BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Australian Open 2015/ Tennis, il tabellone maschile: Djokovic favorito su Federer e Wawrinka (tennis)

Stan Wawrinka, vincitore degli Australian Open lo scorso anno Stan Wawrinka, vincitore degli Australian Open lo scorso anno

 Se sta bene, e pare che sia così, Monflis è la scheggia impazzita del tabellone. Parte con la diciassettesima testa di serie: fino agli ottavi può arrivare sbadigliando, poi avrebbe Djokovic ai quarti. In Coppa Davis ha demolito Federer (che non stava bene), sull’atletismo non ha rivali e a tennis sa giocare eccome. Non è da vittoria a meno che non succeda qualcosa di incredibile, ma può dare molto fastidio.

 Per come stanno adesso non possono vincere. Però sono due nomi importanti: del primo non dobbiamo spiegare nulla, il secondo ha vinto gli Us Open a 20 anni battendo in finale Federer, che ancora dominava. Per problemi fisici vari sono stati a lungo fuori dal circuito, non sono in condizione e devono innanzitutto pensare a stare bene; per talento, voglia e carattere possono stupire e arrivare fino in fondo. Ci riusciranno? Da valutare, e non vediamo l’ora. 

 Dall’austriaco del ’93 Dominic Thiem al croato del ’96 Borna Coric, dagli idoli di casa Nick Kyrgios e Thanasi Kokkinakis a Vasek Pospisil (da seguire anche nel doppio) i nomi degli emergenti sono tanti. Finchè i big giocheranno così scalzarli dal trono sarà dura, ma intanto possono scalare il ranking e arrivare in profondità nel tabellone. Il resto si vedrà, c’è ancora tempo. 

 Per quella che è la situazione attuale, forse le maggiori possibilità le ha Simone Bolelli che ha finito alla grande i 2014 e iniziato benissimo la stagione; peccato che debba incrociare Federer al secondo turno, mentre Andreas Seppi lo farà eventualmente al terzo. Fabio Fognini è la nostra unica testa di serie: apre con Alejandro Gonzalez e poi il tabellone lo spingerebbe contro Dolgopolov ed eventualmente Wawrinka (agli ottavi). Non semplice, e per come ha giocato negli ultimi mesi le cose si complicano. 

(Claudio Franceschini)

© Riproduzione Riservata.