BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Australian Open 2015/ Info streaming video e diretta tv, i risultati delle partite (tennis, 22 gennaio 2015)

Australian Open 2015, info streaming video e diretta tv: i risultati delle partite del giorno. Si conclude il secondo turno nei due tabelloni: giocano Paolo Lorenzi e Camila Giorgi

Dall'account facebook.com/AustralianOpenDall'account facebook.com/AustralianOpen

Quarta giornata agli Australian Open 2015. Il primo Slam della stagione si gioca al Melbourne Park e inizia ad entrare nel vivo, perchè oggi si concluderà il secondo turno nei rispettivi tabelloni, quello maschile e quello femminile. Avremo anche due italiani in campo e questo non fa che aumentare le aspettative su una giornata che come di consueto apre i suoi battenti alle ore 11 australiane, quando cioè in Italia sarà la una della mattina (precedente, per intenderci la notte tra mercoledi e giovedi). I canali di riferimento per gli Australian Open sono Eurosport ed Eurosport 2, che seguiranno gli incontri principali cercando di dare la priorità agii italiani: li trovate ai numeri 384 e 385 del telecomando, ma anche al 210 e 211 se accedete dal pacchetto Sky. Jacopo Lo Monaco guiderà la squadra di telecronisti (tra i quali anche Lorenzo Cazzaniga e Barbara Rossi) e per tutti gli abbonati a Sky ci sarà la possibilità della diretta streaming video attraverso l’applicazione Sky Go, mentre per gli altri è disponibile in abbonamento il portale Eurosport Player. Per tutte le informazioni sugli Australian Open 2015 potrete inoltre consultare le pagine Facebook e Twitter del torneo: facebook.com/AustralianOpen e @AustralianOpen; oppure quelle dei due circuiti di tennis che sono rispettivamente facebook.com/ATPWorldTour e @ATPWorldTour per il maschile, facebook.com/WTA e per il femminile. Gli italiani in campo sono i due superstiti in queste parti dei tabelloni: Paolo Lorenzi ha vinto una splendida partita contro Alexandr Dolgopolov e ora si lancia contro il canadese del ’93 Vasek Pospisil, reduce da una maratona ai cinque set contro Sam Querrey. I precedenti sono 1-1: lo scorso hanno ha vinto Pospisil ma eravamo sull’erba del Queen’s, sul cemento Lorenzi se la gioca e chissà che non ci regali un’altra impresa. Sarà in campo anche Camila Giorgi, che di autorità ha rimontato e vinto il derby contro Flavia Pennetta: Tereza Smitkova è una giovane ceca che sta già facendo parlare molto di sè, e la maceratese contro questo tipo di avversarie (cioè sulla carta inferiori ma con talento e idee) è portata ad andare in sofferenza sapendo di dover essere lei a comandare lo scambio e prendere iniziative nel cambio ritmo. Ad ogni modo la qualificazione è possibile; nel caso ci sarebbe con tutta probabilità Venus Williams, che forse intravede la vittoria in uno Slam (non succede dal 2007) per la prima volta dalla semifinale giocata agli Us Open nel 2010. Ha un derby contro Lauren Davis: non una passeggiata, ma se Venus sta bene è tremendamente superiore. Tanti big saranno poi in campo: nel tabellone maschile Novak Djokovic sfida Andrey Kuznetsov, Kei Nishikori trova in Ivan Dodig un altro avversario ostico dopo Almagro e il campione in carica Stan Wawrinka affronta Marius Copil. Da seguire l’idolo di casa Lleyton Hewitt in uno scontro tra diverse generazioni con Donald Young, da non perdere Marcel Granollers-Gilles Simon che può regalarci tante cose dal punto di vista tecnico. Nel tabellone femminile c’è la testa di serie numero 1 Serena Williams che contro Vera Zvonareva rivive idealmente la finale di Wimbledon 2010 (dominò concedendo cinque game) e prosegue il suo cammino verso il sesto titolo agli Australian Open (che diventerebbe il Major ad aver vinto più volte); c’è Agnieszka Radwanska cui manca ancora uno Slam in bacheca (affronta Johanna Larsson) ma soprattutto c’è Caroline Wozniacki-Victoria Azarenka, già al secondo turno perchè la bielorussa, che qui ha vinto nel 2012 e 2013, è reduce da un lungo stop per un infortunio al piede. Potrebbe essere una potenziale semifinale se non una finale, e invece una delle due saluterà prestissimo lo Slam; un peccato, soprattutto perchè il torneo femminile ha già perso 11 delle 32 teste di serie. (Claudio Franceschini)

© Riproduzione Riservata.