BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

PROBABILI FORMAZIONI / Verona-Palermo: i veneti in campo con il 4-3-3 (Serie A 2014-2015, 2^ giornata)

Probabili formazioni Verona Palermo: tutte le notizie sulla partita dello stadio Bentegodi, posticipo della seconda giornata del campionato di Serie A 2014-2015 (lunedi 15 settembre)

Foto Infophoto Foto Infophoto

Si avvicina la partita Verona-Palermo, ultimo posticipo del campionato di Serie A seconda giornata. Gli allenatori stanno apportando le ultime modifiche alle formazioni ufficiali che prenderanno parte alla sfida di questa sera. Mandorlini mette in campo una squadra offensiva pronto ad andare a cacciad dei tre punti. Il modulo sarà un 4-3-3 con Toni al centro ed ai lati Saviola e Jankovic. Molte attese per la prestazione del nuovo acquisto di casa Verona pronto a rilanciarsi qui in Italia, una scommessa che se vinta potrebbe rivelarsi la sopresa del campionato. Le due squadre si giocano punti importanti del punto di vista della classifica e specialmente sarà uno scontro tra due club che devono chiudere il prima possibile la "fuga dai playout" conquistando i tre punti stasera contro una diretta avversaria. 

Si chiude questa sera la seconda giornata di campionato di Serie A 2014-2015: Verona-Palermo si gioca alle ore 20:45 allo stadio Bentengodi e mette di fronte due squadre che due settimane fa hanno pareggiato e andranno quindi a caccia della prima vittoria stagionale. Poche novità rispetto alle indiscrezioni della vigilia; Andrea Mandorlini conferma i suoi 11 con Rafael Marquez e Moras a guidare la difesa davanti a Rafael, in attacco scelto Jankovic al fianco di Luca Toni (Juanito Gomez va in panchina) mentre ci sarà l'esordio stagionale di Javier Saviola, grande colpo degli scaligeri. A centrocampo resta ancora fuori Christodoulopoulos: il tecnico gli preferisce Obbadi, mentre sul centrosinistra come al solito agisce Hallfredsson. Nel Palermo sembra che il ballottaggio in attacco sarà vinto ancora una volta da Vazquez (che affiancherà Dybala), mentre sulle corsie Eros Pisano parte in vantaggio rispetto a Morganella, a sinistra dovrebbe essere titolare ancora Lazaar. Brutta avventura per Enzo Maresca, che ieri è stato ricoverato per forti dolori addominali. Si temeva un attacco di appendicite, gli esami hanno escluso la necessità di un intervento ma è chiaro che il centrocampista non è disponibile per questa sera.

Verona-Palermo si gioca domani sera alle ore 20:45 e chiude la seconda giornata del campionato di Serie A 2014-2015; non è certo la prima volta in cui il massimo campionato “sconfina” al lunedi, ne sarà l’ultima in questa stagione (anzi, sarà sempre più la norma). Questa partita è andata in scena in Coppa Italia negli ultimi due anni, sempre al Barbera e sempre con vittoria scaligera; in campionato invece l’ultimo incrocio risale alla Serie B 1995-1996. Arbitra Gianluca Rocchi, coadiuvato da Galloni e Ranghetti con quarto uomo Gava e addizionali Doveri e Manganiello.

Il Verona ha pareggiato la prima partita della stagione, a Bergamo contro l’Atalanta; Andrea Mandorlini può contare sul gruppo a completa disposizione, l’unico assente è Jacopo Sala le cui condizioni sono da valutare. Rispetto all’esordio dell’Atleti Azzurri d’Italia c’è una novità, e che novità: al posto di Juan Manuel Iturbe il direttore sportivo Sean Sogliano è riuscito a portare al Bentegodi nientemeno che Javier Saviola, attaccante argentino che negli anni di gioventù era considerato un erede di Maradona, ma che si è un po’ perso dopo le stagioni a Barcellona e ha peregrinato per l’Europa. Resta un talento straordinario che può fare la differenza in coppia con Luca Toni; a lui si chiedono gol e assist, così come a Bosko Jankovic che potrebbe prendere il posto di Juanito Gomez sull’esterno offensivo del tridente. Centrocampo inalterato con Tachtsdisis in mezzo a fare gioco aiutato da Hallfredsson, tornato galvanizzato dall’impegno dell’Islanda (vittoria 3-0 contro la Turchia) e Obbadi. In difesa Moras-Marquez è ancora la coppia centrale, sulle fasce laterali giocano invece Martic e Agostini. Attenzione al possibile contributo dalla panchina di Nico Lopez, in cerca di riscatto dopo un anno “triste” a Udine, e Christodoulopoulos; e all’ex cagliaritano Nené che è l’ideale vice-Toni.

Prima esterna per il Palermo di Beppe Iachini, che torna a Verona dove ha giocato per due stagioni (con l’Hellas) e allenato nel 2007-2008 quando ha portato il Chievo in Serie A (una delle quattro promozioni ottenute). Restano fuori Munoz e Della Rocca, tutti gli altri sono a disposizione: al posto del difensore spagnolo dovrebbe giocare Bamba, a centrocampo invece sono confermati Bolzoni ed Edgar Barreto con Luca Rigoni che dovrebbe essere il titolare in mediana, davanti alla difesa a costruire. Spingeranno sulle corsie Morganella e Daprelà. entrambi favoriti su Eros Pisano e Lazaar; la coppia d’attacco è formata da Vazquez e Dybala, ma potrebbe anche giocare Andrea Belotti che ha il morale alle stelle per i gol realizzati con l’Under 21 che sono valsi la qualificazione ai playoff per gli Europei 2016. A disposizione una serie di giovani tra i quali spicca Joao Silva, portoghese del ’90 che lo scorso anno è stato grande protagonista con la maglia del Bari, raggiungendo la semifinale dei playoff di Serie B (6 gol in 40 partite e un rendimento in costante ascesa). In porta nessuna sorpresa: il titolare è Sorrentino, mentre Ujkani va soltanto in panchina.