BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Pagelle/ Palermo-Roma (1-1): Fantacalcio, i voti della partita (Serie A 2014-2015 19a giornata)

Pagelle Palermo-Roma: i voti della partita di Serie A, anticipo della diciannovesima giornata. I protagonisti, i migliori e i peggiori al Barbera: tutti i giudizi per il Fantacalcio

Beppe Iachini, allenatore Palermo (Foto Infophoto) Beppe Iachini, allenatore Palermo (Foto Infophoto)

Nella ripresa parte bene la squadra di Garcia che trova il pareggio con Mattia Destro. L'attaccante di Ascoli Piceno sfrutta una punizione messa dentro da Pjanic sulla quale è bravo a fare sponda proprio per lui Strootman. Dopo il gol la Roma però cala fisicamente e rischia di andare di nuovo sotto. La migliore occasione da lì alla fine infatti ce l'ha Dybala lanciato dentro, l'attaccante argentino calcia però su De Sanctis. Molti dubbi alla fine su un fuorigioco dubbio che ferma Belotti lanciato praticamente in porta.

Partita che non vive di grandissime occasioni sotto porta, ma è animata e fisica fino alla fine. Le due squadre si danno lotta, giocando ad alti livelli e correndo molto. Pari alla fine tutto sommato giusto;

I rosanero corrono molto più della Roma, a tratti mostrando un calcio anche migliore della squadra che è seconda in classifica. Distrazione dietro che costa due punti, ma partita giocata ad alto livello e con intelligenza;

Se si vuole vincere lo Scudetto queste non sono le prestazioni adatte da mettere in campo. Roma rimaneggiata è vero, ma se vuoi puntare in alto anche le alternative devono dire la loro. Pari arrivata su un calcio da fermo, se no non arriva nemmeno il punto. Molto da rivedere per Garcia; 

Qualche indecisione nella gestione dei cartellini e sul giudizio pesa soprattutto la ripresa. Gestione però del match tutto sommato giusta. 

Partita che inizia subito in salita per i giallorossi, Astori (4) sbaglia un passaggio servendo Vazquez (7) questi serve dentro Dybala (7) che non sbaglia. Dopo due minuti i rosanero sono già sull'uno a zero. Gara che non vive di grandissime occasioni, ma che la Roma non riesce a gestire giocando spesso con poca precisione nei passaggi e tanta confusione in mezzo al campo. Pesano le assenze di Nainggolan, Keita e De Rossi sicuramente non ancora all'altezza Paredes (4.5) che è sembrato un oggetto estraneo. L'unica occasione per i giallorossi arriva da un passaggio dentro di Ljajic (6) che serve Destro (5) coi tempi giusti da solo davanti a Sorrentino (sv). L'attaccante di Ascoli Piceno però non ne approfitta; - Gara che non vive di grandissime emozioni, anche se ne arriva una appena dopo due minuti col gol di Dybala. I rosanero giocano la palla più velocemente mentre i giallorossi sono sfilacciati e distratti;  - Fatto il gol subito dopo pochi secondi i rosanero gestiscono la gara con grande interpretazione del match e pochissimi rischi dietro; - Nonostante la grande prova nel primo tempo di Vazquez e Dybala Rigoni si dimostra ancora una volta l'uomo in più di questa squadra. Gioca la palla sempre di prima intenzione, aggredisce l'avversario svolgendo le due fasi con grande intensità. Semplicemente straordinario; - Gli unici rischi, anche se sono davvero pochi, arrivano tutti dal suo lato; - Pronti via prende il gol la squadra di Garcia che nella manovra appare confusa e impaurita. Certo pesano le assenze di Nainggolan, Keita e De Rossi in mezzo a campo ma al momento soprattutto Pjanic non sembra all'altezza della situazione. Davanti poi non ne parliamo, senza Gervinho i giallorossi si affidano agli sprazzi di Iturbe e Ljajic che si accendono solo a intermittenza; Voto più per la stima e la grande intensità che ci mette sempre, anche se pure lui soffre la velocità dell'avversario. Gara comunque ordinata la sua; - Un giocatore del suo livello, che gioca in una squadra che lotta per lo Scudetto non si può assolutamente permettere un errore del genere dopo appena due minuti. Al di là di questo non ne vede una nel primo tempo con Vazquez e Dybala che lo fanno letteralmente impazzire; – Gestione attenta della gara, non sbaglia nulla nelle scelte.