BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Risultati Ligue 1/ Le partite, i marcatori e la classifica aggiornata (10a giornata, 16-18 ottobre 2015)

Risultati Ligue 1, le partite i marcatori e la classifica aggiornata (10a giornata, 17-19 ottobre 2015). Facciamo il punto sulla decima giornata del campionato francese

Zlatan Ibrahimovic, attaccante PSG (Infophoto) Zlatan Ibrahimovic, attaccante PSG (Infophoto)

Andiamo a fare il punto sulla Ligue 1, analizzando i risultati del decimo turno e dando uno sguardo alla nuova classifica. Il dominio del Paris Saint Germain non si arresta, Angers e Caen continuano a sorprendere, la crisi del Marsiglia non si ferma. Sono questi i verdetti principali della decima giornata della Ligue 1, con il massimo campionato francese che ha regalato più conferme che sorprese, una volta superato ormai un quarto del suo svolgimento. La capolista continua a guardare tutti dall'alto verso in basso, con cinque punti di vantaggio sulla coppia delle inseguitrici e sette sul Saint Etienne, quarto. Il Paris Saint Germain ha ottenuto la sua ottava vittoria in dieci partite fin qui disputate andando ad espugnare anche il campo del Bastia. Secco due a zero per la squadra di Laurent Blanc, grazie alla doppietta di Zlatan Ibrahimovic, ora attesa dalla supersfida in Champions League contro il Real Madrid. Una partita comunque più combattuta del previsto, con la formazione corsa capace di resistere fino a diciotto minuti dalla fine sullo zero a zero. Alle spalle del PSG schiacciasassi, ecco la coppia degli outsider composta da Angers e Caen, entrambe a quota ventuno punti ed entrambe vincenti in trasferta e alla terza vittoria consecutiva. Tante analogie nelle due formazion,i che hanno dimostrato di avere tutto per continuare a stupire. Il Caen è passato di misura sul campo del Reims grazie ad una rete realizzata da Feret a un quarto d'ora dalla fine. L'Angers si è ritrovato sotto a Tolosa a causa della rete di Frejo, ma ha poi saputo ribaltare la situazione con gli acuti di N'Doye e Camara già nel corso della prima frazione di gioco. Vantaggio mantenuto fino al triplice fischio finale, e in zona Champions ci sono ora due squadre che nessuno si sarebbe aspettato di trovare a questo punto del campionato. Resta quarto il Saint Etienne, che battendo in casa il Gazelec Ajaccio (solo tre pareggi e sette sconfitte finora per la formazione della Corsica) ha rimediato dopo le ultime due sconfitte consecutive contro Nizza e Caen. Match immediatamente in discesa allo stadio 'Geoffroy-Guichard' per i padroni di casa, avanti grazie alla rete del centravanti Beric. Ci ha pensato Monnet-Paquet nella parte conclusiva della gara a mettere in cassaforte tre punti che valgono oro in chiave europea. Le grandi infatti continuano a stentare, e alle spalle del Paris Saint Germain sembra infatti tutto possibile in questa Ligue 1. Monaco e Lione si sono annullate a vicenda nello scontro diretto di venerdì sera. I padroni di casa del Principato hanno chiuso il primo tempo in vantaggio grazie alla rete realizzata da Pasalic, ma si sono poi ritrovati in dieci uomini nel corso della seconda frazione di gioco a causa dell'espulsione di Wallace. Ne hanno approfittato gli ospiti, che hanno trovato il pari a sei minuti dalla fine con Rafael; nelle ultimissime battute nel Monaco dentro l'azzurro El Shaarawy, ma non è bastato per ritrovare il vantaggio. Il Lione è steso appaiato dal Rennes a quota sedici punti, due lunghezze indietro, il Monaco divide il decimo posto in compagnia del Guingamp. Un rendimento non memorabile, ma sicuramente migliore di quello di un Marsiglia che non riesce proprio a scuotersi dal torpore. Al 'Velodrome' i biancazzurri hanno fallito nuovamente il ritorno alla vittoria che in campionato manca ormai da cinque partite. Contro il Lorient era sembrata la volta buona grazie alla rete realizzata su rigore da Batshuayi, ma già nel primo tempo gli ospiti hanno trovato il pareggio andando a segno con il camerunese Moukandjo. Secondo tempo senza reti e ora la situazione di classifica per il Marsiglia, quintultimo con soli nove punti, inizia a farsi davvero preoccupante. A salvare la formazione allenata dallo spagnolo Michel è l'andamento lento delle squadre che occupano le ultime tre posizioni, quelle che costano la retrocessione in Ligue 2. Detto del Gazelec Ajaccio, battuto dal Saint Etienne e ancora solo all'ultimo posto in classifica, il Troyes, con quattro punti, resta penultimo, alla quarta sconfitta nelle ultime cinque partite (reti di Rongier, Sabaly e Bammou). Terzultimo è il Montpellier con cinque punti, unica formazione tra quelle dei bassifondi che ha potuto però archiviare positivamente il decimo turno di campionato grazie al pari esterno ottenuto sul difficile campo del Bordeaux. Uno zero a zero che non può di certo rendere soddisfatto il tecnico dei girondini Willy Sagnol, che vede la sua squadra ancora quattordicesima, con sole due lunghezze di vantaggio sul deludente Marsiglia. A chiudere il quadro della giornata, l'ennesima goleada del Nizza ora quinto in classifica. La squadra della Costa Azzurra è un vero e proprio caso: ventiquattro reti in dieci partite, miglior attacco del campionato (tre gol in più della capolista PSG), diciassette delle quali realizzate nelle ultime quattro partite, tutte vinte! Anche in casa del Rennes la squadra allenata da Puel ha regalato spettacolo, andando a segno con Bodmer, Ben Arfa, Traore e Benrahma, per il secondo poker esterno consecutivo dopo quello realizzato in casa del Saint Etienne.