BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Nazionale/ Conte, il matrimonio di Destro e il precedente Carobbio

Pubblicazione:martedì 2 settembre 2014

Anche Antonio Conte si è sottoposto all'Ice Bucket Challenge (Infophoto) Anche Antonio Conte si è sottoposto all'Ice Bucket Challenge (Infophoto)

NAZIONALE, CONTE-DESTRO: IL PRECEDENTE - Mattia Destro si è sposato ieri. L’attaccante marchigiano è convolato a nozze con la showgirl Ludovica Caramis nella sua città natale, Ascoli Piceno; il giorno seguente, cioè oggi, ha risposto alla convocazione di Antonio Conte e si è recato a Coverciano per unirsi al gruppo della Nazionale che affronterà nel giro di una settimana l’amichevole contro l’Olanda e la prima partita di qualificazione all’Europeo 2016 contro la Norvegia. Non pochi commenti sul web hanno idealmente puntato il dito contro il Commissario Tecnico salentino: ma come, impone a un suo giocatore di presentarsi in ritiro il giorno dopo il matrimonio? Non si poteva fare a meno di lui almeno per queste due partite? Non è certo la finale dei Mondiali, e così via. Al momento non è chiaro se sia stato Conte a ordinare a Destro di essere a disposizione o se invece sia stato il calciatore della Roma a dirsi comunque disponibile; noi possiamo però citare un precedente che vede come protagonista proprio Antonio Conte. Ricordate Filippo Carobbio? Il grande testimone del processo sul calcioscommesse che portò alla squalifica dell’allora allenatore della Juventus, il pentito che fu accusato a più riprese dal salentino nel corso della sua dichiarazione. Pippo Carobbio, lo chiamano così perchè è pappa e ciccia con il Procuratore”, questa la frase incriminata. Eppure una volta lavoravano insieme: Conte allenatore del Siena, Carobbio suo giocatore, stagione 2010-2011. “Antonio era l’idolo di Filippo”, avrebbe poi rivelato la moglie del super testimone del tempo. “Ha sbagliato ma poi ha deciso di collaborare e dare una mano, ma lo trattano come un infame”. Bene: all’epoca la storia era già emersa, ed è curioso riscoprirla oggi. Si era infatti detto, all’epoca, che all’origine delle parole di Carobbio su Conte (lo aveva accusato di essere a conoscenza di un patteggiamento) ci fosse un precedente litigio dovuto a un permesso non accordato al giocatore. Era successo, secondo le indiscrezioni, che Carobbio avesse chiesto a Conte di poter assistere la moglie che stava partorendo; ma l’allenatore del Siena gli aveva risposto negativamente, volendo avere il giocatore a disposizione per la partita da giocare. Si era anche parlato di un litigio, avvenuto nel corso di una festa, tra le rispettive consorti. Sappiamo poi come sono andate le cose all’epoca; non è detto che le due cose siano collegate, però è curioso rimembrare adesso l’episodio.



© Riproduzione Riservata.