BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Pagelle/ Algeria-Sudafrica (3-1): i voti della partita (Coppa d'Africa 2015, gruppo C)

Le pagelle di Algeria-Sudafrica 3-1, partita valida per la 1^giornata del gruppo C della Coppa d'Africa 2015: i voti del match disputato lunedì 19 gennaio 2015 all'Estadio de Mongomo

(dall'account Twitter ufficiale @CAF_Online)(dall'account Twitter ufficiale @CAF_Online)

Il calcio è duro, ha leggi implacabili, severe: da stasera, se ce ne fosse stato bisogno, lo sa ancor meglio il Sudafrica, beffato da un 3-1 in favore dell'Algeria totalmente "sconnesso" rispetto al match andato in onda all'Estadio do Mongomo. Tanti, troppi errori sottoporta per Rantie e compagni e Gourcuff, beffardo, se la ride: per la favorita alla vittoria finale, però, al di là dei 3 punti una prestazione insufficiente.

Arriva al voto da "compitino" solo grazie all'importanza della vittoria; trattandosi di soli 3 match (nel girone) bisogna partire proprio dalla pesantezza dei punti in palio. Ma il gioco e gli spunti dei singoli, che pure sono di livello, mancano abbastanza clamorosamente.

Discorso contrario per i 'Bafana Bafana' che meriterebbero un 7 per il coraggio e l'esuberanza. Con gli attacchi garibaldini e gli sprechi sottoporta però non si va lontano; nonostante il KO, in ogni caso, impossibile bocciare la prova di squadra.

Partita senza grandi episodi su cui concentrarsi, il rigore è netto e non può sbagliare. Per il resto ordinaria amministrazione.

Dopo un primo tempo abbastanza sorprendente (voto 6) e che ha visto il Sudafrica superiore rispetto all'Algeria in tutte le zone del campo, il punteggio all'Estadio de Mongomo è fermo sullo 0-0. La squadra di mister Mashaba (voto 7) ha retto benissimo all'inizio più intraprendente delle 'Volpi del deserto' senza mai tremare: sottotono a dir poco il tridente di trequartisti - Mahrez, Brahimi e Feghouli (voto 5 per tutti e tre) - alle spalle di Slimani, quasi ingiudicabile per l'assenza di palloni giocabili. Anche Bentaleb e Lacen (per loro voto 5,5) non hanno trovato alcun pallone pericoloso da dietro e in verticale per le punte. Dall'altra parte invece il capitano Furman (voto 6,5) con una conclusione dalla distanza ha messo paura a M'Bolhi (voto 7) e al suo tecnico (padre dell'ex giocatore del Milan) Gourcuff (voto 5). Anche Jali (voto 6,5) e Vilakazi (voto 6) protagonisti in avanti e stoppati bene dal numero 1 algerino: se c'è qualcuno che può recriminare, dopo il primo tempo, questo è certamente il Sudafrica.

La pressione da favorita alla vittoria finale, derivante anche da un Mondiale sorprendente, pesa sulle gambe delle 'Volpi del deserto' in questa prima frazione. Nettamente insufficiente in senso globale. Salva i suoi in due occasioni e probabilmente sfiora anche il siluro sganciato da Furman e che impatta la trasversale. Scegliamo lui perchè tocca sì e no un pallone in tutto il primo tempo, ma in realtà è una bocciatura (parziale) da condividere con i trequartisti, incapaci di azionarlo.

Manca il gol e non è un particolare da poco: quando si gioca una competizione così non ci si possono permettere troppi errori. Per il resto impressiona per solidità e anche capacità di offendere l'avversario. Tanti i giocatori oltre la sufficienza, il capitano è sicuramente quello che – anche per come guida i compagni – si merita la palma di metà partita come migliore in assoluto.  Si sfianca in movimenti e diagonali offensive profonde che tengono impegnati i difensori, perdendo però pericolosità. (Luca Brivio)