BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Pagelle/ Fiorentina-Lech Poznan (0-2): i voti della partita (Europa League 2015-2016, gruppo I)

Pubblicazione:giovedì 22 ottobre 2015 - Ultimo aggiornamento:giovedì 22 ottobre 2015, 22.09

Jakub 'Kuba' Blaszczykowski, 29 anni (INFOPHOTO) Jakub 'Kuba' Blaszczykowski, 29 anni (INFOPHOTO)

LE PAGELLE DI FIORENTINA-LECH POZNAN 0-2 (EUROPA LEAGUE 2015-2016, GRUPPO I): I VOTI DELLA PARTITA - Nonostante il supporto del pubblico dell'Artemio Franchi, la Fiorentina cade fra le mura amiche contro il Lech Poznan nella terza giornata del Girone I di Europa League. Tardiva la reazione degli uomini di Sousa ai gol di Kownacki e Gajos: la rete di Giuseppe Rossi è solo un'illusione che non fa altro che aumentare il rammarico per una grande occasione mancata.

VOTO FIORENTINA 5: La squadra di Paulo Sousa rischia di pagare a caro prezzo la serataccia odierna. Non è questa la squadra che ha meritato la prima posizione in Serie A. Disattenzioni difensive e possesso di palla sterile confezionano l'exploit polacco a Firenze. CLICCA QUI PER LE PAGELLE DELLA FIORENTINA

VOTO LECH POZNAN 7: Partita perfetta per gli uomini di Urban, che dopo aver resistito per larghi tratti ai tentativi avvolgenti dei toscani, colpiscono alle prime due vere occasioni con Kownacki e Gajos. Solo nel finale rischiano di perdere quanto di buono creato fino ad allora, ma la buona sorte premia l'impegno dei polacchi con i 3 punti. CLICCA QUI PER LE PAGELLE DEL LECH POZNAN

VOTO SIG. MAZEIKA 6,5: Il direttore di gara lituano dirige in maniera impeccabile l'incontro tra Fiorentina e Lech Poznan. Poche le situazioni dubbi: sacrosanto il rosso a Rebic nel finale.

LE PAGELLE DI FIORENTINA-LECH POZNAN (EUROPA LEAGUE 2015-2016, GRUPPO I): I VOTI DEL PRIMO TEMPO - La Fiorentina di Paulo Sousa ospita allo Stadio Artemio Franchi i polacchi del Lech Poznan nel match valido per la terza giornata del girone I di Europa League. I viola si schierano con il classico 3-5-2: davanti a Sepe (voto 6), i tre centrali sono Roncaglia (voto 6), Tomovic (voto 6) e Astori (voto 6,5). La mediana toscana vede nel ruolo di centrale l'ex Atletico Madrid Mario Suarez (voto 6), con Mati Fernandez (voto 5,5) e lo spagnolo Verdù (voto 6) nel ruolo di mezzeali; sugli esterni agiscono invece il giovane Rebic (voto 6,5)e l'esperto Pasqual (voto 6). La fase offensiva è affidata alla vena di Giuseppe Rossi (voto 6) e al El Khouma Babacar (voto 5,5).

La formazione polacca scende in campo con un camaleontico 4-2-3-1 pronto a trasformarsi in un solido 4-5-1 in fase difensiva: tra i pali il portiere Buric(voto 6) è protetto da una linea a 4 composta da destra verso sinistra da Kedziora (voto 6), Kadar (voto 5,5), Dudka (voto 6) e Kaminski (voto 6). Nel ruolo di interditori agiscono Tetteh (voto 6,5) e Tralka (voto 6), con Formella (voto 6), Holman (voto 6) e Lovrencsics (voto 6,5) a muoversi sul fronte d'attacco alle spalle dell'unica punta Thomalla (voto 6,5).

VOTO FIORENTINA 5,5:Manovra lenta e prevedibile per gli uomini di Paulo Sousa, che fatta eccezione per un buon avvio di gara, si rendono protagonisti di un primo tempo sonnolento in cui non riescono mai ad impensierire Buric. MIGLIORE FIORENTINA: REBIC VOTO 6,5: Il croato riesce a saltare l'uomo con continuità. Mina vagante per la difesa polacca. Certamente è il giocatore più pericoloso della squadra di Sousa. PEGGIORE FIORENTINA: BABACAR VOTO 5,5: Si fa pescare tre volte in fuorigioco e soffre il duello fisico con i centrali polacchi. Da lui ci si attende una prestazione di diversa caratura.

VOTO LECH POZNAN 6,5: Impediscono ai viola di esprimersi con disinvoltura chiudendo tutte le linee di passaggio. Partita ordinata e intelligente. MIGLIORE LECH POZNAN: THOMALLA VOTO 6,5: Al contrario del suo collega di ruolo Babacar, la sua presenza in avanti si sente eccome. Si muove su tutto il fronte d'attacco ed è spesso coinvolto in combinazioni pericolose per la retorguardia viola. Finora tra i più positivi. PEGGIORE LECH POZNAN: KADAR VOTO 5,5: Soffre la vena di un Rebic scatenato sulla fascia destra. I suoi interventi riescono a stoppare l'avanzata del croato raramente. Sempre in difficoltà. (Dario D'Angelo)


  PAG. SUCC. >