BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Pagelle/ Milan-Juventus: voti per il Fantacalcio della partita di Serie A (oggi 20 settembre)

Pubblicazione:sabato 20 settembre 2014 - Ultimo aggiornamento:domenica 21 settembre 2014, 15.05

(INFOPHOTO) (INFOPHOTO)

ABBIATI 6 Il portiere rossonero nel primo tempo evita spiacevoli conseguenze salvando su Pereyra e Llorente. Abbandonato al proprio destino in occasione del gol subito.

ABATE 6 Non molla l’osso fino allo scadere recuperando diversi palloni. Novanta minutiall’altezza.

ZAPATA 6 Esce bene e con coraggio interrompendo palloni bollenti in zona Llorente.

RAMI 5,5 Poco incisivo. Spesso entra timido sul pallone perdendo l’attimo per anticipare.

DE SCIGLIO 5 Si lascia trascinare da Lichtsteiner non riuscendo a opporre la giusta resistenza. Poche discese, nessun cross degno di nota.

POLI 5,5 L’impegno c’è come al solito, ma questa sera serviva qualcosa in più. Annullato dallo strapotere del centrocampo bianconero.

(dal 31’ s.t. TORRES s.v.)

DE JONG 5,5 Non verticalizza quasi mai, rimanendo a lungo nei pressi della difesa. Corre molto, ma la maggior parte del tempo senza occasione di intervento.

MUNTARI 5 Nervoso e distratto. Nel finale perde la brocca prendendosela con Vidal.

HONDA 6 Prestazione pulita. Si fa trovare al suo posto sempre, sbagliando davvero poco. Impegna Buffon con un colpo di testa a inizio match.

(dal 38’ s.t. PAZZINI s.v.)

MENEZ 6 Svaria su tutto il fronte offensivo cercando gli spazi necessari per mettere in mostra le sue qualità. Pochi spazi, ma l’impegno salva il giudizio.

EL SHAARAWY 5 Rimane emarginato dal gioco, non riuscendo nemmeno a dare la giusta assistenza a De Sciglio alle prese con uno scatenato Lichtsteiner. Le condizioni precarie probabilmente hanno inciso più del previsto.

(dal 22’ s.t. BONAVENTURA 6 Non trova i varchi giusti per colpire. Aiuta la manovra, proponendosi senza sosta fino allo scadere.)

F. INZAGHI 5 Decide di affrontare i campioni in carica con il giusto pragmatismo. La sua squadra però si mostra povera di idee in fase di ripartenza, anche perché priva di un play-maker a centrocampo. Nel finale rischia tutto, ma le occasioni per il pareggio non si intravedono.


< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >