BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Mondiali sci alpino/ Federica Brignone: a Beaver Creek per la medaglia nel gigante, le avversarie tutte forti. La pista? Spero... (esclusiva)

Federica Brignone, 24 anni, qui nel gigante di Aspen dove è stata terza Federica Brignone, 24 anni, qui nel gigante di Aspen dove è stata terza

Ovviamente si può sempre fare di più, ma direi che sono soddisfatta: i primi tre giganti sono andati molto bene, anche se ad Are forse avrei voluto salire sul podio perchè ci sono andata molto vicina (quarta, ndr). Anche alla vittoria: sono sempre lì e so che prima o poi arriverà. Mi spiace più che altro per Kuehtai: ho buttato via una grandissima occasione. Ero partita davvero forte, abbiamo rivisto il video e stavo facendo le cose giuste.

Per quanto riguarda gli slalom? Ho un po’ di rammarico, perchè sto andando bene anche lì ma tre volte su quattro andando forte ho inforcato. Cosa ci vuoi fare, nello slalom quando attacchi l’errore è alle porte, anzi non aspetta altro… Peccato, avrei voluto fare di più per essere a ridosso delle 30 e partire con un pettorale migliore. 

A Cortina ti abbiamo visto gareggiare in super-G: c’è l’idea concreta di aprirti regolarmente alla velocità in futuro? Nella mia testa direi che l'idea c’è da sempre. Però non è facile: come vedi, nessuna fa più tutte le discipline. L’unica è Tina Maze, che per altro è performante in tutte; la Vonn ne fa due, la Rebensburg ne fa tre ma in gigante inizia a fare fatica, la Hosp ne fa tre ma non vince in tutte. E’ durissima, ancor più di una volta. 

Questo per dire che…? Che continuerò con la velocità se avrò la possibilità di fare bene. Altrimenti, farla per arrivare ventottesima come a Cortina… non mi interessa per niente. 

Ultima domanda: in generale, quali possibilità ha la squadra italiana dello sci femminile ai Mondiali? Intanto mi spiace tantissimo per Dada (Daniela Merighetti, ndr): lei è una da grande evento ma a Cortina si è fatta davvero male e non so come arriverà ai Mondiali (sarà operata oggi per ridurre la frattura alla mandibola, ndr). Per il resto le due Fanchini sono da medaglia, ma a dire il vero se la giocano tutte: quest’anno il criterio di qualifica è stato abbastanza duro e chi andrà ai Mondiali se lo sarà meritato e sarà lì per una medaglia. Poi, come sai, in quei giorni devi azzeccare la giornata e la gara, essere in fiducia…

Voi lo siete, mi sembra di capire... Sì, quest’inverno stiamo facendo dei buoni risultati come squadra, stiamo tutte abbastanza bene sia come discesa che come gigante. Io personalmente sono affezionata al mio gruppo e mi diverto tanto, ma è un bel gruppo anche quello della discesa. 

(Claudio Franceschini)

© Riproduzione Riservata.