BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

NA LI/ Ufficiale, la cinese si ritira. La lettera d'addio: lascio al top (tennis)

Pubblicazione:venerdì 19 settembre 2014

Na Li con Caroline Wozniacki: una delle tante foto postate dalle colleghe della cinese Na Li con Caroline Wozniacki: una delle tante foto postate dalle colleghe della cinese

NA LI, UFFICIALE IL RITIRO DELLA CINESE (TENNIS) - Prima cinese a vincere un torneo: Guangzhou 2004. Prima asiatica a trionfare in uno Slam: Roland Garros 2011. Due volte sulla copertina di Time Magazine. Sono solo alcuni dei traguardi centrati da Na Li che oggi, come era già filtrato ieri, si è ufficialmente ritirata dall’attività. Ma non dal mondo del tennis: lei stessa ha confermato l’impegno che a porterà a lavorare insieme alla sua agenzia di management - la IGM - per sviluppare ancor più il tennis in Cina. Fonderà la Li Na Tennis Academy, e rimarrà attiva all’interno del Right To Play, l’organizzazione dedicata ad aiutare bambini e ragazzi in difficoltà a seguire il loro sogno di praticare sport. E’ una lettera-fiume quella che Na Li ha voluto scrivere per salutare e ringraziare tutti; il testo integrale lo trovate sul sito ufficiale della WTA. Alcuni passaggi meritano di essere citati: la cinese ha voluto spendere una parola sull’imminente torneo di Wuhan, che è la sua città di origine. “Nel 2008 non c’erano tornei professionistici in Cina. Oggi ce ne sono 10. Serena Williams, Maria Sharapova, Venus Williams - 30 Slam vinti in totale - verranno nella mia città per giocare a tennis davanti al pubblico cinese. Proprio come non avrei mai pensato che sarei stata una campionessa Slam, nemmeno nei miei sogni più bizzarri avrei potuto immaginare che alcune tra le migliori giocatrici al mondo venissero a giocare a tennis nel mio cortile. La 32enne ha confermato che la causa del ritiro è il suo ginocchio destro: per anni l’abbiamo vista con una benda nera sopra a proteggerlo. “E’ diventato il mio marchio sul campo, ma alla fine i problemi al ginocchio hanno avuto la meglio. Dopo quattro operazioni chirurgiche e centinaia di iniezioni, il mio corpo sta pregando perchè io smetta di metterlo alla prova”. Il consiglio è quello di leggere tutta la lettera: racconta di una ragazza che ha inseguito un sogno e l’ha raggiunto, portando la Cina e l’Asia in generale dove mai erano state prima nel mondo del tennis. Alle sue colleghe ha scritto che “siete state una parte del mio viaggio per tutti questi anni, e ho tantissimo rispetto per tutte voi”; e non è un caso che tante di loro, da Ana Ivanovic ad Angelique Kerber passando per Victoria Azarenka e Caroline Wozniacki, abbiano voluto lasciare un ricordo personale e un augurio sui social network, allegando una foto che le ritrae insieme alla Li. “Vincere uno Slam quest’anno e raggiungere la posizione numero 2 nella classifica mondiale è il modo in cui voglio lasciare il tennis. E’ stata una decisione difficile, ma mi sento bene e non ho rimpianti”. Almeno i tre quarti delle giocatrici del circuito sognano una carriera così; no, decisamente non ci sono molti modi migliori per lasciare. 

(Claudio Franceschini)



© Riproduzione Riservata.