BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Probabili formazioni/ Azerbaijan-Italia: quote, le ultime novità. Gli allenatori (qualificazioni europee, oggi 10 ottobre 2015)

Probabili formazioni Azerbaijan-Italia: quote, le ultime novità sui moduli e i titolari per la partita delle qualificazioni europee a Baku (oggi sabato 10 ottobre 2015)

Stephan El Shaarawy con la maglia azzurra (Infophoto) Stephan El Shaarawy con la maglia azzurra (Infophoto)

Andiamo a studiare il percorso dei due Commissari Tecnici di Azerbaijan e Italia. Antonio Conte ha preso in mano la Nazionale lo scorso 19 agosto, succedendo al dimissionario Prandelli ed esordendo nell’amichevole vinta 2-0 contro l’Olanda; dopo 12 partite ha totalizzato 7 vittorie, 4 pareggi e una sola sconfitta, il 16 giugno in amichevole contro il Portogallo (a Ginevra). Sotto la sua guida l’Italia ha realizzato 15 gol incassandone 8. Robert Prosinecki, ex centrocampista di grande talento tuttavia mai davvero esploso, guida l’Azerbaijan dal dicembre 2014, prendendo il posto di Berti Vogts. Con lui la nazionale azera ha fatto ottimi progressi e nel girone H delle qualificazioni agli Europei 2016 Prosinecki non ha ancora perso. Vittoria 2-0 contro Malta, poi tre pareggi in successione tra i quali spiccano quelli contro la Norvegia (in trasferta) e Croazia, entrambi per 0-0 (poi l’Azerbaijan ha pareggiato 2-2 a Malta).

Non può che essere Graziano Pellé il protagonista di questa Azerbaijan-Italia. L’attaccante leccese nel nostro campionato non ha mai sfondato, ma all’estero ha sempre segnato tanto; i 26 gol in 33 partite con il Feyenoord hanno convinto Antonio Conte che, in un periodo nel quale i grandi bomber scarseggiano, gli ha dato una maglia da attaccante. Pellè ha ripagato la fiducia: già 3 gol in Nazionale sotto la gestione Conte (due a Malta nelle qualificazioni, uno in amichevole contro l’Inghilterra) in sei partite, mentre con il Southampton continua a vedere la porta (5 gol nelle prime 8 di campionato). Altro protagonista atteso è Stephan El Shaarawy: venduto in estate al Monaco, il Faraone bloccato a lungo da infortuni si candida ad essere il trascinatore dell’Italia che verrà, quella cioè che andrà in Francia a giocarsi l’Europeo. Per far parte di quella lista dovrà convincere il suo CT a cominciare da questa sera. 

In Azerbaijan-Italia di qualificazione agli Europei 2016 spiccano alcuni nomi di giocatori assenti, che non potranno prendere parte alla gara. L’Italia ha perso Domenico Berardi e Lorenzo Insigne: entrambi convocati da Antonio Conte, a causa di infortuni hanno dovuto lasciare il ritiro. Il CT ha chiamato Giacomo Bonaventura una volta appreso del problema di Insigne; possiamo considerare come assenti Lorenzo De Silvestri, fuori dallo scorso giugno per il grave infortunio occorso contro la Croazia, e ovviamente Claudio Marchisio che tornerà a disposizione della Juventus dopo la sosta. L'ultima assenza è quella di Andrea Pirlo, che si è bloccato ieri in allenamento e proverà a recuperare almeno per la Norvegia.

Si gioca oggi pomeriggio alle ore 18.00 italiane a Baku; la partita è valida per il girone H delle qualificazioni a Euro 2016. Per l'Azerbaijan c'è in palio la soddisfazione di un risultato di prestigio contro una grande Nazionale, per l'Italia del c.t. Antonio Conte invece la grande opportunità di conquistare la matematica certezza della qualificazione con una giornata d'anticipo, anche se per farlo servirà vincere. Arbitra la partita il signor William Collum (Scozia); andiamo allora a dare uno sguardo più approfondito alle probabili formazioni di Azerbaijan-Italia.

Le quote Snai per Azerbaijan-Italia, valida per il girone H delle qualificazioni agli Europei 2016, ci forniscono le seguenti informazioni: vittoria Azerbaijan (segno 1) a 15,00; pareggio (segno X) a 4,65; vittoria Italia (segno 2) a 1,25.

Il c.t. dell'Azerbaijan è il croato Robert Prosinecki, che vorrebbe fare un favore alla sua Nazionale d'origine anche se la squadra di Baku è già ampiamente tagliata fuori dal discorso qualificazione. La formazione che sarà schierata in campo contro gli azzurri dovrebbe essere la stessa vista lo scorso 6 settembre nel pareggio contro Malta; un 4-5-1 coperto nel quale Gurbanov è l’unico terminale offensivo, spalleggiato dagli esterni Amirguliev e Tagiev che in fase di possesso palla possono alzarsi per dare vita ad un 4-3-3. In mezzo al campo Izmailov sarà il regista, affiancato da Garayev e Nazarov che dovranno agire nella fase di interdizione ma anche provare gli inserimenti senza palla. In difesa i terzini saranno Dashdemirov e Sadygov, mentre la coppia centrale sarà formata da Guseynov e Mirzabekov; in porta Kamran Agaev.

Partiamo dalla difesa, dove non dovrebbe esserci il minimo dubbio. In porta naturalmente Buffon, davanti a lui la coppia centrale formata da Bonucci e Chiellini, come terzini c'è Darmian a destra mentre a sinistra agirà De Sciglio. Da centrocampo cominciano i dubbi, che non riguardano solo gli uomini ma anche come Conte li potrebbe schierare in campo. Ad esempio in mezzo dovrebbero esserci Florenzi, Verratti (sicuro del posto visto il forfait di Pirlo) e Parolo, ma sulla loro stessa linea potrebbe agire El Shaarawy se si optasse per il 4-4-2, mentre il milanista potrebbe avanzare sulla linea degli attaccanti in caso di 4-3-3 e in questo caso al suo posto potrebbe giocare Eder (che di certo non vedremmo sulla linea dei centrocampisti). La certezza è Pellè come punta centrale, in caso di 4-4-2 il sacrificato dovrebbe essere Candreva, a meno che tolga il posto a Florenzi come esterno destro in una sorta di derby romano.