BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Video/ Repubblica Ceca-Olanda (risultato finale 2-1): i gol della partita (9 settembre 2014, qualificazioni Euro 2016)

Video Repubblica Ceca-Olanda, risultato finale 2-1: i gol della partita disputata a Praga e valida per la prima giornata del gruppo A delle qualificazioni a Euro 2016

(dall'account Twitter ufficiale @FIFAcom)(dall'account Twitter ufficiale @FIFAcom)

Repubblica Ceca-Olanda è terminata con il risultato finale di 2-1 per i padroni di casa. Nelle altre sfide del girone A l'Islanda ha dominato la Turchia vincendo per 3-0 mentre la sfida tra Kazakistan e Lettonia si è conclusa a reti inviolate. Questa dunque le classifica del gruppo A dopo la prima giornata: Islanda 3 punti, Repubblica Ceca 3 punti, Lettonia 1 punto, Kazakistan 1 punti, Olanda 0 punti, Turchia 0 punti. Le qualificazioni a Euro 2016 torneranno il prossimo 10 ottobre, questo il programma della seconda giornata: Lettonia-Islanda, Olanda-Kazakistan, Turchia-Repubblica Ceca. Al 22' minuto di gioco la Repubblica Ceca si porta in vantaggio con un gran gol di Borek Dockal. Cross dalla fascia sinistra che spiove in area dove Lafata controlla, difende bene palla e la appoggia dietro per Dockal, che si coordina e taglia un gran sinistro angolato a mezz'altezza, imparabile per il portiere olandese Cillesse. Il pareggio dell'Olanda si materializza al 55' minuto. Palla a Blind sul lato sinistro, cross arcuato in mezzo dove De Vrij stacca bene e piazza il colpo di testa sul secondo palo alla destra del portiere Cech, che non può davvero nulla. 1-1 e palla al centro. Al 91' minuto la partita si risolve a favore della Repubblica Ceca. Rosicky controlla nella trequarti olandese e passa a destra per Darida, che mette in mezzo; Janmaat è davanti a Pilar e prova ad appoggiare all'indietro per il portiere: il suo colpo di testa è però sfortunato perché finisce sul palo e torna in gioco, laddove Pilar deve solo appoggiare in rete.

Al 91' minuto di gioco Repubblica Ceca-Olanda 2-1. In pieno recupero i cechi riescono a trovare il gol del nuovo vantaggio: cross di Dockal dalla fascia destra, Janmaat è in vantaggio nella sua area e prova il colpo di testa per il portiere, ma colpisce in maniera angolata; palla che rimbalza sul palo e poi in campo, sopraggiunge Vaclav Pilar che deve solo appoggiare in rete. Per l'attaccante del Viktoria Plzen è il quarto gol in nazionale maggiore: forse il più importante perché consegna alla Repubblica Ceca i tre punti, sanciti dal fischio finale dell'arbitro Rocchi che arriva poco dopo. 

Siamo nel finale di partita e il match di Praga è molto equilibrato, dopo un primo tempo più a favore dei padroni di casa. Le squadre si sono un pò sfilacciate e si aprono più spazi nelle due difese, il gol risolutivo sembra nell'aria ma per il momento non è ancora arrivato. Nel frattempo le sostituzioni: nella Rep.Ceca fuori Krejc, Vacha e Lafata e dentro Kolar, Vydra e Pilar.

Al 55' minuto di gioco Repubblica Ceca-Olanda 1-1. Gli oranje non hanno ancora trovato una fluidità di gioco ma riescono comunque a pareggiare, grazie al difensore Stefan De Vrij. Il neoacquisto della Lazio colpisce molto bene di testa sul cross dalla sinistra di Blind: incornata inarrivabile per il portiere Cech e pareggio. Per De Vrij questo è il secondo gol con la nazionale maggiore olandese (21 presenze). Nell'intervallo nessuna sostituzione.

Minuti finali nel primo tempo di Repubblica Ceca-Olanda, il risultato della partita è sempre di 1-0 a favore dei padroni di casa. Al 38' minuto di gioco il commissario tecnico olandese Guus Hiddink ha effettuato la prima sostituzione: fuori il difensore Joel Velrman e dentro l'attaccante esterno Luciano Narsingh. Oranje più offensivi per cercare il pareggio, per ora però Rosicky e compagni non hanno rischiato molto.

Al 21' minuto di gioco Repubblica Ceca-Olanda 1-0. Padroni di casa in vantaggio con il gol dell'attaccante Borek Dockal, classe 1988 dello Sparta Praga. Cross da sinistra al centro dell'area olandese, dove Lafata protegge bene la sfera e la sistema dietro per Dockal, che batte il portiere Cillessen con un perfetto sinistro tagliato, che picchia sul palo e gonfia la rete. Vantaggio meritato per la Repubblica Ceca che finora ha giocato meglio. Per Dockal è la seconda rete in 11 presenze con la nazionale maggiore.

Le formazioni ufficiali della partita Repubblica Ceca-Olanda, di cui è in corso il primo tempo. Repubblica Ceca (4-2-3-1): 1 Cech; 2 Kaderabek, 5 Prochazka, 3 Kadlec, 8 Limberski; 22 Darida, 13 Vacha; 9 Dockal, 10 Rosicky, 7 Krejci; 21 Lafata In panchina: 16 Vaclik, 23 Bicik, 4 Suchy, 15 Mazucj, 17 Reznik, 6 Pilar, 11 Pudil, 12 Petrzela, 14 Kolar, 18 Horava, 19 Jiracek, 20 Vydra Allenatore: Pavel Vrba Olanda (5-3-2): 1 Cillesse; 2 Janmaat, 3 Veltman, 4 De Vrij, 5 Martins Indi, 8 Blind; 7 Wijnaldum, 6 N.De Jong, 10 Sneijder; 9 Van Persie, 11 Depay In panchina: 23 Zoet, 22 Krul, 12 Van der Wiel, 13 van Dijk, 14 Verhaegh, 15 Pieters, 18 Afellay, 19 Fer, 20 Klaassen, 16 Kuyt, 17 Narsingh, 21 Lens Allenatore: Guus Hiddink Arbitro: Gianluca Rocchi

Repubblica Ceca-Olanda si gioca questa sera alle ore 20:45 ed è valida per la prima giornata di qualificazione agli Europei 2016 (gruppo A). Quando si parla di queste due nazionali la mente corre direttamente alle due partite giocate nelle fasi a gironi del torneo continentale del 2004 e 2008; ma il precedente storico riguarda invece la semifinale dell’Europeo 1976. Certo la Repubblica Ceca era ancora inglobata nella nazione della Cecoslovacchia; il 16 giugno si gioco allo Stadio Maksimir di Zagabria. La formula prevedeva ancora quattro partecipanti alla fase finale, le altre due erano Germania Ovest e Jugoslavia. Tutti pensavano che la finale sarebbe stata una riedizione dell’ultimo atto del Mondiale di due anni prima, e che questa volta gli orange si sarebbero vendicati; ma non andò così. Successero due cose: la prima, alcune furenti liti tra Johan Cruijff e Willem Van Hanegem che minarono l’affiatamento dello spogliatoio minando il gruppo. La seconda, un violento acquazzone che impedì agli olandesi di praticare il loro calcio totale con palla a terra e veloci fraseggi. I cechi passarono in vantaggio con il capitano Anton Ondrus, che era slovacco e giocava nello Slovan Bratislava; sembrava fatta ma lo stesso numero 4 fece autogol a 11 minuti dal termine, mandando tutti ai supplementari. L’Olanda però era già in dieci uomini: Johan Neeskens si era fatto vincere dal nervosismo ed era stato espulso. Al minuto 114 Zdenek Nehoda, straordinario attaccante del Dukla Praga, infilò la palla in porta superando Schrijvers; l’Olanda perse la testa e un minuto più tardi Van Hanegem si fece cacciare dall’arbitro gallese Thomas. Al 118’ la festa cecoslovacca fu completa: Frantisek Vesely, entrato all’inizio dei supplementari, fece il 3-1 definitivo. Quella squadra avrebbe poi vinto l’Europeo, ai calci di rigore contro i tedeschi; per gli orange un totale fallimento nonostante il terzo posto (3-2 alla Jugoslavia). 

La prima partita di qualificazione agli Europei 2016 per il gruppo A è Repubblica Ceca-Olanda, una sfida storica che ha perso un po’ di fascino a causa del declino di una nazionale, quella ceca, che non è riuscita a coltivare tanti talenti dopo la fine della generazione d’oro (quella dei Nedved, dei Koller, dei Poborsky e dei Baros). La partita di Praga sarà diretta da un arbitro italiano: si tratta di Gianluca Rocchi. Nato a Firenze, ha 41 anni; la classifica della IFFHS per il 2013 lo ha posizionato decimo tra gli arbitri migliori al mondo. Già nel 2005 si mette in luce vincendo il premio Giorgio Bernardi, assegnato al miglior fischietto debuttante in Serie A; nel 2006-2007, dopo l’assoluzione in sede sportiva e penale dal processo Calciopoli, dirige Genoa-Napoli, decisiva per la promozione dalla Serie B. In Italia diventa uno dei migliori: gli vengono affidate partite importanti e decisive per lo scudetto e nel 2008 diventa internazionale. L’esordio in Champions League arriva nel settembre 2010 con Schalke 04-Benfica (fase a gironi) e a fine stagione arbitra la semifinale di ritorno di Europa League Villarreal-Porto. Dopo aver diretto il quarto di ritorno di Champions League Real Madrid-Apoel Nicosia, con Nicola Rizzoli va agli Europei 2012 in qualità di giudice di porta, mentre alle Olimpiadi di Londra è arbitro: fischia in Brasile-Egitto e nella semifinale Messico-Giappone. Ancora con Rizzoli è arbitro di porta nella finale di Champions League 2013 (Bayern Monaco-Borussia Dortmund) ma non riesce a superare il taglio per andare ai Mondiali in Brasile. Resta comunque l’arbitro con più presenze in Serie A (163) e l’unico ad aver diretto due partite a distanza di tre giorni nella stessa giornata di campionato (Juventus-Genoa e Roma-Lazio). 

Alle ore 20:45 di questa sera si gioca Repubblica Ceca-Olanda: teatro della sfida lo Stadion Letna di Praga, la partita è diretta dal nostro Gianluca Rocchi ed è valida per la prima giornata di qualificazione agli Europei 2016. Siamo nel gruppo A: le altre squadre sono Islanda, Turchia, Kazakhstan e Lettonia. Se possiamo escludere le ultime due dalla corsa alla qualificazione, le altre sono insidiose; certo gli orange reduci dal terzo posto ai Mondiali hanno qualcosa in più, ma i cechi ormai lontani dal loro periodo di massimo splendore (il decennio a cavallo tra i Novanta e i primi Duemila) rischiano grosso. Ad aiutarli può essere il fatto che dal 2016 la fase finale degli Europei sarà a 24 squadre, e che dunque si qualificano le prime due di ogni girone più le migliori terze (direttamente), con le altre terze che giocano il consueto playoff in andata e ritorno. Insomma: è quasi più facile entrare nel lotto delle qualificate che restarne fuori, soprattutto se la nazionale è di un certo livello. Non sono pochi i precedenti tra Repubblica Ceca e Olanda: a livello di Europei le due squadre si sono affrontate nel girone eliminatorio del con vittoria orange per 1-0 (gol su rigore di Frank De Boer). Anche quattro anni più tardi, in Portogallo, si era giocata questa partita; ed era stata spettacolare, stavolta con vittoria dei cechi per 3-2 (reti di Koller, Baros e Smicer mentre per l’Olanda avevano segnato Bouma e Van Nistelrooy, portando gli orange sul 2-0 provvisorio). C’è poi una sfida che risale al 1976, anche se si tratta di Cecoslovacchia: semifinale degli Europei che all’epoca prevedevano solo quattro partecipanti alla fase finale. Sotto il diluvio di Zagabria vinse la squadra guidata da Vaclav Jezek, che avrebbe poi portato a casa il titolo: Ondrus fece gol e autogol, si andò ai supplementari dove Nehoda e Vesely firmarono il 3-1 finale. Per seguire Repubblica Ceca-Olanda potete affidarvi a Sky Sport 1, Sky SuperCalcio e Sky Calcio HD, che trovate ai canali 201, 205 e 251 del satellite; sarà disponibile lo streaming video con l’applicazione Sky Go, gratuita e riservata a tutti gli abbonati. Prima e dopo la partita ci sarà lo studio con approfondimenti sulla partita di Praga e le altre in programma: conduce Anna Billò, ospiti in studio Massimo Marianella, Daniele Adani e Alessandro Costacurta. In alternativa potrete comunque essere aggiornati su risultato ed eventuali marcatori sulle pagine ufficiali che le due società hanno sui social network; facebook.com/knvb e facebook.com/narodak, e su Twitter e @fotbalova_repre.