BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Pagelle/ Livorno-Latina: i voti della partita (Serie B, 3^ giornata primo tempo)

Pubblicazione:lunedì 15 settembre 2014 - Ultimo aggiornamento:lunedì 15 settembre 2014, 22.50

Foto Infophoto Foto Infophoto

LATINA 
Farelli 6.5: attento quando lo scatenato Lambrughi mette diversi palloni in mezzo e bravo a tenere alta la difesa e a comandarla;
Brosco 6: comanda la difesa con grande personalità, è sempre il primo a uscire per stringere l'avversario;
Cottafava 5: partita impeccabile fino alla fine quando commette l'ingenuità di andare in scivolata con il braccio largo e regalare rigore e pareggio agli avversari;
Dellafiore 6: sulla corsia sinistra gioca con grande personalità, bravo ad andare sempre in anticipo;
Angelo 6.5: sulla corsia ha grande fiato e spunto per saltare l'uomo. Ha dinamismo e grande intelligenza tattica. Uno come lui fa la differenza in questa categoria;
Crimi 7: oltre al gol, tante incursioni e grande carattere. Gioca una partita di grande sacrificio;
Viviani 6.5: ha i tempi del regista questo giovane centrocampista di proprietà della Roma. Detta i tempi in mezzo al campo, accelerando quando c'è bisogno di accelerare e rallentando quando deve controllare. Esce sfinito a venti minuti dalla fine; (70' Bruno sv)
Valiani 7: è un giocatore di un'altra categoria e si vede. Fa circolare palla con grande velocità, entrando in tutte le azioni che mettono in difficoltà gli avversari. Pericoloso quando tira da fuori, sua la migliore occasione. Dopo il gol di Crimi è bravissimo a gestire i tempi e diventa il regista dopo l'uscita di Viviani;  (85' Sbaffo sv)
Rossi 6.5: grande palla dentro in occasione del gol di Crimi, pallone messo con i giri giusti. Fa grande movimento sulla sinistra dove è bravo anche in fase difensiva. Esce a quindici minuti dalla fine per un problema fisico; (75' Milani sv)
Pettinari 5.5: là davanti fa anche discreto movimento, ma non è mai pericoloso. Non riesce a creare pericoli, rimanendo troppo spesso isolato al centro dell'area di rigore;
Sforzini 6: gioca lì davanti di fisico facendo a sportellate con Bernardini. Grande invenzione nel primo tempo quando stoppa di petto e prova la girata. Si divora il gol del 2-1 all'ultimo minuto di recupero;

All. Beretta 5.5: ha il demerito di non chiudere la gara anche se è in superiorità numerica per tutto il secondo tempo. Si gioca male e troppo tardi i cambi, subendo gol su calcio di rigore alla fine.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.