BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Diretta/ Verona-Udinese (risultato finale 1-1): info streaming video e tv. Pareggio di Thereau! (oggi 18 ottobre 2015, Serie A 8^ giornata)

Diretta Verona-Udinese: info streaming video e tv, risultato live e cronaca della partita di Serie A, valida per l'ottava giornata (oggi domenica 18 ottobre 2015)

Infophoto - immagine di repertorioInfophoto - immagine di repertorio

Finisce con un pareggio per 1 a 1 la sfida del Bentegodi tra Hellas Verona e Udinese. Decisivo il subentrato Thereau che, all'84', approfittando di un cross di Bruno Fernandes dalla destra svirgolato malamente da Rafael, anticipa Pisano e mette il pallone in rete per il goal del pari. Un istante più tardi i Friulani potrebbero raddoppiare se il guardalinee non avesse pescato in fuorigioco gli attaccanti bianconeri. I padroni di casa invece subiscono il contracolpo psicologico e non riescono più a rispondere a dovere alle giocate avversarie.

Giunti al trentacinquesimo del secondo tempo, al Bentegodi Hellas e Udinese sono sempre sull'1 a 0 per i Gialloblu. L'unica occasione da registrare è quella di Pazzini con la girata fuori misura del 71'. Colantuono ha già effettuato tutte le sostituzioni con l'ingresso di Badu per Marquinho e Perica per Felipe mentre Mandorlini dall'altra parte ha inserito Helander al posto di Siligardi per coprirsi meglio.

Quando la sfida è ormai giunta al ventesimo del secondo tempo, l'Hellas Verona si trova ancora in vantaggio per 1 a 0 sull'Udinese. I Bianconeri di Colantuono cominciano ad affacciarsi di più nella metà campo avversaria specialmente con l'ingresso di Thereau, al posto dell'acciaccato Iturra, bravo a calciare sia al 57' che al 61' e al quale risponde Sala al 58'. Tra i padroni di casa invece Matuzalem ha lasciato il posto a Pisano e al 63' Badu viene inserito al posto di Marquinho per i Friulani.

La partita del Bentegodi è ripresa da circa cinque minuti ed il punteggio non è cambiato con l'Hellas che sta vincendo sull'Udinese per 1 a 0. L'inizio del secondo tempo è caratterizzato da una fase confusionaria del match con le due formazioni incapaci di concretizzare le proprie ripartenze. Al 50' arriva pure l'ennesimo tiro di Bruno Fernandes che rimane l'unico giocatore bianconero in grado di impensierire i gialloblu di Mandorlini.

Al Bentegodi di Verona l'Hellas e l'Udinese sono rientrate negli spogliatoi all'intervallo sul punteggio di 1 a 0. Al 40' Siligardi entra in area bianconera e viene messo giù da Wague: Gavillucci non ha dubbi e concede il calcio di rigore ammonendo il giocatore dell'Udinese. Pazzini al 41' dal dischetto insacca di potenza e Karnezis intuisce soltanto il tiro dell'attaccante gialloblu. Nel finale di frazione la formazione di Colantuono si affaccia in avanti con una serie di calci d'angolo decisamente poco produttivi.

Quando siamo arrivati ormai al trentacinquesimo del primo tempo, il Verona e l'Udinese non hanno ancora sbloccato il punteggio che persiste sullo 0 a 0. La squadra di Mandorlini continua ad avere in mano la gara ma sfiora soltanto la rete al 22' con Pazzini da due passi. Il resto è solo un possesso abbastanza sterile che porta a diversi calci d'angolo mal gestiti e cross diretti oltre la linea di fondo. Gli ospiti continuano a farsi vivi con Fernandes, l'unico a riuscire ad andare al tiro.

A Verona la partita tra Hellas e Udinese è arrivata al ventesimo del primo tempo e il risultato resta fermo sullo zero a zero. I padroni di casa fanno la partita mantenendo il possesso del pallone e rendendosi pericolosi con un colpo di testa di Siligardi al 13' deviato in calcio d'angolo da Adnan. Gli ospiti invece faticano a costruire la ripartenza e non approfittano dei calci di punizione conquistati commettendo fallo in attacco. Dubbi al 20' su un tocco di braccio di Danilo ma Fernandes non si ferma e tira per la seconda volta nell'intera sfida.

Al rientro dalla sosta per le Nazionali, al Bentegodi di Verona l'Hellas di Mandorlini affronta l'Udinese di Colantuono e, quando la partita è ormai iniziata da cinque minuti, le due formazioni si trovano ancora sullo 0 a 0. I Gialloblu cercano di passare subito a sinistra al 3' con un'iniziativa di Juanito Gomez portandosi tuttavia il pallone oltre la linea di fondo e sul calcio d'angolo al 4' Karnezis esce bene in presa alta. I Bianconeri rispondo con un tiro di Bruno Fernandes parato in corner da Rafael a braccia unite.

Verona-Udinese comincia: l’interessante derby triveneto vale per l’ottava giornata del campionato di Serie A 2015-2016 e mette di fronte due squadre che sono partite un po’ a singhiozzo in questa stagione, dunque alla ricerca di punti importanti per risalire la china. Il Verona, inoltre, deve ancora vincere la prima partita in campionato. Diamo dunque uno sguardo alle formazioni ufficiali di Verona-Udinese, calcio d’inizio alle ore 15. Hellas Verona (4-3-3): Rafael A.; Sala, Moras, Marquez, Souprayen; L. Greco, Matuzalem, Hallfredsson; Juanito Gomez, Pazzini, Siligardi. In panchina: Gollini, F. Coppola, Bianchetti, Helander, Albertazzi, E. Pisano, Winck, Ionita, Zaccagni, Wszolek, Jankovic. Allenatore: Andrea Mandorlini : Karnezis; Wague, Danilo, Felipe; Edenilson, Iturra, Lodi, Marquinho, Alì Adnan; Fernandes; Di Natale. In panchina: Meret, Romo, Camigliano, Piris, Domizzi, Insua, Badu, Widmer, Pontisso, Aguirre, Thereau, Perica. Allenatore: Stefano Colantuono

Il Verona di Andrea Mandorlini dovrà vedersela con l'Udinese di Stefano Colantuono tra le mura amiche dello Stadio Bentegodi. Gli scaligeri di solito usano il 4-3-3 mentre i friulani adottano un più morigerato 3-5-2. Senza Luca Toni i padroni di casa faranno gravitare il gioco attorno a Pazzini, giocatore di caratura altrettanto importante ma con diversi centimetri in meno. Questo impedirà alla squadra di gettare palla in profondità nei momenti di difficoltà e li obbligherà a giocare molto di più il pallone. Dall'altra parte invece gli esterni Ali Adnan ed Edenilson saranno fondamentali nel velocizzare le due fasi di gioco.

Al Marcantonio Bentegodi di Verona, la formazione di casa prova e levarsi di dosso l'etichetta di unica squadra ancora a secco di vittorie in Serie A contro l'Udinese. La squadra di Mandorlini, infatti, dopo 7 giornate ha collezionato 4 pareggi e 3 sconfitte ed ora è terz'ultima in classifica. L'Udinese di Colantuono proviene dal pareggio interno col Genoa (1-1) e vorrebbe tornare alla vittoria per allontanarsi dalla zona retrocessione. Lo scorso anno i due scontri diretti si sono conclusi con una vittoria a testa per entrambe le squadre: all'andata (14 dicembre 2015 allo stadio Friuli) il Verona espugnò il campo dell'Udinese col punteggio di 1-2; al ritorno (3 maggio 2015 al Bentegodi) la formazione friulana si impose col risultato di 0-1, il gol vittoria fu segnato da Totò di Natale. Il bilancio dei precedenti dal 1999 a oggi è di tre vittorie a testa per Udinese e Verona e quattro pareggi. 

Questa Verona-Udinese è una partita critica soprattutto per il Verona di Mandorlini che almeno recupererà Pazzini. L’Udinese invece vuole continuare a vincere sperando nel genio di Di Natale. Il Verona quest’anno non ha iniziato bene e ha siglato solo 6 gol, uno in più l’Udinese che non riesce a servire al meglio i propri attaccanti. Il problema è che entrambe le formazioni tirano poco in porta, solo 54 tiri totali per il Verona, 23 in porta e 31 fuori. L’Udinese ha invece tirato 59 volte, 28 in porta e 31 fuori. Verona che ha totalizzato 13 assist totali, tre decisivi mentre l’Udinese è a quota 15 totali con 6 decisivi. Verona che quest’anno non ha ancora sfruttato a dovere Luca Toni che è fuori per infortunio, solo 46 cross utili e 19 sbagliati, mentre l’Udinese è a quota 51 utili e 44 sbagliati. Due formazioni che in campo hanno la stessa media a livello di km percorsi, 102,84 per i friulani, 102,67 per gli scaligeri. Entrambe però vorranno prendere il predominio del centrocampo e vincere la partita. 

Sarà diretta dall'arbitro Gavillucci, appuntamento alle ore 15.00 di questo pomeriggio presso lo stadio Marcantonio Bentegodi della città veneta per questo derby del Nord-Est. L'Hellas Verona è l'unica formazione che in questa Serie A non è ancora riuscita a conquistare una vittoria: tre sconfitte e quattro pareggi che hanno portato altrettanti punti in classifica. Per la formazione di Andrea Mandorlini un inizio inusuale rispetto a quello degli ultimi due anni, stagioni in cui gli scaligeri sono arrivati prima a sfiorare la qualificazione in Europa League e poi ad ottenere una più che agevole salvezza. 

La situazione ora rischia di farsi difficile, anche se nel derby contro il Chievo i gialloblu hanno dimostrato quel carattere che sarà probabilmente indispensabile per rimanere in Serie A. Di fronte ci sarà un'Udinese a sua volta reduce da una fase iniziale di campionato molto complessa, con il colpaccio in casa della Juventus seguita per la squadra allenata da Stefano Colantuono da quattro sconfitte consecutive, serie dalla quale è uscita grazie alla vittoria di Bologna e al pareggio casalingo contro il Genoa, che hanno portato ossigeno prezioso a una classifica che si era fatta molto deficitaria. Ci attende dunque un match in cui per entrambe le squadre ci sarà ben poco da concedere agli avversari.

Lo scorso campionato ma pochi mesi fa, il 3 maggio 2015, l'Udinese riuscì ad espugnare il Bentegodi grazie ad una rete realizzata dall'eterno Totò Di Natale. Nella stagione precedente, in un match giocato sempre nel mese di maggio (per la precisione era l'11 maggio 2014), il Verona fu bloccato sul pareggio dai friulani in un 2-2 ricco di emozioni: gol di Toni, Hallfredsson, Di Natale e Badu. 

L'ultimo successo degli scaligeri sui bianconeri risale al 14 aprile del 2002: vittoria 1-0 prima del lungo esilio dell'Hellas dal massimo campionato, terminato nel 2013 dopo undici stagioni. 

Sicuramente per questa tentennante partenza in campionato il Verona ha pagato l'assenza di quello che nelle ultime due stagioni è stato senza ombra di dubbio il suo uomo simbolo, quel Luca Toni capace addirittura lo scorso anno di issarsi in vetta alla classifica cannonieri, anche perché si è fatto male quasi in contemporanea anche Giampaolo Pazzini. Infortuni che non ci volevano in casa veneta, mentre nel pari contro il Genoa l'Udinese ha ritrovato in zona gol un altro veterano della Serie A, quel Di Natale che con la sua esperienza è sempre in grado di fare la differenza sotto porta. Adesso però la parola passa al campo: la diretta di Verona-Udinese sta per cominciare...

La diretta tv di Verona-Udinese è affidata in esclusiva ai canali della pay tv satellitare, in particolare Sky Calcio 5 (il numero 255), che detiene i diritti di entrambe queste squadre. Tutti gli abbonati avranno anche la possibilità di seguire la partita anche in diretta streaming video, attivando senza costi aggiuntivi l’applicazione Sky Go che consente di visualizzare le immagini su supporti digitali come PC, tablet e smartphone. Ricordiamo inoltre gli account ufficiali che la Lega mette a disposizione per tutti gli aggiornamenti utili: li trovate su facebook.com/serieatim e, su Twitter, all’indirizzo @SerieA_TIM.