BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Juventus-Inter/ Orario diretta tv, probabili formazioni e quote: gli assenti (Serie A 2014-2015 17^ giornata)

Probabili formazioni Juventus Inter: le ultime novità, i moduli con gli schemi di partenza e le scelte dei due allenatori per il derby d'Italia, che si gioca questa sera alle ore 20:45

Foto InfophotoFoto Infophoto

Probabili formazioni Juventus-Inter: diamo uno sguardo ai giocatori assenti nelle due squadre, che dovranno saltare la prima partita di Serie A del nuovo anno in campionato. Infermeria piuttosto affollata in casa bianconera, dove Allegri deve fare a meno degli ormai soliti infortunati Caceres, Marrone, Barzagli, Asamoah e Romulo. Mancini invece deve fare i conti con le competizioni internazionali di gennaio: Nagatomo è in Coppa d'Asia, Mbaye in Coppa d'Africa.

Diamo uno sguardo ai giocatori diffidati delle due squadre, a rischio squalifica in caso di cartellino giallo in questo sentitissimo derby d'Italia. Nella Juventus sono diffidati Lichtsteiner, Marchisio, Ogbonna, Bonucci e Pogba: una lista molto lunga e pesante se si considera che dopo l'Inter ci sarà un altro big-match contro il Napoli. Tra i nerazzurri ci sono Dodò, Juan Jesus e Ranocchia in questa situazione, dunque devono evitare un'ammonizione per non saltare il successivo impegno contro il Genoa.

Probabili formazioni Juventus-Inter: grande attesa per il derby d’Italia che chiude la 17^ giornata di Serie A, e allora siamo andati a pescare i possibili protagonisti della partita selezionando come al solito un giocatore per squadra. Ecco quali sono le nostre scelte. Di gol all’Inter ne ha già segnati due: uno splendido nel 2-1 del dicembre 2009, l’altro comunque molto bello nel 2-1 di San Siro dell’ottobre 2011. Marchisio ha un rapporto decisamente positivo con i nerazzurri; quest’anno è fermo ad un gol in stagione, le sue medie abituali sono decisamente più alte ma in questa Juventus fa molto più lavoro di sacrificio e l’area avversaria la vede meno. Però, sa come colpire; forse i centrocampisti hanno meno incidenza nel tabellino marcatori di quanta ne avevano con Conte, però la palla in porta la mettono. Stasera arriverà il turno del Principino? Da ex della Fiorentina ha segnato contro i viola (con la Roma), da ex (non rimpianto) della Roma ha segnato all’Olimpico contro i giallorossi lo scorso anno, nella partita decisiva per la Juventus in termini di scollinamento oltre quota 100. Si ripeterà stasera? La Juventus ha deciso di non riscattarlo a fine stagione e così dopo essere tornato al Southampton ha accettato la proposta dell’Inter. E’ partito alla grande ma con il ritorno di Palacio è finito in panchina; anche con pochi minuti a disposizione però sa come far male agli avversari, la capolista teme la “vendetta” e l’Inter con lui sogna un altro sgarbo alla Signora come quello del novembre 2012.

Probabili formazioni Juventus-Inter: per una partita così importante chiaramente Allegri e Mancini vogliono studiare a fondo le loro possibilità ed è per questo che ci sono ballottaggi ancora aperti da entrambe le parti. Vediamo quali sono: nella Juventus ci sono due giocatori che possono variare la struttura del centrocampo, ruota tutto intorno alla posizione di Vidal che può fare il trequartista mandando Pogba a giocare come sempre da mezzala sinistra, oppure agire in mediana (sul centrodestra, spostando Marchisio) con Pereyra dietro le punte e Pogba a osservare un turno di riposo. Nell’Inter può variare anche il modulo: sarebbe 4-2-3-1 con Hernanes largo a destra sulla trequarti, si  può però tornare al classico e allora fuori il Profeta e dentro sia Guarin che Kuzmanovic, altrimenti in competizione tra loro per il posto da mediano al fianco di Medel (senza dimenticare M’Vila). Anche sugli esterni ci sono dubbi: se gioca Campagnaro D’Ambrosio può scalare a sinistra togliendo il posto a Dodò, altrimenti fuori l’argentino e tutto come al solito con l’ex Torino a destra e il brasiliano a sinistra.

Posticipo di lusso questa sera alle ore 20:45, si gioca Juventus-Inter che chiude la diciassettesima giornata del campionato di Serie A 2014-2015. Bianconeri in testa alla classifica con 39 punti e alla ricerca del platonico titolo di campione d’inverno; i nerazzurri hanno 21 punti e vogliono rientrare nella corsa per l’Europa. Al di là di numeri e statistiche questo è il derby d’Italia e ha valore a prescindere; diamo allora uno sguardo alle probabili formazioni di Juventus-Inter.

Potrete seguire la diretta di Cesena-Napoli sui canali del satellite e su quelli del digitale terrestre; nello specifico dovete andare su Sky Sport 1 (201), Sky SuperCalcio (205) o Sky Calcio 1 (251), e su Premium Calcio (numero 371) e Premium Calcio HD (380).

Sulla carta Juventus-Inter sarebbe una partita da tripla, ma i 18 punti di differenza e il fattore campo spingono i bianconeri almeno secondo la Snai. La quota per la vittoria della Juventus è infatti di 1,53 mentre quella per la vittoria dell’Inter è di 6,50; il pareggio, segno X, vale 4 volte la somma giocata.

Qualche buona notizia dalla sosta per Massimiliano Allegri, che ritrova in un solo colpo Caceres e Marrone e dunque aggiunge due alternative a una difesa che è sempre stata in emergenza. Ovviamente i titolari restano Bonucci e Chiellini, che si sistemano al centro con Lichtsteiner a destra ed Evra, la cui unica riserva a questo punto è Mattiello (con Padoin che eventualmente può giocare su quel lato del campo) dall’altra parte. In mezzo si valuta la possibilità di dare un turno di riposo a Pogba; nel caso Vidal scalerebbe a centrocampo riprendendo la sua posizione naturale di mezzala con Marchisio sul centrosinistra e Pirlo ovviamente confermato in cabina di regia; in realtà è più probabile che il francese giochi vista l’importanza dell’avversario, dunque Vidal andrà regolarmente sulla trequarti lasciando Pereyra come prima alternativa per il reparto di mezzo o per aumentare la pericolosità tra le linee. Davanti dovrebbe essere tutto confermato: ci sono Tevez e Fernando Llorente, panchina per Alvaro Morata che però nel secondo tempo potrà risultare eventualmente utile, al pari di Giovinco che rappresenta caratteristiche diverse rispetto ai colleghi offensivi.

Lukas Podolski è arrivato a Milano ed è stato accolto come un eroe dai tifosi dell’Inter; tuttavia per questa partita non dovrebbe essere a disposizione, il suo esordio dovrebbe arrivare domenica contro il Genoa. Roberto Mancini ha il solo Nagatomo indisponibile; il giapponese è partito per la Coppa d’Asia. Si valuta un cambio di modulo con il passaggio al 4-2-3-1 per avere più giocatori da mandare tra le linee a fronteggiare direttamente la difesa della Juventus; a “pagare”, se la scelta fosse confermata, sarebbe uno tra Guarin e Kuzmanovic con il secondo, quello che starebbe in campo, dirottato in mediana insieme a Medel. Sulla corsia infatti, in attesa di Podolski, Mancini potrebbe utilizzare Hernanes che giocherebbe a destra con Kovacic che di fato mantiene la sua solita posizione ma viene affiancato dal Profeta e da Palacio, che riprende più o meno quello che era il suo ruolo nel primo periodo al Genoa, cioè di esterno d’attacco. Questa volta però c’è un riferimento avanzato che è Mauro Icardi, con l’ex Osvaldo che va ancora in panchina ma nel secondo tempo potrebbe certamente dire la sua.