BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Diretta Roma-Cagliari (risultato 2-0) live e cronaca della partita. Dominio giallorosso! (Serie A, 21 settembre 2014)

La diretta di Roma Cagliari: risultato live e cronaca della partita di Serie A 2014-2015. Allo stadio Olimpico si gioca oggi pomeriggio alle ore 15, siamo alla terza giornata del torneo

Foto InfophotoFoto Infophoto

Dopo il primo tempo siamo sempre 2-2 tra Roma e Cagliari con gli uomini di Garcia che stanno dominando e controllando la partita di oggi. I sardi non stanno mettendo grande pressione alla retroguardia della Roma che però non deve abbassare la soglia di attenzione per evitare di riaprire la partita. Come sempre molto attivo in campo Gervinho che insieme a Florenzi stanno garantendo grande spinta sulle fasce. 

Al 13' minuto di gioco Roma 2 Cagliari 0. Giallorossi in vantaggio con Mattia Destro al termine di una bella azione in velocità confezionata da Gervinho e Florenzi. Tre minuti più tardi il bis è servito da Alessandro Florenzi: malissimo la difesa del Cagliari che si fa infilare dal pallone profondo di Gervinho, il numero 24 mette in porta sparando con il destro e battendo Cragno. 

Le formazioni ufficiali della partita tra Roma e Cagliari, valida per la quarta giornata del campionato di Serie A 2014-2015 e che sarà diretta dall'arbitro Sebastiano Peruzzo. Roma (4-3-3): 26 De Sanctis; 13 Maicon, 2 Yanga Mbiwa, 44 Manolas, 3 A.Cole; 20 Keita, 16 De Rossi, 4 Nainggolan; 24 Florenzi, 22 Destro, 27 Gervinho In panchina: 28 Skorupski, 1 Lobont,  50 Somma, 91 Calabresi, 35 Torosidis, 25 Cholevas, 82 Emanuelson, 15 Pjanic, 32 L.Paredes, 96 Sanabria, 8 Ljajic, 10 Totti Allenatore: Rudi Garcia Cagliari (4-3-3): 1 Colombi; 21 Balzano, 32 Ceppitelli, 15 Rossettini, 8 Avelar; 16 Dessena, 5 Conti, 20 Ekdal; 23 Ibarbo, 25 Sau, 7 Cossu In panchina: 27 Cragno, 33 M.Capuano, 24 Benedetti, 3 Murru, 14 F.Pisano, 4 Crisetig, 30 Donsah, 10 Joao Pedro, 12 Capello, 13 Caio Rangel, 17 D.Farias, 9 Longo Allenatore: Zdenek Zeman  

Sta per iniziare la diretta della partita tra Roma e Cagliari. Ne vedremo delle belle all’Olimpico. Il bel e offensivo calcio di Rudi Garcia contro chi fa della fase d’attacco il suo mantra. Il Cagliari di Zeman viene a Roma per colpire e far male ai giallorossi: gol e spettacolo assicurati. È 4-3-3 contro 4-3-3. Maicon e Cole vs Pisano e Avelar sugli esterni, mentre a centrocampo – dove si vincono le partite – i padroni di casa puntano forte sul terzetto d’oro De Rossi, Nainggolan e Pjanic, mentre i rossoblù rispondono con Conti, Ekdal e Crisetig. Infine, l’immenso talento di Totti insieme alla velocità di Gervinho e all’estro di Ljajic con i sardi che puntano forte su Marco Sau, Farias e Cossu, sempre pericolosi. 

Si avvicina la partita Roma Cagliari, in cui i giallorossi incontreranno il loro ex tecnico Zeman. In attesa del calcio d'inizio vediamo un po' i numeri di questa sfida. Dopo la Juventus, è proprio la Roma la squadra della serie A che fa maggior possesso palla: 30’58’’. Poco meno, invece, per il Cagliari, che si ferma a 28’38’’. I capitolini, poi, hanno un’ottima percentuale di passaggi riusciti – 74.2% - contro il 67.9% dei sardi. Poi, altro dato più che incoraggiante per Garcia è quello relativo alla pericolosità offensiva, che tocca il 54.4%, con i rossoblù comunque al 52%. Infine, gli ospiti tirano di più dei giallorossi: i ragazz di Zeman, in media, tirano 14 volte, risptto alle 12.5 della banda Garcia.   -  

Manca ormai poco all'inizio di Roma-Cagliari, partita valida per la terza giornata di Serie A e diretta dall'arbitro Peruzzo (sezione di Schio). Rudi Garcia e Zdenek Zeman devono ancora sciogliere qualche dubbio legato alle probabili formazioni, ci sono defezioni da ambo le parti e la posta in gioco è alta, così che fino all'ultimo rimarranno incertezze rispetto agli undici da schierare. Nel frattempo, vediamo allo stato attuale quali sarebbero gli schieramenti della partita.  -  

Roma-Cagliari si gioca questo pomeriggio alle ore 15 allo stadio Olimpico: è valida per la terza giornata del campionato di Serie A 2014-2015. La suggestione è forte, al di là della classifica: il ritorno di Zdenek Zeman a Roma, contro i giallorossi. Certamente non si possono dimenticare due anni in cui, nonostante i risultati non siano stati brillantissimi, il boemo ha fatto divertire tutta la capitale giallorossa; tanto che quando ne era stato annunciato il ritorno in panchina, nell’estate 2012, la piazza lo aveva accolto con grande entusiasmo. Lo Zeman bis però duro poco: si fermò il primo febbraio dell’anno seguente in un’amara serata, guarda caso, all'Olimpico contro il Cagliari. I sardi vinsero 4-2 e in quella partita successe di tutto, a cominciare da un brutto errore di Goicoechea, il portiere uruguayano che Zeman aveva lanciato titolare al posto di Stekelenburg. Il tecnico fu esonerato con 34 punti in 23 partite; il suo posto lo prese Aurelio Andreazzoli. Adesso il boemo è ripartito, guarda caso, proprio da Cagliari; e già alla terza giornata si trova a fare i conti proprio con la sua vecchia squadra. Certi tifosi, forse la maggioranza, non lo hanno mai dimenticato; quelli isolani adesso stanno imparando ad apprezzarlo. Per il momento i risultati non sono esattamente dalla sua parte: nelle prime due giornate di campionato la squadra ha raccolto un solo pareggio, ma soprattutto non ha espresso quel gioco spumeggiante e totalmente offensivo che aveva caratterizzato le sue esperienze passate. Per di più Zeman si trova di fronte una Roma molto diversa da quella che aveva lasciato: una Roma vincente, che ha dominato il Cska Mosca in Champions League (5-1) e che ha vinto le prime due di Serie A segnando tre gol senza incassarne alcuno. Una Roma da scudetto. Nel passato è stato doppio ex Massimiliano Cappioli, lo è stato Francesco Moriero e lo è stato Claudio Ranieri; Daniele Conti è romano, figlio del grande Bruno e cresciuto nella Roma, ma ormai è stato adottato da Cagliari.  Nei giallorossi di oggi giocano Radja Nainggolan e Davide Astori, grandi protagonisti della squadra rossoblu degli ultimi tempi; ma il difensore sarà costretto a saltare la grande sfida dell’Olimpico a causa di una distorsione rimediata mercoledi nella partita europea. Il tempo di recupero è stato quantificato in almeno un mese. Una Roma arrembante, non c’è altro modo per definirla: i giallorossi sono tornati a giocare in Champions League dopo tre anni e mezzo e hanno dominato il Cska Mosca. Quattro gol nella prima mezz’ora di gioco, è poi finita 5-1: nessuno avrebbe mai potuto sognare esordio europeo migliore, e la sfida dell’Olimpico è servita a certificare che l’impostazione tattica di Rudi Garcia può pagare dividendi in Champions. Adesso si torna a giocare in campionato, dove sono arrivate le vittorie contro Fiorentina ed Empoli: l’obiettivo è lo scudetto, non ci si può certo nascondere dopo una stagione da 85 punti, il record di vittorie iniziali e un gioco che ha entusiasmato tutti. Si attende il rientro di Kevin Strootman, ma già così la squadra è altamente competitiva: spetterà a Garcia saper gestire le forze e far ruotare i suoi uomini, la sensazione è però che questa volta si possa riuscire a stare davanti alla Juventus. Il Cagliari arriva dalla sconfitta interna contro l’Atalanta; soltanto a sprazzi si sono visti i dettami di Zeman, che a fine partita si è comunque detto soddisfatto e ribadito che il suo gioco si vedrà a breve, non appena i suoi giocatori saranno entrati in condizione. La campagna acquisti è stata importante: Ceppitelli per sostituire Astori, poi Samuele Longo che con il boemo può esplodere, Farias che con Marco Sau forma i due terzi del tridente che alle dipendenze di Zeman aveva già lavorato a Foggia (il terzo sarebbe Lorenzo Insigne). Anche così aver fatto un solo punto contro Sassuolo e Atalanta non è esattamente quello che ci si aspettava; in Sardegna tuttavia sono abituati alle false partenze e dunque sanno come si recupera terreno. Ad ogni modo, non è certo quella dell’Olimpico la partita che ci si aspetta di vincere. Vedremo come andrà a finire: per la Roma pesano le fatiche europee, ma la squadra è un rullo compressore e l’entusiasmo del pubblico di casa dovrebbe risultare decisivo. Gli isolani non hanno niente da perdere: se la giocheranno, mal che vada prendendolo come un bel test sulla strada verso la savezza. Non resta dunque che dare la parola al campo e mettersi comodi: la diretta di Roma-Cagliari, terza giornata del campionato di Serie A 2014-2015, sta per cominciare…

© Riproduzione Riservata.