BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calciomercato/ News: da Morata-Zaza-Immobile a Cristante-Van Ginkel, misteri e domande di casa nostra

Calciomercato news: i misteri e le domande della sessione estiva. Al di là della mancanza di soldi, ci sono operazioni che lasciano quantomeno perplessi per come sono state condotte

Simone Zaza, 23 anni: 33 presenze e 9 gol con il Sassuolo nel 2013-2014 Simone Zaza, 23 anni: 33 presenze e 9 gol con il Sassuolo nel 2013-2014

Il calciomercato estivo è finito. E’ tempo di bilanci: le singole squadre si sono rinforzate? Hanno fatto quello che dovevano/volevano? E soprattutto: a che punto è il calcio italiano? Parlare di cifre risulta perfino imbarazzante: il confronto con gli altri Paesi non regge. Luis Suarez e James Rodriguez sono solo la punta dell’iceberg: basti pensare al fatto che Romelu Lukaku è stato infine acquistato dall’Everton (non certo lo squadrone che tutti gli anni gioca la Champions League) per 35 milioni di euro. Sono prezzi ai quali non possiamo più arrivare; e se è vero che la crisi economica esiste dappertutto, va anche detto che il problema italiano quando si parla di calcio è ben più profondo. Alcuni esempi: per settimane si è parlato di un’Inter in pressing su Ezequiel Lavezzi, alla prova dei fatti si è scoperto che i nerazzurri non avevano nemmeno 5 milioni per prendersi Giacomo Bonaventura (che infatti è finito al Milan). Ancora: il Napoli delle grandi ambizioni non è riuscito a chiudere per Marouane Fellaini, la cui caviglia rappresentava solo uno dei problemi. Altro: l’ipotesi Radamel Falcao ha affascinato i tifosi della Juventus, ma le cifre con le quali il colombiano ha firmato per il Manchester United erano fuori portata forse anche con la cessione di Arturo Vidal. Da una parte quindi bisogna rassegnarsi: sono finiti i tempi in cui i migliori venivano da noi. Poi c’è il rovescio della medaglia: quelle operazioni che possono essere bollate come “misteriose” e che poco c’entrano con i soldi. Anche qui, qualche chiarimento: la Juventus che cercava un attaccante in più si è “incastrata” pagando 20 milioni Alvaro Morata che, se esploderà come i bianconeri si augurano, tornerà al Real Madrid o costerà quasi il doppio. Due conti ci dicono che spendendo 5 milioni meno di quelli versati a Florentino Perez, Massimiliano Allegri avrebbe portato in rosa sia Ciro Immobile (riscattato a 8 dal Torino prima della cessione in Germania) che Simone Zaza (per la cui metà il Sassuolo ha sborsato 7,5 milioni). E poi: il Milan ha rinunciato a un giovane del vivaio che quasi tutti definivano pronto - Bryan Cristante - incassando 6 milioni di euro. Si pensava a esigenze di bilancio, ma poi con quei soldi è stato acquistato Giacomo Bonaventura (solo dopo lo stop allo scambio già fatto Biabiany-Zaccardo) che, va detto, è un ottimo colpo. Adriano Galliani ha fatto sapere che è il giocatore ad aver chiesto la cessione; cambia poco, perchè significa che gli erano state date poche garanzie sullo spazio che avrebbe trovato. Al suo posto è arrivato un giovane molto interessante come Marco Van Ginkel: che però sbarca a Milanello in prestito secco, cioè a giugno 2015 tornerà al Chelsea. Si potrebbero fare altri esempi, ma ci limitiamo ai più eclatanti. Per dire una cosa: lungi da noi voler entrare nella testa dei dirigenti nostrani, eppure a prima vista qualcosa non torna, e non è necessariamente la mancanza di liquidità. Siccome poi l’ultimo giudice è il campo, auguriamo alle società di essere noi a sbagliarci. 

(Claudio Franceschini)

© Riproduzione Riservata.