BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Serie A/ Ravezzani: la tristezza di Benitez, il dualismo di Mazzarri e il modulo di Inzaghi… (esclusiva)

Walter Mazzarri, 52 anni (INFOPHOTO) Walter Mazzarri, 52 anni (INFOPHOTO)

Questo me lo chiedo anch'io non tanto per quando sta esprimendo il Palermo sul campo, ma perché sappiamo che a Zamparini basta poco per cambiare allenatore. Con lui la situazione è sempre imprevedibile.

Perché in Italia c'è la tendenza a non aspettare troppo il lavoro di un allenatore? Rientra un pò nella mentalità del nostro paese, dove si vuole più tutto e subito e non si ha la pazienza di aspettare, come succede ad esempio in Inghilterra. Chi arriva secondo passa per un cretino e così pensando è più facile arrivare all'esonero, anche se questo può anche essere un vantaggio per i nostri allenatori. Diciamo che non c'è proprio tolleranza per chi sbaglia.

Forse la colpa è soprattutto dei presidente, che si sentono onnipotenti? Non credo che ci sia una categoria colpevole in particolare, il problema è una mancanza di una cultura, di una mentalità che cerchi anche di accettare la sconfitta. Questo è un aspetto tipicamente anglosassone, che dovremmo assimilare anche noi.

Nel calcio conta solo vincere, è questa la mentalità sbagliata da correggere? Diciamo che non è solo questa la cosa che conta ma penso sia una battaglia persa, perché il clima da noi è esasperato. Soprattutto nel calcio che coinvolge più persone e sempre più interessi.

(Franco Vittadini)

© Riproduzione Riservata.