della vigilia: per i nerazzurri a stare fuori in mediana è Yann M'Vila, stavolta Walter Mazzarri vuole più qualità nella zona nevralgica e si affida ad Hernanes, che sarà la mezzala al fianco di Gary Medel con Kovacic che ormai si è preso il posto in cabina di regia. Confermato anche che Andreolli prenderà il posto dello squalificato Vidic (espulso alla prima giornata contro il Torino), in attacco tandem Osvaldo-Icardi: solo panchina per Rodrigo Palacio che non ha giocato il precampionato e non è ancora al 100%. Nel Sassuolo tridente Berardi-Zaza-Sansone, e attenzione a quest'ultimo che ha spesso fatto male all'Inter quando indossava la maglia del Parma; a centrocampo non cambia nulla con Magnanelli in regia, Biondini a fare legna e Missiroli a provare gli inserimenti senza palla. Debutto per Consigli con la maglia neroverde, Antei-Ariaudo la coppia centrale mentre Gazzola è preferito a Vrsaljko sulla fascia destra.

Alle ore 15 di domani pomeriggio lo stadio Giuseppe Meazza di Milano ospita Inter-Sassuolo, partita valida per la seconda giornata del campionato di Serie A 2014-2015. Entrambe le squadre hanno pareggiato all’esordio, e dunque sono in cerca della prima vittoria; favoriti ovviamente i nerazzurri, che un anno fa avevano regolato i neroverdi con un 8-0 complessivo nelle due gare, frutto del 7-0 maturato a Reggio Emilia nella partita di andata. Entrambe rimaneggiate in estate, proveranno a confermare quanto di buono fatto nella scorsa stagione. Arbitro dell’incontro sarà il signor Calvarese.

Con l’arrivo di Gary Medel e Yann M’Vila le soluzioni a disposizione di Walter Mazzarri per la mediana sono aumentate. Adesso, a rotazione, un potenziale titolare dovrà rimanere fuori; per domani pomeriggio a stare in panchina dovrebbe essere il cileno, e quindi avremo l’esordio dal primo minuto per Hernanes che aumenta qualità a centrocampo a discapito dell’interdizione, così che a M’Vila saranno lasciati tutti i compiti di spezzare il gioco avversario. Kovacic guida il centrocampo: la tripletta in Europa League contro lo Stjarnan lo ha sbloccato e in nazionale ha trovato altre conferme. Bisogna far fronte alle condizioni non perfette di Jonathan e Osvaldo; il primo è pronto per andare in campo ma va tenuto monitorato, il secondo potrebbe farcela per la panchina dove andrebbe comunque, visto che è tornato disponibile Palacio che si prende il solito posto al fianco di Icardi. In difesa è squalificato Vidic, espulso contro il Torino: al centro della difesa giocherà Ranocchia, con Andreolli che prende il posto del serbo ma viene dirottato sul centrodestra.

Reduce dal pareggio interno contro il Cagliari, il Sassuolo ritrova Simone Zaza che ha vissuto due settimane da sogno: debutto in nazionale con tanto di gol e prestazioni tremendamente convincenti, l’attaccante lucano adesso deve confermarsi con la maglia del suo club e l’inizio non è stato male, vista la splendida rete segnata contro il Cagliari. Al suo fianco giocherà Domenico Berardi, lui pure protagonista in Under 21 dove ha contribuito alla qualificazione ai playoff per gli Europei 2015; e a completare il tridente offensivo ci sarà Nicola Sansone. Un reparto giovane e di grande qualità, che sarà supportato dagli inserimenti di Missiroli, l’impostazione e leadership di Magnanelli e il fiato di Biondini, che si dovrà occupare dell’interdizione. La formazione è cambiata poco rispetto allo scorso anno: per ora i volti nuovi sono solo Andrea Consigli, che fa il suo debutto sostituendo l’infortunato Pegolo, e Federico Peluso. Vrsaljko dovrebbe andare in panchina, anche se è al momento in ballottaggio con Gazzola; stesso discorso per Taider che potrebbe prendere il posto di Missiroli (se la gioca anche Brighi) in caso Di Francesco voglia una formazione più difensiva.