BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Australian Open 2015/ News, Seppi storico: batte Federer e vola agli ottavi

Australian Open 2015 news: impresa storica di Andreas Seppi, che per la prima volta in carriera batte Roger Federer e si qualifica agli ottavi di finale del primo Slam della stagione

(dall'account facebook.com/AustralianOpen)(dall'account facebook.com/AustralianOpen)

Ecco, ora bisogna andare a sfogliare gli almanacchi e capire quando era stata l’ultima volta. Andreas Seppi va agli ottavi degli Australian Open 2015 ma la notizia non è questa; la notizia è che lo fa battendo nientemeno che Sua Maestà Roger Federer, numero 2 al mondo e detentore del maggior numero di Slam di sempre. Lo fa vincendo in due ore e 57 minuti, lo fa nonostante nel secondo set abbia scialacquato un 5-4 e servizio facendosi trascinare al tie break, lo fa per la prima volta in carriera dopo dieci sconfitte e un bilancio di un set vinto (a Doha nel 2012). “A un certo punto abbiamo capito che avremmo potuto davvero vincere” racconta Massimo Sartori, lo storico coach dell’altoatesino. “E’ stata un’emozione fortissima, come quando nel 2011 Andreas vinse il primo titolo ATP a Eastbourne. Ma questo è ancora di più. Perchè d’accordo che è un terzo turno, ma è uno Slam ed è una vittoria contro uno dei tre tennisti più grandi di tutti i tempi, battuto quando era ancora in vetta o quasi e in una forma che molti ritenevano vicina alla migliore. “Si è trattato solo di un brutto giorno ha chiosato Roger in conferenza stampa; ma intanto per lui svanisce il sogno di mettere le mani sul diciottesimo Major e con la sconfitta di oggi fanno dieci grandi tornei consecutivi che non riesce a vincere. E’ un record negativo per lui: tra gli Australian Open 2010 e Wimbledon 2012 in mezzo ce n’erano stati nove. Seppi si prende titoli dei giornali e ottavi di finale: affronterà il vincente di Malek Jaziri-Nick Kyrgios, se fosse l’australiano sarebbe più dura ma il concetto rimane e cioè che Andreas può seriamente e sinceramente ambire ai quarti. Diventa fondamentale calarsi nuovamente nello spirito con cui ha affrontato questo incontro: con la consapevolezza di non avere niente da perdere e che quanto arriverà da ora al primo febbraio sarà tutto di guadagnato. Noi italiani invece, seduti in poltrona o presenti al Melbourne Park o semplicemente tifosi di tastiera, ci crediamo; senza tirar fuori, come ovviamente si è fatto e si farà, quel dorato 1976 e Adriano Panatta e i quattro set contro Harold Solomon che gli consegnarono il Roland Garros. Sono passati 39 anni e da allora l’Italia del tennis aspetta qualcosa di così stratosferico. Seppi può farcela ? E’ giusto non chiederlo a lui ed è giusto che non ce lo chiediamo noi: per ora Andreas ha battuto una leggenda ed è agli ottavi degli Australian Open, ha ancora eventualmente quattro match da giocare e fior di giocatori con cui incrociare la racchetta. Però, evidentemente, il 23 gennaio 2015 lo ricorderà e custodirà come un tesoro inestimabile. Sperando che non sia del tipo “quella volta che ci arrivai a tanto così”.

(Claudio Franceschini)

© Riproduzione Riservata.